Sancho di Castiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Castiglia
Casa di Borgogna

Coat of Arms of Castile with the Royal Crest.svg

Stemma personale dell'infante Sancho di Castiglia

Sancho di Castiglia (123327 ottobre 1261) fu un principe e arcivescovo castigliano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era figlio del re Ferdinando III di Castiglia e Beatrice di Svevia.

Fu avviato dal padre alla carriera ecclesiastica e la sua formazione venne affidata a Rodrigo Jimenez de Rada. Si recò poi all'Università di Parigi per completare gli studi seguendo le lezioni di Sant'Alberto Magno.

Come il fratello Filippo, venne avviato alla carriera ecclesiastica e nel 1251 venne eletto da papa Alessandro VI arcivescovo di Toledo[1].

Entrò in contrasto per questioni di autonomia territoriale con l'arcivescovo di Siviglia Raimondo di Losanna, divergenze poi appianatesi nel 1260.

Sancho morì a ventotto anni nel 1261, dieci anni prima dell'inizio dei moti interni contro il governo di Alfonso X di Castiglia, fratello maggiore di Sancho. Tra i nobili che si opposero al re ci furono anche alcuni fratelli di Sancho tra cui il suo compagno di studi Filippo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Castile

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]