Nemours

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nemours
comune
Nemours – Stemma
L'ingresso al castello di Nemours
L'ingresso al castello di Nemours
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione France moderne.svg Île-de-France
Dipartimento Blason département fr Seine-et-Marne.svg Senna e Marna
Arrondissement Fontainebleau
Cantone Nemours
Territorio
Coordinate 48°16′02.74″N 2°41′49.1″E / 48.267426°N 2.696972°E48.267426; 2.696972 (Nemours)Coordinate: 48°16′02.74″N 2°41′49.1″E / 48.267426°N 2.696972°E48.267426; 2.696972 (Nemours)
Altitudine 62 m s.l.m.
Superficie 10,83 km²
Abitanti 12 848[1] (2009)
Densità 1 186,33 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 77140
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 77333
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Nemours
Sito istituzionale

Nemours è un comune francese di 12.848 abitanti situato nel dipartimento di Senna e Marna nella regione dell'Île-de-France.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nemours fu una Signoria al tempo situata nella Gâtinais, a metà strada tra Fontainebleau e Château-Landon sulla sinistra del fiume Loing a sud della Singnoria de Milly e a nord della Viscontea di Château-Landon[2]. Nemours fu fondata nel 1120 iniziando a popolarsi per la costruzione di un ricovero costruito per soddisfare le esigenze dei pellegrini, che cercavano guarigioni miracolose, presumibilmente effettuate dai reperti che venivano trasportati dalla Palestina e custoditi nel villaggio[3].

Primo Signore di Nemours fu Orson de Château-Landon. I Signori di Nemours furono nominati a tenere posizioni molto importanti alla corte del Luigi VII di Francia ed i suoi membri ricevettero i massimi onori eccelsiastici nel dodicesimo e tredicesimo secolo. I signori di Nemours, stirpe familiare di Cavalieri Milites, furono però rovinati alla fine del tredicesimo secolo a causa delle loro partecipazioni a tutte Crociate. Vendettero infatti i loro feudi nei secoli per comprare le armi, le armature e sostenere il viaggio in Oriente per sé e per tutti gli eserciti dei loro più fedeli cavalieri e così persi anche i loro castelli rinunciarono di conseguenza alle loro posizioni nobiliari, e alcuni secoli dopo furono completamente dimenticati[4].

Nel 1257 Gauthier III de Nemours, Cavaliere crociato, figlio di Marguerite d'Achères e di Philippe II de Nemours, Consigliere di Camera di Francia, fratello di Jean de Nemours, Signore di Nanteau-sur-Lunain, detto Jean de Nanteau o de Nanteuil (Johannes de Nantolio o de Natolis), ereditò la Signoria di Nemours.

La signoria di Nemours venne acquistata dai fratelli Jean e Philippe de Villebéon, che la ottennero tra il 1274 e il 1276 da Re Filippo III di Francia. Ultimo Signore di Nemours fu nel 1274 Philippe III de Villebéon. La storia delle origini di Nemours è stata studiata nei dettagli da Emile-Louis Richemond agli inizi del ventesimo secolo[5].

Nel 1404 Nemours fu elevata dal Re Carlo VI di Francia a Ducato-priorato, che inizialmente fu concesso al Re di Navarra Alfonso I di Aragona in cambio dei territori di Vexin e Champagne, e venne solo poi tramandato ereditariamente a un ramo cadetto della famiglia dei Duchi di Savoia. Nel 1666 alla morte di Anna d'Asburgo Regina di Francia e Navarra il territorio di Nemours tornò alla Corona di Francia.

Soldati crociati in un'illustrazione di Pierre Larousse del 1922

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Nemours[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Giovanni Battista

La costruzione del castello iniziò verso il 1120 sulla riva sinistra del fiume Loing. Fu completato nel 1170 dal Signore di Nemours Gauthier I de Villébon. Fu distrutto in parte da un incendio nel 1357 e modificato nel XV e XVI secolo. Nel 1903 è divenuto museo.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Nemours[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ Richemond (1907), Vol. I, p. 4
  3. ^ Richemond (1907), Vol. I, p. 18
  4. ^ Richemond (1907), Vol. I, p. 5.
  5. ^ Emile-Louis Richemond, Recherches Genealogiques Sur La Famille Des Seigneurs de Nemours Du Xiie Au Xve Siecl, (1907) and (1908), Vols. I and II

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberic de Trois-Fontaines, Chronicon Tres episcopos Noviomenem, Parisiensem et Meldensem et quatuor milites Philippus de Nemosio…Ursonem, Galterum iuniorem et Iohannem
  • Richemond, Vols. I, 1907
  • Richemond, Vols. II, 1908
  • Jean Flori, Le Crociate, Il Mulino, 2011, ISBN 978-88-15-09090-4
  • Jean Richard, Saint Louis - Roi d'une France féodale, soutien de la Terre sainte, Parigi, Fayard, 1983, ISBN 2-213-01168-0.
  • Jacques Le Goff, Saint Louis, Parigi, Gallimard, 1996, ISBN 2-07-073369-6.
  • Antoine Rivet de la Grange, François Clément, Charles Clémencet, Pierre Claude François, "Histoire littéraire de la France", vol. 17, XIII, pgg 214
  • Émile-Louis Richemond, "Recherches généalogiques sur la famille des seigneurs de Nemours du XIIe au XVe siècle" vol. 2, 1908

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [1] Signoria di de Villemomble & Villebéon
Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia