Filippo di Castiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Filippo di Castiglia (disambigua).
Regno di Castiglia
Casa di Borgogna

Coat of Arms of Castile with the Royal Crest.svg

Figli
Figli
Figli
Figli
Tomba di Filippo di Castiglia

Filippo di Castiglia (123128 novembre 1274) fu un principe ed arcivescovo castigliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio del re Ferdinando III di Castiglia e Beatrice di Svevia.

Fu avviato dal padre alla carriera ecclesiastica e la sua formazione venne affidata a Rodrigo Jimenez de Rada. Si recò poi all'Università di Parigi per completare gli studi seguendo le lezioni di Sant'Alberto Magno.

Divenne Abate di Castrojeriz e di Valladolid nel 1243, vescovo di Osma nel 1245 e arcivescovo di Siviglia nel 1251 per nomina del papa Innocenzo IV.

Nel 1258 ebbe però il permesso di abbandonare la vita ecclesiastica e sposare la principessa Cristina, figlia del re Haakon IV di Norvegia. Il matrimonio venne celebrato nell'aprile 1258 a Valladolid e durò fino alla morte di Cristina avvenuta nel 1262[1].

Un paio di anni dopo sposò Ines Rodríguez Girón, figlia di Rodrigo González Girón e morta nel 1265. Nel 1269 si sposò per la terza volta con Leonora Rodríguez de Castro, figlia di Rodrigo Ponce de Castro, da cui ebbe un figlio morto giovane, Filippo.

Filippo ebbe anche tre figli illegittimi da alcune amanti rimaste senza nome:

  • Fernando (?-morto dopo 1284);
  • Alfonso (1263-1284);
  • Beatrice (prima del 1273-?).

Prese parte alla congiura ordita dai nobili aragonesi contro il re Alfonso X, fratello di Filippo. Una volta scoperto il progetto di ucciderlo però Alfonso si mostrò magnanimo cercando un dialogo con i ribelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Castile

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 87083922