Eleonora di Castiglia (1202-1244)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Castiglia
Casa di Borgogna

Coat of Arms of Castile with the Royal Crest.svg

Figli
Figli
Figli
Figli
Figli

Eleonora di Castiglia (Leonor in spagnolo, asturiano, in galiziano, in portoghese, in aragonese e in basco, Elionor in catalano. Alienora in latino, Eleanor in inglese e Aliénor in francese; 1202Burgos, 1244) è stata regina consorte di Aragona, dal 1221 al 1231.

Origine[1][2][3][modifica | modifica sorgente]

Figlia del re di Castiglia Alfonso VIII e di Eleonora Plantageneta (sesta figlia legittima, seconda femmina, di Enrico II Plantageneto re d'Inghilterra e della duchessa Eleonora d'Aquitania), quindi sorella di Berenguela e zia di Ferdinando III di Castiglia.
E da parte di madre era nipote dei re d'Inghilterra, Riccardo Cuor di Leone e Giovanni Senza Terra.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dritto e rovescio del sigillo araldico della regina di Aragona, moglie di Giacomo I il Conquistatore, Eleonora di Castiglia. Si legge la scritta «Sigillum Alienoris regine Aragonum comitisse Barchinone et domine Montispessulani et illustris regis castelle filiae» (Sigillo di Eleonora, regina degli Aragonesi, contessa di Barcellona e signora di Montpellier e figlia dell'illustre re di Castiglia). Nel diritto sono rappresentate le barre d'Aragona e nel rovescio il blasone di Castiglia.

Secondo la Cronaca piniatense[4], il 6 febbraio del 1221 Eleonora (la filia del Rey de Castiella…Elionor), all'età di diciannove anni, si sposò ad Ágreda, Soria col re d'Aragona, Conte di Barcellona, signore di Montpellier e Carladès e di altri feudi dell'Occitania, che di anni ne aveva quattordici, Giacomo I, figlio del re d'Aragona e conte di Barcellona, Gerona, Osona, Besalú, Cerdanya e di Rossiglione, Pietro II il Cattolico e della signora di Montpellier, Maria, figlia del signore di Montpellier Guglielmo VIII.

L'anno seguente, nel 1222, nacque il loro unico figlio, Alfonso d'Aragona, che fu nominato erede al trono.

Sempre secondo la Cronaca piniatense[4], nell'aprile del 1229, Eleonora fu ripudiata dal marito[1] che menzionando il rapporto di parentela esistente sollecitò all'autorità ecclesiastica l'annullamento del matrimonio.
Mentre a settembre Giacomo si imbarcò per la conquista di Maiorca, Eleonora ritornò nel regno di Castiglia, alla corte di sua sorella, Berenguela e di suo nipote Ferdinando III e poi si ritirò nel monastero di Santa María la Real de Las Huelgas, a Burgos, dove, dopo che, in quello stesso anno o nel 1230, il suo matrimonio con Giacomo I era stato annullato ufficialmente, dalle autorità ecclesiastiche, Eleonora prese i voti.

Monastero di Santa María la Real de Las Huelgas, a Burgos.

Nello stesso monastero in cui si trovava Eleonora entrò sua sorella Berenguela quando si ritirò dalla vita politica.
Sempre secondo la Cronaca piniatense[4], Eleonora morì nel Monastero di Santa María la Real de Las Huelgas, nel 1244, dove venne tumulata.
La sorella Berenguela, si spense due anni dopo, nel 1246.

Figli[5][6][7][modifica | modifica sorgente]

Eleonora diede a Giacomo un solo figlio:

  • Alfonso (ca. 1228- 26 marzo 1260), erede al trono di Aragona (secondo il progetto di spartizione del 1244[5]), premorto al padre. Alfonso parteggiò per la Castiglia, contro suo padre[5]. A Calatayud 23 marzo 1260 Costanza de Béarn (1245/50-25 aprile 1310), figlia del visconte di Béarn, Gastone VII e di Mathe [Amata] di Marsan [Mastas] contessa di Bigorre.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Dinastie reali di Castiglia
  2. ^ (EN) Casa d'Ivrea-genealogy
  3. ^ (DE) Alfonso VIII genealogie mittelalter
  4. ^ a b c La Cronaca piniatense è una cronaca storiografica, voluta dal re d'Aragona, Pietro IV, del regno di Aragona, dalle sue origini comitali sino alla Corona d'Aragona (1336, morte di Alfonso IV di Aragona)
  5. ^ a b c (EN) Dinastie reali d'Aragona
  6. ^ (EN) Barcellona - Genealogy
  7. ^ (DE) Giacomo I d'Aragona genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Edgar Prestage. Il Portogallo nel medioevo, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 576-610.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore regina consorte di Aragona e contessa consorte di Barcellona Successore Stendardo del re d'Aragona.png
Maria di Montpellier 1221-1229 Iolanda d'Ungheria