Guillermo del Toro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guillermo del Toro Gómez

Guillermo del Toro Gómez (Guadalajara, 9 ottobre 1964) è un regista, sceneggiatore, produttore cinematografico e scrittore messicano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Da giovane Del Toro studiò nell'Istituto de Ciencias, a Guadalajara, e fu cresciuto dalla nonna, molto cattolica. Ebbe il suo primo coinvolgimento con il mondo del cinema quando aveva circa 8 anni, fino a quando, nel 1986, produsse il suo primo film, all'età di 21 anni. Prima di ciò passò circa 10 anni come disegnatore di make up, e formò la sua compagnia, Necropia, nei primi anni ottanta. Inoltre fondò assieme ad altri il Guadalajara Mexican Film Festival. Più tardi nella sua carriera formò la sua propria compagnia di produzione, la Tequila Gang.

Nel 1998 il padre fu rapito in Messico e liberato solo dietro il pagamento di un riscatto. L'evento convinse Del Toro e la sua famiglia ad espatriare negli States, vivendo in California.

Carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

Del Toro nel 2013

Ha diretto film di varia natura, dagli adattamenti di alcuni fumetti (Hellboy e Blade II) al fantasy storico e al film horror, due dei quali sono ambientati in Spagna durante o appena dopo la guerra civile spagnola, sotto il governo autoritario di Francisco Franco. Questi due film, El Espinazo Del Diablo (La spina del diavolo) e El laberinto del fauno (Il labirinto del fauno), sono fra i suoi lavori più apprezzati. Essi, inoltre, hanno impostazione, protagonisti (dei bambini), e temi (ad esempio la relazione tra fantasy e horror e la difficoltà di vivere in un periodo di dittatura autoritaria) simili al film spagnolo del 1973 El espíritu de la colmena (Lo spirito dell'alveare), generalmente considerato uno dei migliori film spagnoli degli anni settanta.

Del Toro alla trasmissione Leonard Lopate Show, sulla WNYC, una delle maggiori radio di New York, ha fatto una lista dei suoi maggiori interessi, che sono diventati elementi caratteristici dei suoi film: "Io ho una sorta di feticismo per gli insetti, i meccanismi ad orologeria, i mostri, i luoghi oscuri", tutte cose che possono facilmente essere ritrovate in ognuno dei suoi lavori più celebri. Specialmente i mostri sono un elemento abbastanza frequente; in alcune recenti interviste Guillermo ha dichiarato che è sempre stato "innamorato dei mostri. Il mio fascino per loro è molto antropologico [...] Io li studio, li disseziono in molti dei miei film: voglio sapere come lavorano, come appaiono nel loro intimo, come è la loro sociologia". Ha inoltre menzionato quali sono stati i suoi ispiratori, quali Arthur Machen, Lord Dunsany, Clark Ashton Smith, Howard Phillips Lovecraft, e Jorge Luis Borges. In una sua intervista, Del Toro definisce se stesso "un cattolico decaduto - a cui piace il taoismo", ma nella stessa intervista dice anche "una volta cattolico - cattolico sempre".

Del Toro è molto amico di due dei più promettenti e apprezzati cineasti messicani, quali Alfonso Cuarón e Alejandro González Iñárritu. I tre spesso si influenzano tra loro sulle decisioni artistiche (Cuarón, inoltre, fu uno dei produttori de Il labirinto del fauno). Tutti e tre sono stati nominati per il premio Oscar: Del Toro per la sceneggiatura originale de Il labirinto del fauno (il film ricevette altre 6 candidature, incluso "miglior film straniero"), Cuarón per la sceneggiatura non originale de I figli degli uomini e Iñárritu per aver prodotto, diretto e sceneggiato Babel.

Nel 2011, al Los Angeles Film Festival, intervistato in pubblico da Doug Jones ha parlato de L'arcano incantatore film del 1996 di Pupi Avati. Mentre stava lavorando a Mimic nel 1997, alcuni suoi amici gli parlarono del film gotico di Avati. Del Toro recuperò L'arcano incantatore in VHS e, dopo averlo visto, ne restò entusiasmato al punto da mostrare la pellicola all'amico Quentin Tarantino.[1]

Del Toro ha rifiutato di dirigere Io sono leggenda, Chiamata senza risposta e Halo per lavorare ad Hellboy - The Golden Army[senza fonte].

Il 25 aprile 2008 Del Toro ha firmato un contratto per dirigere i due film Lo Hobbit in maniera consequenziale e ha annunciato che dopo circa un anno e mezzo di preproduzione le riprese avranno inizio nel 2009.[2] Inoltre insieme a Peter Jackson (regista della trilogia Il Signore degli Anelli e produttore dei due film), Fran Walsh e Philippa Boyens curerà la sceneggiatura dei due film. Del Toro ha abbandonato la regia del film il 31 maggio del 2010 per i continui ritardi dichiarando:

« Alla luce dei prolungati ritardi nel decidere quando dare inizio alle riprese dello Hobbit, sono costretto a prendere la decisione più difficile della mia vita. Dopo quasi due anni passati a vivere, respirare e progettare un mondo ricco come quello della Terra di Mezzo di Tolkien, devo, con profondo disappunto, abbandonare la regia di questi due meravigliosi film. [...] Le benedizioni sono state numerose, ma le pressioni crescenti e i conflitti con altri progetti già programmati hanno sommerso il tempo originariamente previsto per il film. [...] Rimango un alleato dei suoi realizzatori attuali e futuri, e supporterò totalmente una transizione dolce verso un nuovo regista »
(Guillermo del Toro[3])

Il 28 maggio spiegò in una conferenza stampa che a causa dei problemi finanziari della MGM il progetto non aveva ancora ricevuto il via libera[4]. Del Toro disse:

« Non ci può essere una data di inizio riprese finché la MGM non risolve i suoi problemi... abbiamo ideato tutte le creature. Abbiamo progettato i set e i costumi. Abbiamo finito l'animatic e pianificato scene di azione molto lunghe. Ci sono scene spaventose e scene divertenti e siamo tutti preparati per quando avremo il via libera, ma non possiamo fare nulla finché questa situazione non si risolve. »
(Guillermo del Toro[5][6])

In questo modo, liberato da ogni vincolo, si dedicò alla realizzazione cinematografica de Le montagne della follia, da un romanzo di Howard Phillips Lovecraft. Il progetto, come molti altri del regista, venne annullato perché ritenuto troppo costoso e rischioso da portare sul grande schermo. Del Toro si è poi dedicato a un nuovo film, il colossal di fantascienza Pacific Rim, uscito nell'estate 2013.

Nel 2014 del Toro esordisce in tv con The Strain, serie tv di FX creata da del Toro e Chuck Hogan, basata sull'omonimo libro (La progenie in Italia) scritto dai due autori. Del Toro ha scritto e diretto il primo episodio e sarà produttore esecutivo della serie insieme a Hogan.

È impegnato nella post-produzione di Crimson Peak, film da lui diretto, scritto e prodotto in uscita nell'ottobre 2015.

Poetica e stile[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile registico e la poetica di Gulliermo del Toro sono evidenziabili nella maggior parte dei suoi film. Del Toro collega spesso la favola all'horror accentuando il lato poetico e visionario[7]. Non ha mai nascosto la sua passione per i mostri, che considera simbolo di grande potere[8]. Sfrutta le suggestioni per gli insetti, sull'immaginario religioso, i temi del Cattolicesimo e sulla celebrazione dell'imperfezione. Lo affascinano inoltre il sottosuolo e la sua vita come anche gli orologi e i meccanismi che li compongono. Del Toro ha mostrato inoltre grande interesse per la storia della Spagna nel periodo franchista.

L'approccio fotografico di ogni suo film, agevolato dalla frequente collaborazione con il direttore della fotografia Guillermo Navarro, si fonda sempre su molti tagli di luce di un colore dominante: l'ambra. Del Toro inoltre nei suoi film fa un largo uso di effetti speciali generati al computer, come è possibile vedere per esempio in Pacific Rim, tuttavia il regista messicano preferisce spesso utilizzare una commistione fra trucco e i vari tipi di effetti speciali: meccanici, visivi e digitali. Ha inoltre dimostrato una certa predilezione per scene horror che facciano un uso del sangue al limite del granguignolesco e del gore, basti pensare ad alcune delle scene de Il labirinto del fauno.

Progetti falliti[modifica | modifica wikitesto]

Frankenstein[modifica | modifica wikitesto]

Del Toro ha dichiarato d'aver sempre desiderato lavorare a una propria versione cinematografica del romanzo della Shelley partendo da alcuni punti cardine: indipendenza dalla trama centrale del romanzo al fine di mostrare un'intensa storia d'avventura che coinvolga il mostro; mostrare una fedele "tragedia miltoniana" per evolvere la "quasi" perfetta sceneggiatura di Frank Darabont per il Frankenstein di Mary Shelley, combinare elementi caratteristici dei film Frankenstein (1931) e La moglie di Frankenstein senza correre il rischio di ritrarre il classico mito del mostro, nella speranza di fare il film che nessuno in precedenza è riuscito a fare. Il progetto è stato annunciato dal regista a MTV il 2 gennaio 2008 nel corso di un'intervista, indicando d'essersi avviato nelle prime fasi di una lunga e difficile pre-produzione, con l'intenzione di non trasporre integralmente il romanzo ma di permutarne il contenuto per dirigere la propria versione, altrimenti sarebbe stato costretto a una miniserie di 4 ore.

Per la ricreazione del mostro, Del Toro si è affidato ad alcune illustrazioni di Bernie Wrightson, curatore delle parti grafiche de Bernie Wrightson's Frankenstein, decidendo di mostrare una versione minuta e scheletrica contrariamente a quelle apparse nelle precedenti trasposizioni dell'opera; mostrando interesse nel coinvolgimento dell'artista per aiutarlo nella creazione del mostro. Inoltre ha steso personalmente degli schizzi della creatura prima che iniziasse lo sciopero degli sceneggiatori (2007-2008), nella speranza di utilizzarli per il film.

La sceneggiatura si incentrerà molto sugli aspetti religiosi del romanzo; comunque, dati i numerosi incarichi che coinvolgono il regista, la lavorazione non comincerà prima di 4 anni.

Per interpretare il mostro di Frankenstein era stato scritturato Doug Jones[9] su pressioni di del Toro, che gli aveva relegato un ruolo anche in un altro adattamento cui sta dedicandosi: Lo Hobbit. Jones aveva sostenuto alcune sedute preliminari con i truccatori prima delle riprese per verificare il trucco del mostro.

Il progetto era poi stato annullato.

3993[modifica | modifica wikitesto]

3993 (il titolo è la combinazione di due date storiche importanti per la trama: 1939 e 1993) è un progetto annunciato nel 2007 e inizialmente previsto per uscire nel 2009 ma slittato a causa dei numerosi impegni del regista. Trattato come terzo ed ultimo episodio della trilogia sulla guerra civile spagnola composta da La spina del diavolo e Il labirinto del fauno, la sceneggiatura fu scritta da Sergio G. Sánchez e terminata nel gennaio 2008. Il progetto è poi stato abbandonato.

Tarzan[modifica | modifica wikitesto]

Del Toro, ammiratore e appassionato dei fumetti di Tarzan, basati sull'omonimo racconto di Edgar Rice Burroughs, dichiarò nel 2006 che gli avrebbe fatto piacere lavorare a un nuovo film sull'esotico personaggio, magari collaborando con John Collee per la realizzazione della sceneggiatura dal momento che il regista sarebbe stato allontanato a causa dei numerosi progetti cui concorreva. Il regista spiegò come la sua versione sarebbe rimasta un film per famiglia ma più tesa e slanciata dove possibile, rivelando inoltre che avrebbe trattato tematiche centrali e importanti del racconto tra le quali la sopravvivenza in un ambiente ostile. La Warner Bros si interessò al sostenimento del progetto. Dopo diversi anni di sviluppo inconcludenti, nel settembre 2008 la Warner Bros. entrò in negoziati con Stephen Sommers come sostituto di Del Toro a causa del suo impegno nella trasposizione di Lo Hobbit che gli rubò molto del tempo da dedicare al film su Tarzan.[10]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Del Toro ha dichiarato che avrebbe diretta una nuova trasposizione su grande schermo del romanzo Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson. La produzione è cominciata nel 2008. In seguito, nel giugno 2009, del Toro ha dichiarato che si sarebbe occupato solo della produzione del film, mentre avrebbe diretto la trasposizione di Frankenstein. L'intenzione è quella di rendere "perversa" la trasformazione di Jekill in Hyde fino a renderla una sorta di dipendenza, ambientare la trama all'epoca della pubblicazione, e di ritrarre fedelmente il romanzo.
  • Nel 2008 Del Toro annunciò che dopo la realizzazione de Lo Hobbit avrebbe voluto dedicarsi a un film in stop motion basato sul racconto Pinocchio, aiutandosi nella scrittura della sceneggiatura con Gris Grimly, quest'ultimo incaricato co-regista insieme con Adam Parrish King, e intenzionato a completare l'intero progetto entro tre anni. Con la Jim Henson Company come studio di produzione, e Nick Cave come compositore della colonna sonora, Del Toro si assicurò d'essere anche produttore, premettendo che il film avrebbe avuto toni molto più cupi rispetto alle precedenti versioni.[11]
  • Nel giugno 2009 del Toro debuttò come scrittore, pubblicando il romanzo La progenie (The Strain), primo libro di una trilogia vampiresca scritta quattro mani con Chuck Hogan che è continuata con La caduta (The Fall) e si è conclusa con Notte eterna (The Night Eternal). Del Toro concepì The Strain nel 2006 come serie televisiva, ma lo sviluppo si fermò quando il presidente della Fox gli chiese di trasformare la serie in una serie comedy, cosa che il regista messicano non voleva assolutamente fare. Un agente del network suggerì di sviluppare il concept dello show in una serie di libri Del Toro chiese allora a Chuck Hogan di aiutarlo a scrivere i libri, spiegando di voler dare alla serie un tono realistico e da procedural, Hogan acconsentì dopo aver letto solo una pagina e mezzo del soggetto di dodici pagine scritto dal del Toro. Il duo collaborò per il primo anno senza un contratto o un accordo con un editore. Dopo l'uscita del primo libro gli studios e i network televisivi cominciarono a fare delle offerte per ottenere i diritti cinematografici e televisivi, ma del Toro e Hogan declinarono tutte le proposte, affermando di non voler essere influenzati dalla trasposizione mentre stavano ancora scrivendo i libri. Dopo la pubblicazione del terzo libro gli autori iniziarono delle trattative con tutti i canali via cavo che avevano espresso interesse. Nel novembre 2013, la FX confermò lo sviluppo della serie televisiva The Strain, basata sulla trilogia vampiresca, che debutta nel luglio 2014[12] per la regia dello stesso del Toro che ha girato personalmente l'episodio pilota.
  • Nel 2009, Del Toro strinse un accordo con la Disney un accordo per poter lanciare una nuova etichetta, la Disney Double Dare You, dedicata alla realizzazione di lungometraggi animati del terrore per un pubblico di tutte le età: il primo film previsto, intitolato Trollhunters e basato su una storia scritta da Del Toro stesso, fu il primo film annunciato per questo progetto.[13] Tuttavia, l'accordo tra la Disney e Del Toro sfumò nel 2010.[14] Questo fatto spinse il regista messicano ad avvicinarsi alla DreamWorks Animation,[15] con cui collaborò alla realizzazione di Megamind (di cui ideò la scena di apertura del film)[16] e con cui produsse Il gatto con gli stivali, Kung Fu Panda 2 e Le 5 leggende. In seguito annunciò la realizzazione del film Trollhunters con la stessa DreamWorks Animation.[17]
  • Al VGA 2010 annunciò inSANE, un nuovo videogioco horror da lui diretto.[18] Il titolo, sviluppato da Volition, prodotto da THQ e con data di rilascio fissata al 2013, fu concepito come primo capitolo di una trilogia.[19] Tuttavia, il videogioco venne cancellato nell'agosto del 2012 da THQ, che restituì i diritti sulla proprietà intellettuale a Del Toro.[20] Il regista messicano, a questo punto, entrò in trattative "con una grande, grande compagnia" per poter sviluppare e pubblicare il titolo horror.[21]
  • Al Comic-Con del 2010, del Toro ha dato l'annuncio a sorpresa che avrebbe co-sceneggiato, prodotto e probabilmente diretto una versione 3D La casa dei fantasmi per la Disney. Del Toro ha dichiarato che il film saprà allontanarsi dalla natura comica del film del 2003[22][23].
  • Nel 2012, Del Toro ha annunciato la realizzazione per la Warner Bros. di un film in live action di La bella e la bestia con Emma Watson nei panni della protagonista.[24] Nel 2014, il regista messicano ha abbandonato la cabina di regia e si ricoprirà il ruolo di produttore. Questa decisione è stata influenzata dai conflitti di programmazione nell'agenda di Del Toro: nello stesso periodo, infatti, è stato occupato nella post-produzione di Crimson Peak e nella sceneggiatura del sequel di Pacific Rim.[25]
  • Nello stesso anno, il regista ha iniziato a lavorare ad una nuova versione televisiva di Hulk per il canale ABC.[26] Sfortunatamente, il progetto è stat cancellato nel 2013.[27] Nelle intenzioni di Del Toro, la serie avrebbe visto come protagonista un Bruce Banner venticinquenne, e per questo motivo molto vitale, e il mostro sarebbe stato realizzato attraverso l'uso di make-up, pupazzi (forse animatronici) e CGI.[28]
  • Del Toro nel corso del 2013 si è legato ad un altro progetto, ovvero l'adattamento cinematografico di Mattatoio n. 5, la cui sceneggiatura sarà firmata da Charlie Kaufman.[29]
  • Sempre nel 2013, il regista si è avvicinato al canale televisivo HBO, con cui svilupperà una serie TV basata sul manga Monster di Naoki Urasawa.[30]
  • Il regista messicano è stato anche scelto per dirigere un film sulla Justice League Dark (di cui fanno parte John Constantine, Swamp Thing, Deadman, Spettro, Zatanna e Etrigan), il cui titolo è stato cambiato da Heaven Sent[31], in Dark Universe[32] e, infine, in Justice League Dark.[33]
  • Al Gamescom 2014 viene annunciata la collaborazione tra Guillermo Del Toro e Kojima Productions per lo sviluppo di Silent Hills, nuovo capitolo della nota serie videoludica[34], ma il 26 aprile 2015 lo stesso Del Toro dichiara che il gioco non si farà.[35]
  • Del Toro ha dichiarato di dover girare in futuro per la Universal un film tratto dal romanzo Drood di Dan Simmons.[36][37][38][39]
  • Del Toro è anche nelle prime fasi di sviluppo di un film intitolato Saturno e la fine dei giorni.[40]
  • Dopo aver scritto un trattamento sul personaggio di Van Helsing, nel giugno 2010 è stato annunciato il potenziale adattamento del suo lavoro in un nuovo film slegato alle vicende di quello di Stephen Sommers al quale del Toro parteciperà, in caso di realizzazione, come produttore.[41]
  • Il 21 settembre del 2010, del Toro ha annunciato di voler dirigere nuovi adattamenti dei romanzi di Stephen King It e Pet Sematary, ma ha dichiarato che è molto occupato ed è improbabile che sia in grado di realizzare i film molto presto presto.[42]
  • Del Toro è stato anche collegato alla produzione dell'adattamento cinematografico del romanzo di David Moody intitolato Hater.[43]
  • Del Toro sta lavorando anche su un adattamento di Domu da Katsuhiro Otomo.[44]
  • Poco dopo Cronos , del Toro ha dichiarato di aver scritto un adattamento del romanzo Spanky di Christopher Fowler, che si chiama Mephisto's Bridge.
  • Nel 2014, Del Toro ha annunciato un sequel del Pacific Rim e una serie animata per il 2017.[45]
  • Del Toro si è sempre detto prontissimo a ritornare dietro la macchina da presa per un eventuale Hellboy 3, sempre collaborando con Mike Mignola.
  • Guillermo ha dichiarato che uno dei suoi progetti futuri sarà dirigere The Coffin, basato sulla graphic novel scritta da Phil Hester e illustrata da Mike Huddleston.
  • Del Toro potrebbe dirigere Deadman, basato sull'omonimo fumetto creato da Arnold Drake e Carmine Infantino.
  • Al regista messicano è stato inoltre proposto di dirigere The Withces, tratto dal romanzo Le streghe di Roald Dahl.
  • Del Toro è al lavoro su The Champions, basato su una serie televisiva britannica.

Collaborazioni ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Guillermo del Toro tende a lavorare spesso con gli stessi collaboratori. Due collaborazioni ricorrenti sono quelle con Ron Perlman e Doug Jones.

Sceneggiatori[modifica | modifica wikitesto]

Produttori[modifica | modifica wikitesto]

Direttori della fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Compositori[modifica | modifica wikitesto]

Attori[modifica | modifica wikitesto]

Fin dal suo esordio cinematografico con Cronos, del Toro ha collaborato con Ron Perlman per un totale di sei film.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Produttore esecutivo[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2011 LA Film Fest: The Arcane Enchanter - YouTube
  2. ^ (EN) Guillermo del Toro to direct 'The Hobbit' and sequel, 24 aprile 2008.
  3. ^ Guillermo del Toro departs The Hobbit, 30 maggio 2010
  4. ^ (EN) Adam Vary, Why Guillermo del Toro left 'The Hobbit' – and Peter Jackson will not replace him as director, Entertainment Weekly, 31 maggio 2010. URL consultato il 20 agosto 2012.
  5. ^ Guillermo del Toro on Splice (interview), Shock Till You Drop, 28 maggio 2010. URL consultato il 29 maggio 2010.
  6. ^ Silas Lesnick, Guillermo del Toro Confirms Hobbit Delay in Coming Soon, 28 maggio 2010. URL consultato il 29 maggio 2010.
  7. ^ Jason Gorber, Gorber's Epic Guillermo del Toro Interview, Part 2: On Producing and Building a Canon of Work su twitchfilm.com, 15 gennaio 2013.
  8. ^ Guillermo del Toro, Monsters Are Living, Breathing Metaphors su bigthink.com, Big Think, 22 settembre 2010.
  9. ^ Guillermo del Toro conferma il suo Frankestein con Doug Jones su Cineblog.it, 15 giugno 2009.
  10. ^ (EN) Sommers in talks to direct ‘Tarzan’ su Variety.com, 2 settembre 2008.
  11. ^ (EN) Guillermo del Toro’s Next Film to be Horror; Also Producing Stop-Motion Pinocchio and Horror Anthology TV Series su /Film, 23 luglio 2010.
  12. ^ The Strain: FX ordina la serie! su BadTV.it, 20 novembre 2013.
  13. ^ (EN) Disney in cartoon deal with Del Toro su Variety.com, 11 settembre 2009.
  14. ^ (EN) Guillermo del Toro Says Disney Double Dare You ‘Is Gone’ su /Film, 28 luglio 2010.
  15. ^ (EN) Exclusive: Guillermo del Toro is Developing Projects at DreamWorks Animation and TV Shows; Plus His Thoughts on THE SOPRANOS Ending su Collider.
  16. ^ (EN) Exclusive Interview: Megamind Director Tom McGrath su Cinemablend.
  17. ^ Trollhunters per la DreamWorks Animation e del Toro! su BadTaste.it, 27 settembre 2010.
  18. ^ ECCO IL GIOCO DI DEL TORO: INSANE su Multiplayer.it, 12 dicembre 2010.
  19. ^ InSANE sarà una trilogia su Spaziogames.it, 13 dicembre 2010.
