Cattedrale di Siviglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 37°23′09″N 5°59′35″W / 37.385833°N 5.993056°W37.385833; -5.993056

Cattedrale metropolitana di Santa Maria della Sede di Siviglia
Catedral Metropolitana de Santa María de la Sede de Sevilla
Esterno
Esterno
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Andalusia Andalusia
Località Escudo de Sevilla.svgSiviglia
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Maria
Diocesi Arcidiocesi di Siviglia
Consacrazione 1507
Stile architettonico gotico, barocco, neogotico
Inizio costruzione 1401
Completamento 1928
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Cattedrale, Alcazar e Archivo de Indias a Siviglia
(EN) Cathedral, Alcázar and Archivo de Indias in Seville
Sevila10.JPG
Tipo Culturali
Criterio (i) (ii) (iii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1987
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La cattedrale di Santa Maria della Sede di Siviglia (in spagnolo: catedral de Santa María de la Sede de Sevilla) è la più grande cattedrale gotica del mondo, ed il terzo edificio religioso per dimensione dopo la basilica di San Pietro in Vaticano e la cattedrale di Saint Paul a Londra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione iniziò nel 1401, sul terreno lasciato libero dalla demolizione della vecchia moschea Aljama di Siviglia.

Fasi della costruzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Almohadi (1172-1248). Alla fine del lungo processo di costruzione della città, sorse la moschea di al-Moharrem della penultima capitale andalusa, tra l'aprile del 1172 ed il 19 marzo 1198, terminando con l'inaugurazione del 30 aprile 1182. L'architetto fu Ahmad Ben Baso.
  • Mudejar (1248-1433). Dal 23 novembre 1248 la moschea, chiamata grande moschea, passò sotto al controllo dell'arcidiocesi che comprendeva il Regno di Siviglia. In questo periodo, che corrisponde all'uso cristiano degli edifici musulmani di fine XIV secolo, la moschea venne demolita per permettere la costruzione della cattedrale.
  • Gotico. La moschea iniziò ad essere demolita nel 1433, e subito dopo i maestri Ysambret e Carlín iniziarono la costruzione di un tempio gotico, austero e rigoroso, consacrato, ancora incompleto, nel 1507. Il progetto originale non subì modifiche nonostante la costruzione abbia impiegato 75 anni.
  • Rinascimento (1528-1593). Corrisponde al periodo iniziato nel 1528, in cui vennero aggiunte una serie di dipendenze tra cui gli annessi al tempio gotico. Diego de Riaño progettò le sacrestie, la Sacristía de los Cálices e la Sacristía Mayor. Hernán Ruiz ingrandì le torri in stile classico, spaziando dal plateresco al manierismo; dichiarò i lavori conclusi nel 1593, al tempo di Asensio de Maeda.
  • Barocco (1618-1758). Corrisponde quasi esclusivamente alla costruzione della canonica del Santuario, i cui lavori andarono dal 1618 al 1663, restando incompiuti; a questo edificio si accompagnarono una serie di piccoli aggregati nello stesso stile, davanti alla facciata occidentale, e numerosi arredi quali l'organo e gli arredi per l'altare. Gli architetti più importanti di questo periodo furono Pedro Sanchez Falconete e Diego Antonio Diaz.
  • Accademica (1758-1823). Si tratta di lavori in stile neoclassico, svolti per cultura locale o sotto l'imposizione dell'accademia madrilena. Inoltre vennero aggiunti altri arredi, una serie di dipendenza all'angolo sud-occidentale dell'edififcio; si iniziò quindi il processo di "monumentalizzazione" con l'eliminazione, tra il 1762 ed il 1797, degli edifici che la univano al piccolo villaggio. Gli architetti furono Manuel Núñez e Fernando de Rosales.
  • Neogotico (1825-1928). In questo periodo ci si dedicò alla riparazione delle opere gotiche rovinate, ed al completamento delle parti incompiute delle fasi precedenti; Nella prima decade del XX secolo continuò il lavoro di restauro, attraverso un'opera di pulizia stilistica, che proseguì nella separazione dei vari stili usati. Lo stesso Fernando de Rosales iniziò questa fase che venne completata da Javier de Luque.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La Giralda[modifica | modifica wikitesto]

La Giralda della cattedrale di Siviglia

La Giralda, nonostante la sua autonomia, esercita la funzione di torre e campanile della cattedrale di Siviglia. È un patrimonio dell'umanità dal 1987. La sua base si trova a 7,12 metri sul livello del mare, ha 13,61 metri di lato ed un'altezza di 104,06 metri. Venne costruita basandosi sull'aspetto del minareto della moschea Kutubia di Marrakech (Marocco), anche se la chiusura superiore e la torre campanaria sono in linea con il Rinascimento europeo.

Il Patio de los Naranjos[modifica | modifica wikitesto]

Il Patio de los Naranjos è uno spazio rettangolare, un patio interno, che funge da chiostro della cattedrale. È noto anche col nome di Corral de los Naranjos

Interno della cattedrale

Secondo le usanze del tempo, le facciate esterne disegnano un rettangolo di 43,32 (N/S) per 81,36 metri (E/O). In questo modo i lati stretti vennero riempiti da sette archi gemelli, mentre quelli larghi ne contenevano tredici, divisi in due file da sei e da un grande arco centrale. Quest'ultimo rappresentava l'entrata principale del patio, ed è quella che oggi si chiama Puerta del Perdón.

I lavori del patio iniziarono nel 1172, e durarono per 24 anni. Quando i cristiani conquistarono Isbilya nel 1248 lo trasformarono in cimitero. Fino al 1432 il patio ospitò una fiera annuale.

Attualmente il Patio de los Naranjos rappresenta una delle parti più importanti della cattedrale, completamente integrato in essa. Attraverso i secoli ha subito varie modifiche.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

La cattedrale è composta da cinque navate, distribuite in puro stile gotico con absidi ed un deambulatorio, formando una pianta a perfetto rettangolo che la rende uguale millimetricamente a quella di Alhama, di cui eredita anche la disposizione delle porte. Riguardo ai muri, è necessario dire che sono molto sottili. La luce naturale è scarsa, dal momento che le finestre sono piccole e composte da ottime vetrate.

Il Cristo de la Clemencia del Montañés

La navata centrale unisce due imponenti costruzioni: il coro, fiancheggiato da grandi organi, e la Cappella Maggiore che ospita l'altare maggiore. Tra di essi si trovano tre sezioni: la navata di re Ferdinando III, la crociera (le cui volte sono le più alte del complesso) ed il retro-coro. Queste tre aree corrispondono alle tre classi sociali medievali: la cattedrale reale o pantheon dei re, la cattedrale ecclesiastica o parte riservata all'arcivescovo e la cattedrale popolare, situata ad ovest.

La cappella di Sant'Andrea[modifica | modifica wikitesto]

L'elemento artistico più importante di questa cappella è senza dubbio la scultura lignea policroma di Juan Martínez Montañés chiamata il Cristo de la Clemencia o Cristo de los Cálices, si tratta di una scultura barocca del 1603, che è stata un modello per la realizzazione di questo soggetto per tutto il secolo XVII.

La Cappella Reale[modifica | modifica wikitesto]

La Cappella Reale è la testa della cattedrale. In questa cappella si trovano il pantheon di re Fernando e di suo figlio Alfonso, oltre alle tombe di altri membri della famiglia reale. Si può vedere anche l'immagine in stile gotico di Santa Maria dei Re, simbolo dell'arcidiocesi di Siviglia.

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

L'organo a canne della cattedrale di Siviglia è stato costruito nel 1996 dall'organaro tedesco Gerhard Grenzing.

Lo strumento è a trasmissione elettrica con consolle mobile indipendente avente quattro tastiere di 58 note ciascuna ed una pedaliera concavo-radiale. L'organo, frutto della ricostruzione di uno strumento precedente, costruito nel 1901 da Aquelino Amezua, è ospitato entro due casse prospettiche, poste su cantorie ai lati del presbiterio; queste, in stile barocco, sono riccamente decorate con statue e sculture.

Di seguito, la sua disposizione fonica:

Prima tastiera - Organo Mayor
Flautado 16'
Violón 16'
Flautado 8'
Tapado 8'
Octava 4'
Quinta 1.1/3'
Corneta V 8'
Lleno mayor V-VI
Zímbala VI
Bombarda 16'
Trompeta real 8'
Trompeta batalla 8'
Bajoncillo - Clarín 4'-8'
Orlos 8'
Clarín 8'
Chirimía 4'
Seconda tastiera - Cadireta
Flautado 8'
Chiminea 8'
Octava 4'
Tapadillo 4'
Docena 2.3/4'
Quincena 2'
Decinovena 1.1/3'
Lleno III
Zímbala III
Churumbela II
Trompeta 8'
Cromorno 8'
Bajoncillo 4'
Terza tastiera - Expresivo
Flautado violón 16'
Flauta armónica 8'
Corno de gamo 8'
Voz celeste 8'
Principal 4'
Flauta octaviante 4'
Lleno V
Fagot 16'
Trompeta 8'
Clarín 4'
Oboe 8'
Voz humana 8'
Quarta tastiera - Bombarda
Flautado mayor 16'
Flautado 8'
Octava 4'
Quincena 2'
Nazardos y corneta III-VII
Trompeta imperial 32'
Bombarda 16'
Trompeta magna 16'
Clarin claro 8'
Chirimía 4'
Violeta 2'
Trompeta de batalla 8'
Bajoncillo 4'
Pedal
Contras 32'
Flautado 16'
Subbajo 16'
Flautado 8'
Bajo dulce 8'
Octava 4'
Compuestas IV
Quinta 10.2/3'
Nazardos III
Contra bombarda 32'
Bombarda 16'
Fagot 16'
Trompeta 8'
Clarín 4'

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]