Bianca Garcés di Navarra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Bianca di Navarra.
Regno di Navarra
Jiménez
Blason Royaume Navarre.svg

Sancho I
Figli
Jimeno II
Figli
  • García
  • Sancho
  • Dadildis
  • Munia
  • García, figlio naturale
García I
Sancho II
Figli
García II
Figli
Sancho III
Figli
García III
Figli
Sancho IV
Figli
  • García
  • Ramón, figlio naturale
  • Urraca, figlia naturale

Sancho V

Pietro I

Figli
  • Pietro
  • Isabella

Alfonso I

García IV

Figli

Sancho VI

Figli

Sancho VII

Modifica

Bianca Garcés, Blanca in spagnolo, in aragonese, in portoghese, in catalano e in galiziano, e Blanka in basco (Laguardia, 113712 agosto 1156), fu consorte dell'erede al trono di Castiglia dal 1151 al 1156.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Figlia del re di Navarra, García IV Ramírez e di Margherita de l'Aigle, figlia di Gibert de l'Aigle.[1][2][3]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il padre Garcia, in guerra con il re di Castiglia Alfonso VII ed il principe d'Aragona e conte di Barcellona Raimondo Berengario IV, dopo una prima sconfitta, firmò, nel 1140, a Tudela, una pace separata con Alfonso VII dove si confermò suo vassallo e fu contratto un impegno matrimoniale per i propri figli, Bianca di Navarra e Sancho di Castiglia.

Dopo che la guerra con l'Aragona era proseguita, nel 1149 il padre Garcia firmò un trattato di pace col principe d'Aragona e conte di Barcellona, Raimondo Berengario IV dove, oltre agli altri impegni del trattato, Raimondo, pur essendo già promesso sposo alla regina d'Aragona, Petronilla di Aragona, di cui era il tutore, si impegnava a sposare la figlia del re di Navarra, Bianca, anche lei già impegnata con Sancho di Castiglia.

Alla morte del padre, Garcia IV, nel 1150, salì sul trono di Navarra il fratello, Sancho VI che, dato che Raimondo Berengario IV aveva sposato Petronilla, si affrettò a dichiararsi vassallo di Alfonso VII di Castiglia e a rammentargli l'impegno matrimoniale tra suo figlio Sancho e Bianca.

Il 30 gennaio 1151, a Calahorra, attuale Rioja, fu celebrato il matrimonio tra Bianca e Sancho[1], figlio del re di León e Castiglia Alfonso VII e di Berenguela di Barcellona, figlia primogenita del conte di Barcellona, Girona, Osona e Carcassonne, Raimondo Berengario III e la sua seconda moglie, la contessa di Provenza e Gévaudan, Dolce I (1090-1129).

Bianca, secondo alcuni morì di parto, nel novembre del 1155, dando alla luce il figlio, Alfonso, ma secondo la maggior parte degli storici morì, il 12 agosto 1156, in conseguenza ai problemi dovuti ad un secondo parto, quello del figlio Garcia[4], nato prematuro e morto dopo poche ore di vita, come conferma anche un'epigrafe.
Pur essendo morta prima che il marito fosse incoronato re, Bianca fu considerata regina consorte in quanto il marito, Sancho II era stato associato al trono dal padre, Alfonso VII.

Bianca fu sepolta nel monastero di Santa Maria la Real di Nájera.

Figli[modifica | modifica sorgente]

Bianca e Sancho ebbero ebbero due figli:[4][5][6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Dinastie reali di Navarra
  2. ^ (DE) Garcia IV Ramirez genealogie mittelalter
  3. ^ (EN) Garcia IV-genealogy
  4. ^ a b (EN) Dinastie reali di Castiglia
  5. ^ (EN) Casa d'Ivrea-genealogy
  6. ^ (DE) Sancho III genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rafael Altamira, "La Spagna (1031-1248)", in Storia del mondo medievale, vol. V, 1999, pp. 865-896

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]