Ostiario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ostiario (letteralmente 'portinaio', dal latino ostium - porta) era il chierico che aveva ricevuto l'ostariato, cioè il primo degli ordini minori. L'ostariato è stato abolito nella gerarchia cattolica in seguito alla riforma liturgica voluta dal Concilio Vaticano II.

L'ordine dell'ostiariato prevedeva il compito di aprire e chiudere le porte della chiesa e di custodirla (era dunque assimilabile alla funzione del sacrestano). Durante le celebrazioni liturgiche particolarmente affollate gli ostiari dirigevano i movimenti dei fedeli.

Come diceva il Coeremoniale Episcoporum anteriore alla riforma liturgica[senza fonte], era compito dell'ostiario aprire le porte ai fedeli e chiuderle sempre agli infedeli, oltre che suonare le campane e presentare ai celebranti i libri liturgici aperti. Il potere di questo ordine, secondo Tommaso d’Aquino,[senza fonte] serviva a disporre i fedeli alla degna ricezione dell’Eucaristia, vigilando sulla loro buona tenuta corporale (e quindi togliendo il più esterno degli ostacoli alla ricezione stessa): "materia" di questo ordine era la consegna delle chiavi della chiesa da parte del vescovo, accompagnata da una "forma" appropriata, che era l’orazione consacratoria.

Nei primi secoli del cristianesimo, i compiti dell'ostiario coincidevano sostanzialmente con quelli di un sacrestano, anche se in seguito, quando gli ordini minori si ridussero ad essere delle tappe progressive in vista dell'ordinazione presbiterale, l'ordinazione all'ostiariato non comportava nessun incarico particolare: quando la formazione al presbiterato venne confinata ad un seminario di ispirazione monastica, è ovvio che ai seminaristi ordinati ostiari non toccasse chiudere le porte della chiesa o suonare le campane. Subito dopo la loro ordinazione, i neo-ostiari esercitavano formalmente la propria funzione, scendendo a chiudere e aprire una porta della chiesa (o un cancello della balaustra) e suonando una campanella, dopodiché si procedeva generalmente alla loro ordinazione al lettorato.

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo