Accone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Accone fu un capo della tribù gallica dei Senoni, che spinse il suo popolo alla rivolta contro Gaio Giulio Cesare nel 53 a.C. Sedata la ribellione, Cesare lo condannò a morte[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giulio Cesare, De bello Gallico, VI, 4, 44

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]