  20. ^ THQ cancella InSane su Everyeye.it, 7 agosto 2012.
  21. ^ Guillermo del Toro: "Sono in trattavia con una grande compagnia per pubblicare InSANE" su Everyeye.it, 7 gennaio 2013.
  22. ^ "Guillermo del Toro enters Haunted Mansion", Reuters, 23 July 2010
  23. ^ LA CASA STREGATA DI GUILLERMO DEL TORO su Movieplayer.it, 23 luglio 2010.
  24. ^ Guillermo del Toro dirigerà la Bella e la Bestia, con Emma Watson su BadTaste.it, 14 febbraio 2012.
  25. ^ (EN) Guillermo del Toro drops out of Beauty and the Beast with Emma Watson su Joblo, 12 giugno 2014.
  26. ^ (EN) Upfronts 2012: Marvel's 'Hulk' Still in the Works at ABC su Hollywood Reporter, 15 maggio 2012.
  27. ^ (EN) Guillermo Del Toro's HULK Series Is Officially Dead su Comic Book Therapy.
  28. ^ Guillermo del Toro aggiorna sulla serie tv di Hulk su BadTV.it, 29 giugno 2011.
  29. ^ CHARLIE KAUFMAN FIRMA MATTATOIO N.5 PER GUILLERMO DEL TORO su Movieplayer.it, 9 luglio 2013.
  30. ^ (EN) Guillermo Del Toro Is Hatching A ‘Monster’ Of A Series At HBO su Deadline.com, 24 aprile 2013.
  31. ^ (EN) Guillermo del Toro to Direct Supernatural ‘Justice League’ with Swamp Thing & More? su ScreenRant.com.
  32. ^ (EN) Guillermo Del Toro Talks Dark Universe, His DC Comics Supernatural Heroes Movie su IGN.com, 7 gennaio 2013.
  33. ^ Dark Universe potrebbe divenire Justice League Dark, nuovi dettagli su Everyeye.it, 31 marzo 2013.
  34. ^ Silent Hills si nasconde dietro P.T.
  35. ^ Silent Hills non si farà conferma Guillermo del Toro
  36. ^ Del Toro Commits To Universal Until 2017, Empireonline.com.
  37. ^ Michael Fleming, Guillermo Del Toro booked thru 2017 in Variety, 3 settembre 2008.
  38. ^ Del Toro Updates Hobbit, Frankenstein in SCI FI Wire, 12 novembre 2008. [collegamento interrotto]
  39. ^ Brendon Connelly, Guillermo Del Toro Confirms Hugo Weaving For The Hobbit... And Much More in /Film, 11 giugno 2009.
  40. ^ Guillermo del Toro’s Saturn and the End of Days | /Film, Slashfilm.com, 20 aprile 2008.
  41. ^ Guillermo Del Toro Writing And Producing New Van Helsing su The Film Stage. URL consultato il 10 giugno 2010.
  42. ^ By, Guillermo del Toro Would Like to Adapt Stephen King's It and Pet Sematary, Horror Yearbook. URL consultato il 24 febbraio 2012.
  43. ^ Michael Fleming, Universal, del Toro love 'Hater' in Variety. URL consultato l'8 agosto 2012.
  44. ^ Guillermo Del Toro Expands On ‘Monster’ Manga Adaptation And ‘Domu’ Attempt.
  45. ^ Guillermo del Toro - Special Message about Pacific Rim [HD]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN84318163 · LCCN: (ENnr93045476 · ISNI: (EN0000 0001 2141 7452 · GND: (DE132955466 · BNF: (FRcb14091920x (data)