Penitenziere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il penitenziere o penitenziero o canonico penitenziere è un sacerdote cattolico presente nelle cattedrali, di nomina propria del vescovo o arcivescovo diocesano, autorizzato a confessare in tutti quei casi speciali di norma sottratti alla competenza del sacerdote ordinario e riservati quindi all'autorità episcopale. In particolare, ai sensi del codice di diritto canonico vigente, si tratta di un presbitero facente parte del capitolo di canonici e che, per delega del vescovo e nei casi non riservati alla Santa Sede, ha la facoltà di assolvere da peccati o da colpe che latæ sententiæ farebbero incorrere nelle "pene medicinali" o "censure": scomunica, interdizione, sospensione a divinis.

Il penitenziere è anche un presbitero presente nelle tre chiese patriarcali di Roma (San Giovanni in Laterano, San Pietro in Vaticano e Santa Maria Maggiore) a disposizione dei pellegrini. Si tratta di religiosi scelti da varie nazioni e appartenenti ai vari ordini religiosi. Risiedono nei pressi delle basiliche e sono subordinati al gran penitenziere per ciò che riguarda il loro ufficio, mentre sono soggetti al superiore del loro ordine secolare per quanto riguarda la vita religiosa.

Il gran penitenziere o penitenziere maggiore è invece un cardinale preposto, secondo una nomina papale, al tribunale romano della penitenzieria Apostolica. Il suo ufficio spazia nell'ambito dei peccati riservati alla Santa Sede.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo