Quinto Tullio Cicerone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Quinto Tullio Cicerone (102 a.C.43 a.C.) è stato un politico romano, fratello del celebre oratore Marco Tullio Cicerone.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 64 a.C. scrisse una breve opera, il Commentariolum petitionis, indirizzandola al fratello Marco, che in quell'anno si candidava al consolato per l'anno successivo.

Fu pretore nel 62 a.C., proconsole della provincia d'Asia dal 61 al 59 a.C. e legato di Gneo Pompeo Magno in Sardegna dal 57 al 56 a.C. Dal 54 a.C. militò per ragioni politiche[1] nell'esercito di Cesare durante la conquista della Gallia.

In quello stesso anno tenne testa ai Nervii di Ambiorige, che incoraggiato dalla vittoria sulla legione comandata da Quinto Titurio Sabino e Lucio Aurunculeio Cotta, aveva raccolto intorno a sé gli Atuatuci e gli Eburoni (più tutta una serie di popolazioni minori) e aveva sferrato un attacco agli accampamenti invernali di Cicerone. L'anno seguente (53 a.C.) al comando della Legio XIII presso Atuatuca fu messo in difficoltà dai Sigambri.

Fu congedato nel 52 a.C., così da poter servire come legato del fratello Marco in Cilicia.

Allo scoppio della guerra civile tra Cesare e Pompeo, si schierò dalla parte di quest'ultimo insieme al fratello. Dopo la fine del conflitto, fu perdonato da Cesare, ma nel 44 a.C. diede il suo assenso all'uccisione del dittatore. Nel 43 a.C. cadde vittima delle proscrizioni volute dai triumviri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gaio Giulio Cesare, De bello Gallico, trad. di Adriano Pennacchi e note di Albino Garzetti, Einaudi Tascabili, Torino, 1996, pagg. 479; 544-545

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L. Biondetti, Quinto Cicerone. Piccolo manuale per una campagna elettorale (Milano 1993)
  • P. Fedeli, Manualetto di campagna elettorale (Commentariolum Petitionis) (Roma 1987)
  • L. Fezzi, Il Commentariolum Petitionis: sguardi dalle democrazie contemporanee, “Historia” 56 (2007), pp.14-26

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 267738833 LCCN: n81090754

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma