Aci (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Aci che suona il flauto. Scultura di Jean-Baptiste Tuby (giardino di Versailles)

Aci (in greco Ἂκις, -ιδος, in latino Ăcis, -ĭdis) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Fauno e Simetide.

Secondo il mito, o quanto ci racconta Ovidio, era un pastore bellissimo che si innamorò della ninfa Galatea, a sua volta amata da Polifemo e figlia di Nereo e della ninfa Doride. Accecato dalla gelosia, il ciclope scagliò un masso contro il pastore. Il suo sangue, confluito dalla roccia, fu trasformato per intercessione di Poseidone in un fiume, che fu chiamato proprio Aci e venerato come divinità. Probabilmente il mito s'ispira al modo in cui il fiume sgorga dalla sua sorgente.

La leggenda è descritta da Ovidio nelle Metamorfosi, nel libro XIII; anche Teocrito compose un racconto dedicato all'argomento di Aci e Galatea, nell'Idillio 2.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mitologia greca