Pietro I di Castiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Pietro di Castiglia (disambigua).
Pietro I
Statua di alabastro di Pietro I in atteggiamento orante (Madrid)
Statua di alabastro di Pietro I in atteggiamento orante (Madrid)
Re di Castiglia
In carica 1350 - 1369
Predecessore Alfonso XI il Giustiziere
Successore Enrico II di Trastamara
Nome completo Pietro Alfonso
Altri titoli re del León
Nascita Burgos, 30 agosto 1334
Morte Montiel, 22 marzo 1369
Casa reale Anscarici
Padre Alfonso XI il Giustiziere
Madre Maria di Portogallo
Consorte Bianca di Borbone
Maria di Padilla
Giovanna de Castro
Figli Beatrice
Costanza
Isabella e
Alfonso, di secondo letto
Giovanni, di terzo letto
Ferdinando
Maria
Sancho e
Diego, illegittimi

Pietro Alfonso, Pietro I di Castiglia, detto Pedro el Cruel (il Crudele) dai suoi detrattori ed el Justiciero (il Giustiziere) dai suoi sostenitori, (Burgos, 30 agosto 1334Montiel, 22 marzo 1369), fu re di Castiglia e León dal 1350 al 1369. Fu l'ultimo discendente legittimo della casa di Borgogna a sedere sul trono del regno di Castiglia e León.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Figlio secondogenito (ma al momento della nascita, fu dichiarato erede al trono, perché il primogenito, Ferdinando, era già morto) del re di Castiglia e León, Alfonso XI il Giustiziere e di Maria di Portogallo, figlia primogenita del re del Portogallo Alfonso IV e della Principessa di Castiglia, Beatrice di Castiglia.[1][2][3][4][5].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo di Pietro I nell'Alcázar di Siviglia.

Il padre, tutto preso dal suo amore per Eleonora di Guzmán si disinteressò di Pietro, che fu affidato alle cure della madre, Maria del Portogallo, che visse con lui sino a che raggiunse la maggior età, nell'Alcázar di Siviglia. Un favorito del re, il nobile portoghese Giovanni Alfonso di Albuquerque, che era giunto in Spagna a seguito della regina Maria fu designato come precettore del bambino e ne curò l'educazione.

Durante la sua giovinezza, il padre gli combinò diversi matrimoni, tra cui quello con Bianca di Navarra (1333-1398)[6], figlia del conte di Évreux, Filippo d'Évreux (nipote di Filippo III di Francia) e della regina di Navarra, Giovanna II, con cui fu fidanzato dal 1º luglio 1345 per circa due anni[1], e, poi, quello che si doveva realizzare con la principessa, Giovanna Plantageneto, (1333 o 1335- 2 settembre 1348), figlia del re d'Inghilterra, Edoardo III e della regina, Filippa di Hainaut non poté essere celebrato perché Giovanna, durante il suo viaggio per raggiungere la Castiglia, morì di peste, nei pressi di Bayonne, dove fu sepolta[1].

Alla morte prematura del padre, all'assedio di Gibilterra nel 1350, vittima della peste, Pietro venne proclamato re, a soli 16 anni, in quello stesso anno[1].
Attorno a Pietro si fronteggiavano due schieramenti, quello della madre e dell'Albuquerque contro quello di Eleonora di Guzmán e della sua corte, che aveva governato sino ad allora.

Il suo regno cominciò subito sotto il segno del delitto perché, poco dopo la morte del padre e su istigazione della madre, fece arrestare e poi assassinare, nel 1351, Eleonora di Guzmán (sembra sia stata strangolata da uno degli uomini al servizio della regina madre).

Nel 1351, ristabilitosi da una malattia, tolse l'assedio a Gibilterra, lasciò Siviglia per la Castiglia e, alla morte del signore di Biscaglia, ne fece uccidere l'erede, un bambino di tre anni, fece sposare un suo fratellastro, Tello di Castiglia, con la sorella dell'erede assassinato e poi fece uccidere anche lei, unendo così la Biscaglia alle proprietà della corona.

Nel 1351 e nel 1352, riunì le Cortes, a Valladolid, dove furono emanate importanti leggi contro il brigantaggio ed il vagabondaggio, per lo sviluppo del commercio e dell'agricoltura, per la limitazione dei diritti della nobiltà e per la protezione degli ebrei.

Sempre, nel 1352, fu concordato il matrimonio con la nipote del re di Francia[7], Bianca di Borbone, discendente da San Luigi IX da parte del padre, il duca Pietro I di Borbone, e da Filippo III di Francia da parte della madre Isabella di Valois. Il matrimonio fu celebrato, per procura, all'abbazia di Preuilly, il 9 luglio 1352[1].
Nel 1353, il 3 giugno, sposò Bianca di Borbone, di persona, a Valladolid[1], ma dopo solo 3 giorni la abbandonò (poi la ripudiò e, nel 1355, la fece imprigionare[1]), per raggiungere e riprendere la relazione prematrimoniale con la sua amante, Maria di Padilla[8], che probabilmente sposò, in segreto, nel corso dello stesso anno e quindi in bigamia[1].

Nello stesso anno, si guadagnò il soprannome il Crudele per aver fatto giustiziare un nobile che aveva capeggiato una ribellione.
E per la sua seconda moglie, Maria, nel 1354 condannò a morte il Gran Maestro dell'Ordine di Calatrava e lo sostituì con il di lei fratello.
Il ripudio e poi la carcerazione di Bianca provocò la rottura dell'alleanza col re di Francia, Giovanni II il Buono, che non versò più la dote, nonché la riprovazione di molti nobili della sua parte politica e la caduta dell'Albuquerque, che aveva suggerito l'alleanza e che, assieme alla regina madre, dovette rifugiarsi, alla corte portoghese, presso Alfonso IV del Portogallo, padre di Maria, la regina madre.
Rinchiusa nel castello episcopale di Sigüenza tra il 1355 e il 1359, poi a Jerez de la Frontera, nel castello di Arévalo ed infine a Medina-Sidonia, dove, nel 1361, avvelenata, per ordine di Pietro[1]. Bianca, oltre che allo zio, il re di Francia, Giovanni II, si era appellata al papa Innocenzo VI (da lei conosciuto ad Avignone, durante il viaggio di trasferimento dalla Francia alla Castiglia), che intervenne presso Pietro, anche con la minaccia di una scomunica, perché la riprendesse come moglie, senza però ottenere neppure la liberazione di Bianca.

Il re Pietro I su una moneta d'oro (doblone) del 1360

Nel 1354, grazie all'appoggio dei vescovi d'Avila e di Salamanca prima, proclamò che il matrimonio con Bianca era nullo e sposò pubblicamente, a Cuéllar, nell'aprile 1354[1], una giovane vedova[9] di nobile famiglia galiziana, Giovanna de Castro[10], sorellastra della sfortunata Inés de Castro. Sembra che anche Giovanna fu abbandonata dopo una sola notte (che portò alla nascita di un figlio, nel 1355).

Nel frattempo, sempre nel 1354, era iniziata una ribellione, che era guidata dal suo ex precettore, l'Albuquerque, che morì in ottobre per avvelenamento a Medina del Campo, e dai figli della Guzmán[1]; nel 1355, con le sue truppe galiziane, si era unito ai ribelli, che ora avevano come guida Enrico di Trastámara[1], anche, Fernando Ruiz de Castro, il fratello della terza moglie di Pietro, Giovanna, che da Pietro era stata abbandonata.
I ribelli riuscirono a conquistare Toledo e Toro, ma dopo un incontro tra il re e i ribelli, nelle vicinanze di Toro, Pietro riparti per Segovia avendo guadagnato alla sua causa il fratellastro Tello ed i cugini primi, i principi d'Aragona, figli di sua zia Eleonora di Castiglia e di Alfonso IV di Aragona, Ferdinando (1329–1363) marchese di Tortosa e Giovanni (ca. 1330 – 1358). Convocate le Cortes ottenne le truppe per riconquistare le due città e porre fine alla ribellione.

Durante la ribellione a Pietro I il Crudele, il re d'Aragona Pietro IV aveva appoggiato Enrico di Trastámara, permettendogli di transitare con le sue truppe nei possedimenti della corona d'Aragona[1] e nel 1356 attaccò due navi genovesi nel porto di andaluso di Sanlúcar de Barrameda, in quanto la repubblica di Genova era alleata di Pietro I che voleva riprendersi i territori murciani ceduti al regno di Valencia, iniziando così una guerra che durò circa cinque anni. Questa guerra è conosciuta come guerra dei due Pietri e terminò nel 1361, senza vincitori né vinti, con la pace di Terrer del 18 maggio[1].

Nel 1357 Pietro I fece assassinare il suo avversario e nipote dell'ex pretendente al trono di Castiglia (Alfonso de la Cerda), Giovanni Luis de la Cerda, e nel 1358 volle assistere personalmente all'omicidio del suo fratellastro Federico Alfonso (1333-1358), gemello di Enrico di Trastámara, maestro dell'ordine di Santiago e signore di Haro; allo stesso modo eliminò suo cugino il principe d'Aragona, Giovanni ed in quell'occasione fece arrestare anche la zia Eleonora[11], regina madre d'Aragona, che condannò a morte l'anno successivo (1359).
Enrico di Trastamara, durante la guerra dei due Pietri aveva attaccato la città di Nájera e, durante l'attacco, era morto Giovanni Fernandez, il fratello di Maria Padilla. Per rappresaglia Pietro I mise a morte altri due fratelli di Enrico, Giovanni Alfonso e Pietro di Castiglia ed inviò delle truppe che, di fronte a Nájera, nel 1360, sconfissero Enrico, che si rifugiò in Francia.

Pietro IV d'Aragona continuava ad appoggiare Enrico di Trastamara accogliendo i suoi sostenitori e le sue truppe nei possedimenti della corona d'Aragona; nel 1363, essendo in suolo valenzano, le truppe castigliane di Enrico di Trastamara, comandate dal cugino Ferdinando, che era anche il fratellastro di Pietro IV, questi lo fece assassinare proditoriamente nella città di Burriana[12], per punirlo di aver guidato l'insurrezione valenciana, del 1348. Comunque Enrico, a maggio, con l'aiuto dei francesi, invase la Castiglia[1] e nel 1364 si impadronì di Valencia[1].

Manoscritto del XV secolo dove si illustra la battaglia di Nájera (Pietro e gli inglesi al lato sinistro).

Tali e tante furono le atrocità commesse dal sovrano che, nel 1366, la sollevazione guidata ancora da Enrico conte di Trastámara, riprese, e con le truppe dell'alleato, il re di Francia, Carlo V il Saggio, invase nuovamente la Castiglia[1]. Gli insorti si impadronirono di Toledo e di quasi tutto il regno di Castiglia, esclusa Siviglia e la Galizia[1] ed Enrico venne proclamato re a Calahorra. Pietro chiese allora aiuto agli inglesi, che intervennero[1] da Bordeaux, con le truppe del principe di Galles, Edoardo il Principe Nero, ed il suo alleato il re di Navarra, Carlo II il Malvagio, che gli permise il passaggio e, il 3 aprile 1367, vinse la battaglia di Nájera[1], fece prigioniero il comandante delle truppe avversarie, Bertrand du Guesclin, e dilagò in Castiglia, così Pietro I il Cudele riuscì a contenere i rivoltosi e, verso la fine del 1367 aveva riconquistato buona parte del regno.
Ma Edoardo era ammalato e le sue truppe guasconi e navarrine furono colte da dissenteria, quindi dovettero abbandonare la Castiglia[1], ed allora Enrico, all'inizio del 1368, assistito da truppe francesi al comando di Bertrand du Guesclin (liberato dopo aver pagato un forte riscatto), attraversando il regno d'Aragona, loro alleato, riuscirono ad occupare la metà orientale del regno di Castiglia, conquistando León, il 15 gennaio[1].

Il re Pietro I assassinato dal fratellastro Enrico di Trastamara.
Decapitazione di Pietro I il Crudele (manoscritto del XV secolo).

Per tutto il 1368 la situazione rimase in stato di stallo, finché all'inizio del 1369 Pietro, ricevuto l'aiuto di truppe musulmane dal regno di Granada, con i suoi partigiani e la quasi totalità degli Ebrei, lasciò l'Andalusia per andare a liberare Toledo. Lo scontro avvenne nelle vicinanze di Montiel e il 14 marzo 1369, Enrico di Trastámara lanciò l'offensiva finale che sbaragliò la resistenza realista[1] e costrinse il fratellastro a fuggire e a rifugiarsi nel castello di Montiel. Pietro, per poter fuggire, la notte tra il 22 e il 23 marzo si mise in contatto con du Guesclin, che finse di accettare, ma poi lo introdusse in una tenda in cui si trovava il fratellastro. I due si scagliarono uno contro l'altro e, quando sembrava che Pietro avesse la meglio, du Guesclin intervenne e atterrò Pietro che fu sopraffatto[1] e ucciso da Enrico, che gli successe sul trono.
Pietro fu inumato nella cattedrale di Siviglia[1].

Con Pietro di Castiglia si estinse il ramo principale (legittimo) della casata di Borgogna perché dei molti figli che ebbe, non ne lasciò nessuno legittimo e comunque nessuno di questi gli succedette.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Pietro e Bianca non ebbero figli; da Maria di Padilla Pietro ne ebbe quattro, uno da Giovanna de Castro; inoltre Pietro ebbe diversi figli illegittimi.[1][2][3][13]

I quattro figli che Pietro ebbe da Maria di Padilla sono:

Il figlio avuta da Giovanna de Castro era:

  • Giovanni (1355 - 1405), anche se il padre lo aveva dichiarato suo erede, dopo la morte del fratellastro, Alfonso (1359 - 19 ottobre 1362), fu escluso dalla successione in quanto considerato illegittimo; sposò Elvira de Eril, che gli diede due figli:
    • Pietro (?-1471), vescovo di Osma e Palencia, che da tre diverse amanti ebbe una folta discendenza;
    • Costanza (?-1478), suora a Toledo.

Oltre a quelli avuti da diverse amanti, da Maria de Henestrosa Pietro ebbe:

  • Ferdinando (1361-?), morto giovane;

da Teresa de Ayala:

  • Maria (?-1424), suora;

da Isabella de Sandoval:

  • Sancho (?-prima del 1448), signore di Almazán;
  • Diego, che ebbe tre figli da cui discesero i signori di Guadalajara.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Regno di Castiglia
Casa di Borgogna

Coat of Arms of Castile with the Royal Crest.svg

Figli
Figli
Figli
Pietro I
Figli
Pietro I di Castiglia Padre:
Alfonso XI di Castiglia
Nonno paterno:
Ferdinando IV di Castiglia
Bisnonno paterno:
Sancho IV di Castiglia
Trisnonno paterno:
Alfonso X di Castiglia
Trisnonna paterna:
Violante d'Aragona
Bisnonna paterna:
Maria di Molina
Trisnonno paterno:
Alfonso di Molina
Trisnonna paterna:
Mayor Alonso de Meneses
Nonna paterna:
Costanza del Portogallo
Bisnonno paterno:
Dionigi del Portogallo
Trisnonno paterno:
Alfonso III del Portogallo
Trisnonna paterna:
Beatrice di Castiglia e Guzmán
Bisnonna paterna:
Isabella di Aragona (1271-1336)
Trisnonno paterno:
Pietro III di Aragona
Trisnonna paterna:
Costanza di Hohenstaufen
Madre:
Maria del Portogallo, regina di Castiglia
Nonno materno:
Alfonso IV del Portogallo
Bisnonno materno:
Dionigi del Portogallo
Trisnonno materno:
Alfonso III del Portogallo
Trisnonna materna:
Beatrice di Castiglia e Guzmán
Bisnonna materna:
Isabella d'Aragona (1271-1336)
Trisnonno materno:
Pietro III di Aragona
Trisnonna materna:
Costanza di Hohenstaufen
Nonna materna:
Beatriz de Molina e Castela
Bisnonno materno:
Sancho IV di Castiglia
Trisnonno materno:
Alfonso X di Castiglia
Trisnonna materna:
Violante d'Aragona
Bisnonna materna:
Maria di Molina
Trisnonno materno:
Alfonso di Molina
Trisnonna materna:
Mayor Alonso de Meneses


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z (EN) Reali di Castiglia
  2. ^ a b (EN) Casa d'Ivrea- genealogy
  3. ^ a b (EN) Pietro I PEDIGREE
  4. ^ (DE) Alfonso XI di Castiglia genealogie mittelalter
  5. ^ Beatrice di Castiglia era figlia del re di Castiglia e León, Sancho IV l'Ardito, e di Maria di Molina, figlia di Alfonso di Molina (figlio del re del León, Alfonso IX e della regina di Castiglia, Berenguela) e della sua terza moglie, Mayor Téllez di Meneses.
  6. ^ Bianca di Navarra sposò, nel 1349, il re di Francia, Filippo VI di Valois
  7. ^ Giovanni II il Buono
  8. ^ Maria di Padilla era la figlia di Giovanni García de Padilla, primo Signore di Villagera, e di María Fernández de Henestrosa, parente di Giovanni Fernández de Henestrosa
  9. ^ Giovanna de Castro, ancor molto giovane, era stata data in moglie a Diego de Haro, che dopo poco morì, lasciandola vedova.
  10. ^ Giovanna de Castro era la figlia di Pedro Fernández de Castro (? – 1342), signore di Monforte de Lemos e Sarria, nipote, da parte di madre, del re di Castiglia, Sancho IV e membro di una delle famiglie più antiche e illustri della Galizia, e della seconda moglie Isabella Ponce de León
  11. ^ L'altro figlio di Eleonora, Ferdinando marchese di Tortosa, con pretese sul trono di Castiglia, si era schierato col fratellastro, Pietro IV, ed era rientrato in Aragona.
  12. ^ (EN) Reali di Aragona
  13. ^ (DE) Pietro I di Castiglia genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sir John Talbot Dillon, The History of the Reign of Peter the Cruel, King of Castile and Leon, 1788
  • Prosper Mérimée, The History of Peter the Cruel, King of Castile and Leon, 1849
  • Edward Storer, Peter the Cruel, the Life of the Notorious Don Pedro of Castile, 1911
  • José Fernández del Villar, Don Pedro El Cruel, 1932
  • Joaquín Gimeno Casalduero, La imagen del monarca en la Castilla del Siglo XIV:: Pedro el cruel, Enrique II y Juan I, 1972
  • Gonzalo Moya, Don Pedro el cruel: Biología, política y tradición literaria en la figura de Pedro I de Castilla, 1975
  • Manuel de Soroa y Pineda, Pedro I, el cruel:(una Guerra Civil en Castilla), 1980
  • Louise Mirrer-Singe, The Language of Evaluation: A Sociolinguistic Approach to the Story of Pedro El Cruel, 1986
  • Angel Sánchez, La imagen del Rey Don Pedro en la literatura del Renacimiento y del barroco, 1994
  • Paulino García Toraño, El Rey Don Pedro el cruel y su mundo, 1996
  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel Medioevo, in Cambridge University Press - Storia del mondo medievale, vol. VII, pp. 576–610, Garzanti, 1999
  • A. Coville, Francia. La guerra dei cent'anni (fino al 1380), in Cambridge University Press - Storia del mondo medievale, vol. VI, pp. 608–641, Garzanti, 1999
  • Cecil Roth, Gli ebrei nel Medioevo, in Cambridge University Press - Storia del mondo medievale, vol. VI, pp. 848–884, Garzanti, 1999

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Castiglia e León Successore Escudo de Castilla.png
Alfonso XI 1350 - 1369 Enrico II

Controllo di autorità VIAF: 281632578 LCCN: n50008777