Sacrestano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un sacrestano o sacrista o sagrestano è una persona incaricata di tenere in ordine la sacrestia, la chiesa ed il loro contenuto.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nei tempi antichi molte funzioni del sacrestano erano effettuate dai portieri (ostiarii), dai tesorieri e dai mansionarii.[1]

Nei Decretali di Gregorio IX[2] si parlava del sacrestano come di un incarico onorevole collegato a un certo beneficio, e il cui dovere era di prendersi cura dei vasi sacri, dei paramenti, delle luci, ecc. Oggi il sacrestano è eletto o nominato. Il Caeremoniale Episcoporum prescriveva che nelle cattedrali e nelle collegiate il sacrestano dovesse essere un presbitero, e descriveva i suoi compiti in ordine alla sacrestia, alla santa Eucaristia, al fonte battesimale, agli olii santi, alle sacre reliquie, alla decorazione della chiesa per le diverse ricorrenze e festività, all'approntamento di quanto necessario per le diverse funzioni, al suono delle campane, al mantenimento dell'ordine in chiesa ed infine suggeriva che due canonici fossero preposti ogni anno a supervisionare il lavoro del sacrestano e dei suoi assistenti.

Vice sacrestano (custos)[modifica | modifica sorgente]

Il vice sacrestano (custos) viene menzionato anche nei Decretali.[3] Egli era l'assistente del sacrestano, era soggetto all'arcidiacono ed aveva compiti similari a quelli del sacrestano. Dal XX secolo l'incarico non è stato quasi mai legato ad un beneficio e quindi non legata ad un rapporto di dipendenza.

Chierici e laici[modifica | modifica sorgente]

Il Concilio di Trento stabilì che, secondo i vecchi canoni, soltanto i chierici avrebbero dovuto detenere tali uffici, ma nella maggior parte delle chiese, a causa della difficoltà o impossibilità di avere dei chierici, i laici eseguirono molte delle funzioni del sacrestano e vice-sacrestano.

Chiese orientali[modifica | modifica sorgente]

Nelle Chiese orientali, il sacrestano è chiamato ecclesiarca, particolarmente nei monasteri. In grandi monasteri può essergli assegnato un assistente detto paraecclesiarca.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Epitome to Canon XIX, Council of Chalcedon, Christian Classics Ethereal Library
  2. ^ lib. I, tit. xxvi, "De officio sacristæ"
  3. ^ lib. I, tit. xxvii, "De officio custodis"

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]