Governatori romani d'Asia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La provincia romana d'Asia nell'anno 120 d.C.

Questa è la lista dei governatori romani della provincia romana d'Asia. Creata dopo il 113 a.C., la provincia venne riorganizzata dall'imperatore Augusto che la assegnò al Senato come governatore proconsolare. La provincia fu divisa da Diocleziano durante la riorganizzazione degli anni 290, ed una piccola porzione della stessa mantenne il nome originario.

La provincia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Asia (provincia romana).

La provincia comprese i territori del regno di Pergamo, a cui si aggiunse la parte della Caria che era rimasta sotto il dominio di Rodi fino al 168 a.C. . Altre regioni furono assegnate ai re alleati: la Licaonia alla Cappadocia, ai figli di Ariarate V, rimasto ucciso durante la rivolta di Aristonico, la Frigia al Ponto fino alla morte del re Mitridate III (121-116 a.C.). Rimase indipendente la confederazione di città (koinon) della Licia (fino al 44 a.C.), Non vennero annesse né la Panfilia né la Pisidia. Il Chersoneso Tracico venne annesso probabilmente alla provincia di Macedonia. Le isole che avevano fatto parte del regno di Pergamo furono annesse alla nuova provincia, mentre le altre rimasero libere.

Nel testamento di Attalo III una clausola salvaguardava le libertà cittadine, ma furono poche le città considerate libere ed esenti da tributi (civitates liberae et immunes) o alleate del popolo romano (civitates foederatae), rispettando la varia situazione già presente nelle monarchie ellenistiche. La situazione venne tuttavia più volte modificata, in relazione alle parti prese dalle diverse città durante le guerre mitridatiche e le guerre civili (tra Mario e Silla, tra Cesare e Pompeo e tra Ottaviano e Marco Antonio). Le città libere conservarono il diritto di coniare monete in argento, mentre quelle tributarie solo monete in bronzo. Il territorio comprendeva, al momento dell'annessione, le terre del patrimonio regio divenute ager publicus populi romani, in alcuni casi date in concessione, vaste proprietà private, i territori assegnati alle singole città e quelli di proprietà di grandi santuari e, nell'interno, quelli delle comunità indigene organizzate in villaggi. Sotto Augusto alcune città ottennero la condizione di colonia romana (Alessandria Troade con il nome di Colonia Augusta, Pario, con il nome di Colonia Iulia Pariana, e Tralles, con il nome di Caesarea Tralles).

La provincia fu governata da un propretore e solo in tempo di guerra vi veniva inviato un console o un proconsole. Con la riforma augustea del 27 a.C. fu classificata tra le province senatorie e veniva governata da un proconsole. Il governatore era assistito da un questore propretore e da tre legati. La capitale, che forse nei primi tempi dopo l'annessione era stata la stessa del regno pergameno, Pergamo, divenne presto Efeso[1]. Era divisa in una serie di distretti giudiziari (conventus), di cui ci fornisce una lista Plinio:[2] Laodicea al Lico, Synnada, Apamea di Frigia, Alabanda, Sardi, Smirne e Pergamo, oltre alla capitale provinciale. I primi tre furono per qualche tempo (fino al 50 a.C.) alla provincia di Cilicia.

Lista di governatori romani[modifica | modifica sorgente]

Repubblicani (133 — 27 a.C.)[modifica | modifica sorgente]

Alto imperiali (27 a.C. — 285)[modifica | modifica sorgente]

Sotto Augusto[modifica | modifica sorgente]

Sotto Tiberio[modifica | modifica sorgente]

Sotto Caligola[modifica | modifica sorgente]

Sotto Claudio[modifica | modifica sorgente]

Sotto Nerone[modifica | modifica sorgente]

Sotto Vespasiano e Tito[modifica | modifica sorgente]

Sotto Domiziano e Nerva[modifica | modifica sorgente]

  • Marcus Maecius Rufus (83)
  • Sextus Julius Frontius (85—86)
  • Gaius Vettulenus Civica Cerialis (87—88)
  • Lucius Mestrius Florus (88—89)
  • Marcus Fulvius Gillo (89—90)
  • Publius Calvisius Ruso (92—93)
  • Lucius Junius Caesennius Paetus (93—94)
  • Marcus Atilius Postumus Bradua (94—95)
  • Sextus Carminius Vetus (96—98)
  • Gnaeus Pedanius Fuscus Salinator (98—99)
  • Marcus Aquillius Regulus (unknown date)

Sotto Traiano[modifica | modifica sorgente]

  • Quintus Julius Balbus (100—102)
  • Tiberius Julius Celsus Polemaeanus (105—106)
  • Lucius Dasumius Hadrianus (106—107)
  • Lucius Nonius Calpurnius Torquatus Asprenas (107—108)
  • Marcus Lollius Paullinus Decimus Valerius Asiaticus Saturninus (c. 108/109)
  • Gaius Cornelius Rarus (c. 108/109)
  • Gaius Antius Aulus Julius Quadratus (110)
  • Lucius Baebius Tullus (110—111)
  • Quintus Fabius Postuminus (111—112)
  • Cornelius Tacitus (112—113)
  • Quintus Vibius Secundus (113)
  • Aulus Vicirius Martialis (113—114)
  • Marcus Ostorius Scapula (114—115)
  • Quintus Fulvius Gillo Bittius Proculus (115—116)
  • Galeo Tettienus Severus Marcus Eppuleius Proculus Tiberius Caepio Hispo (c. 117/118)
  • Publius Metilius Secundus (unknown date)

Sotto Adriano[modifica | modifica sorgente]

Sotto Antonino Pio[modifica | modifica sorgente]

  • Lucius Venuleius Apronianus Octavius Princus (138—139)
  • Lucius Antonius Albus (146—147)
  • Glabrio (? 148—149)
  • Popilius Priscus (149—150)
  • Titus Vitrasius Pollio (152)
  • Lucius Statius Quadratus (156—157)
  • Titus Statilius Maximus (157—158)

Sotto Marco Aurelio[modifica | modifica sorgente]

Sotto Commodo[modifica | modifica sorgente]

Sotto Settimio Severo[modifica | modifica sorgente]

  • Lucius Albinus Saturninus (c. 190/200)
  • Asellius Aemilianus (192—193)
  • (?) Marcus Gavius Galicanus (? c. 195/200)
  • Quintus Licinius Nepos (c. 198/208)
  • Quintus Aurelius Polus Terentianus (c. 198/208)
  • Quintus Tineius Sacerdos (c. 199/211)
  • Quintus Hedius Rufus Lollianus Gentianus (201—202)
  • Tarius Titianus (c. 202/205)
  • Lucius Calpurnius Proculus (c. 202/205)
  • Popilius Pedo Apropianus (c. 204/206)
  • Quintus Caecilius Secundus Servilianus (208—209)
  • Titus Manilius Fuscus (209—210)
  • (?) Decimus Caelius Calvinus Balbinus (unknown date)
  • (?) Sextius Magius Lateranus (unknown date)

Sotto Caracalla[modifica | modifica sorgente]

Sotto Macrino e Elagabalo[modifica | modifica sorgente]

Sotto Alessandro Severo[modifica | modifica sorgente]

Governatori sotto Massimino Trace[modifica | modifica sorgente]

Sotto Gordiano III[modifica | modifica sorgente]

Sotto Decio[modifica | modifica sorgente]

  • Gaius Julius Flavius Proculus Quintilianus (249—250)

Sotto Valeriano[modifica | modifica sorgente]

Sotto Marco Aurelio Probo[modifica | modifica sorgente]

  • Arellius Fuscus (275)
  • Faltonius Probus (276)
  • Julius Proculus (276)

Sotto Caro[modifica | modifica sorgente]

Tardo imperiali (285 — 395)[modifica | modifica sorgente]

Sotto Diocleziano[modifica | modifica sorgente]

  • Aurelius Hermogenianus (c. 286/305)
  • Titus Flavius Festus (c. 286/293)
  • Priscus (c. 286/305)
  • Lucius Artorius Pius Maximus (c. 287/298)
  • Junius Tiberianus (c. 293/303)
  • Annius Epifanius (c. 293/305)

Sotto Costantino I[modifica | modifica sorgente]

Sotto Costanzo II[modifica | modifica sorgente]

  • Lucius Caelius Montius (c. 340/350)
  • Marinus (c. 351/354)
  • Flavius Magnus (c. 354/359)
  • Mantitheus (before 355)
  • Julianus (360)

Sotto Giuliano e Gioviano[modifica | modifica sorgente]

  • Aelius Claudius Dulcitius (361—363)
  • Vitalius (363)

Sotto Valente[modifica | modifica sorgente]

  • Helpidius (364)
  • Hormisdas (365)
  • Clearchus (366—367)
  • Eutropius (c. 371/372)
  • Festus (372—378)

Sotto Teodosio I[modifica | modifica sorgente]

  • Septimius Maeadius (c. 379/386)
  • Nummius Aemilianus Dexter (c. 379/387)
  • Auxonius (381)
  • Nicomachus Flavianus (382—383)
  • Victorius (392—394)
  • Aurelianus (395)

Dopo la divisione tra Occidente ed Oriente (395 — 491)[modifica | modifica sorgente]

Sotto Arcadio[modifica | modifica sorgente]

Sotto Teodosio II[modifica | modifica sorgente]

  • Flavius Heliodorus (c. 439/442)
  • Proculus (449)

Governatori di datazione incerta[modifica | modifica sorgente]

  • (?) Scaurianus (? tardo III secolo)
  • Cassianus (III/IV secolo)
  • Cossinius Rufinus (? metà/tardo III secolo)
  • Axiochus (? tardo IV secolo)
  • Ambrosius (? tardo IV secolo)
  • Messalinus (IV/V secolo)
  • Aristus (IV/V secolo)
  • Constantinus (IV/V secolo)
  • Nonnus (inizio del V secolo)
  • (?) Ignatius (inizio/metà V secolo)
  • (?) Zosimianus (inizio/metà V secolo)
  • Andreas (? V secolo)
  • Flavius Axius Arcadius Phlegethius (tardo V/inizio del VI secolo)
  • Damocharis (IV/VI secolo)
  • Theodosius (V/VI secolo)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ M.H.Crawford, Origini e sviluppi del sistema provinciale romano, in Storia Einaudi dei Greci e dei Romani, vol. 14º, p. 104.
  2. ^ Naturalis Historia, V.95

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Thomas Robert Shannon Broughton, The Magistrates of the Roman Republic, Vol I (1951)
  • Thomas Robert Shannon Broughton, The Magistrates of the Roman Republic, Vol II (1952)
  • Thomas Robert Shannon Broughton, The Magistrates of the Roman Republic, Vol III (1986)
  • Laale, Hans Willer, Ephesus (Ephesos): An Abbreviated History from Androclus to Constantine XI, WestBow Press (2011)
  • Martindale, J. R.; Jones, A. H. M, The Prosopography of the Later Roman Empire, Vol. I AD 260-395, Cambridge University Press (1971)
  • Martindale, J. R.; Jones, A. H. M, The Prosopography of the Later Roman Empire, Vol. II AD 395-527, Cambridge University Press (1980)
  • Mennen, Inge, Power e Status in the Roman Empire, AD 193-284 (2011)
  • Syme, Ronald, "The Augustan Aristocracy" (1986). Clarendon Press. Retrieved 2012-11-10
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma