Bianco e nero a colori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bianco e nero a colori
Titolo originale La Victoire en chantant
Noirs et blancs en couleur
Paese di produzione Costa d'Avorio, Francia, Germania, Svizzera
Anno 1976
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Jean-Jacques Annaud
Sceneggiatura Jean-Jacques Annaud e Georges Conchon
Produttore Arthur Cohn, Jacques Perrin, Giorgio Silvagni
Produttore esecutivo Jean-Michel Nakache
Casa di produzione Reggane Films, Société Française de Production (SFP), France 3 Cinéma, Smart Film Produktion, Société Ivoirienne de Cinema
Fotografia Claude Agostini
Montaggio Françoise Bonnot
Musiche Pierre Bachelet
Scenografia Max Douy
Interpreti e personaggi
Premi

Bianco e nero a colori (La Victoire en chantant) è un film del 1976 diretto da Jean-Jacques Annaud, vincitore dell'Oscar al miglior film straniero nel 1977 (in rappresentanza della Costa d'Avorio, non della Francia, a sua volta presente nella cinquina delle nomination con Cugino, cugina).

Il film, passato inosservato all'uscita in Francia, dopo la vittoria dell'Oscar fu redistribuito nelle sale con il titolo Noirs et blancs en couleur, traduzione del titolo inglese Black and White in Color. Il titolo originale, La Victoire en chantant, è tratto dal primo verso della canzone di guerra rivoluzionaria Chant du départ.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Il Dizionario Mereghetti e il Dizionario Morandini lodano entrambi il film in termini simili: per il primo, è «un film originale e graffiante, capace di demistificare il colonialismo razzista e l'intellettualismo pretenzioso degli europei in Africa»,[1] per il secondo è «un pamphlet frizzante, pungente e marionettistico contro il colonialismo razzista e l'imbecillità sciovinista».[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008. Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2007. ISBN 9788860731869 p. 381
  2. ^ Il Morandini - Dizionario dei Film 2000. Bologna, Zanichelli editore, 1999. ISBN 8808021890 p. 165

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema