No Man's Land (film 2001)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
No Man's Land
Nо Man's Land (film 2001).png
Titolo originale Ničija zemlja
Lingua originale bosniaco
Paese di produzione Bosnia ed Erzegovina
Anno 2001
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere bellico, drammatico
Regia Danis Tanović
Sceneggiatura Danis Tanović
Produttore Čedomir Kolar
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Musiche Danis Tanović
Interpreti e personaggi
Premi

No Man's Land (Ničija zemlja) è un film del 2001 scritto e diretto dal bosniaco Danis Tanović, ambientato nel 1993 durante la guerra serbo-bosniaca.

Al suo debutto, Tanović raccolse consensi in tutto il mondo, ricevendo svariati premi nei festival cinematografici in cui il film fu presentato[1] (il premio per la miglior sceneggiatura al 54º Festival di Cannes,[2] il premio del pubblico all'International Film Festival Rotterdam[3] e al Festival Internazionale del Cinema di San Sebastián[4]), e riuscendo a raggiungere un successo internazionale culminato nell'Oscar per il miglior film straniero[5] e nel Golden Globe per il miglior film straniero.[6]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1993. Ciki, un miliziano bosniaco sopravvissuto al massacro della sua pattuglia, trova rifugio in una trincea deserta, a metà strada fra il fronte serbo e quello bosniaco. Due soldati serbi giungono in ricognizione: Ciki uccide l’ufficiale e risparmia Nino, soldato inesperto. Comincia una lotta fatta di accuse reciproche e di piccoli scontri, che vedono alternare i due nel ruolo di vittima e aggressore. Nella trincea c’è un altro soldato bosniaco, Tzera, da tutti creduto morto: è sdraiato su una mina balzante e un qualsiasi suo movimento farebbe saltare in aria lui e i compagni. Poiché la trincea non si trova né in territorio serbo, né in quello bosniaco (è la “terra di nessuno” del titolo) intervengono le truppe ONU. La situazione non si sblocca e il sergente Marchand, esasperato dall’indifferenza dei suoi superiori, coinvolge i media perché la notizia abbia risalto. Nino e Ciki vengono allontanati, ma in un ulteriore litigio, Ciki uccide il serbo e viene ucciso a sua volta da un soldato ONU. Per Tzera non c’è più niente da fare: neppure l’artificiere giunto sul posto può disinnescare la bomba. Si allontanano tutti e l’uomo rimane solo, immobile, sdraiato sulla mina.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) No Man's Land - Awards, IMDb. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) Awards 2001, festival-cannes.fr. URL consultato il 7 luglio 2011.
  3. ^ (EN) UPC Audience Award, filmfestivalrotterdam.com. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  4. ^ (EN) 49 edition. 2001 Awards, sansebastianfestival.com. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  5. ^ (EN) The 74th Academy Awards (2002) Nominees and Winners, oscars.org. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  6. ^ (EN) No Man's Land - 2002 Best Foreign Language Film, hfpa.org. URL consultato il 28 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema