Sesto Giulio Frontino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frontespizio di un'edizione di fine Ottocento degli Stratagemmi militari, scritti da Frontino

Sesto Giulio Frontino (40 circa – 103-104) è stato un politico, funzionario e scrittore romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Di lui conosciamo poche notizie biografiche. Nacque verso il 40 d.C. nella Gallia Narbonense.[1] La sua carriera, il suo cursus honorum, si delinea come quella di esponente preminente dell'oligarchia senatoria. Questo confermerebbe una sua parentela con il cavaliere Aulo Giulio Frontino, il quale sposò Cornelia Africana, l'unica figlia di Publio Cornelio Scipione[2].

È certo che fu praetor urbanus nel 70,[3] fu eletto console suffectus nel 74 e fu inviato in Britannia come governatore negli anni 74-78, nei quali sottomise Siluri e Ordovici (ed il conseguente posizionamento della fortezza legionaria di Deva Victrix),[4] una popolazione celtica che risiedeva nei territori dell'attuale Galles.

Divenne curator aquarum (sovrintendente agli acquedotti di Roma) nel 97, sotto l’imperatore Nerva. Fu ancora console suffectus nel 98 e ordinarius nel 100. Sappiamo che morì tra il 103 e il 104, durante il principato di Traiano, dato che in quegli anni Plinio il Giovane succedette a lui deceduto nella carica di augure, definendolo « uomo preclaro »,[5] e informando poi che Frontino aveva desiderato che non gli fosse dedicato in morte alcun monumento, quale « inutile spesa, poiché soltanto ai nostri meriti è affidata la nostra memoria ».[6]

Opere[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della letteratura latina (69 - 117).

Si conservano due opere di Sesto Giulio Frontino: il De aquaeductu urbis Romae e gli Stratagemata. Questi ultimi sono in realtà commentari di una sua opera perduta, il De re militari, e consistono in quattro libri di Stratagemmi militari:

  • Il I libro tratta della preparazione al combattimento e le varie operazioni.
  • Il II libro tratta del combattimento vero e proprio.
  • Il III libro tratta dell'assedio di città.
  • Il IV libro espone detti e fatti di celebri generali. Per le differenze di stile e di contenuti, e per le frequenti ripetizioni di cose già scritte nei libri precedenti, si sospetta che questo quarto libro non sia opera di Frontino.[7]

Il trattato sugli acquedotti è l'opera più importante di Frontino, una buona e concreta trattazione, svolta in due libri, dei problemi di approvvigionamento idrico a Roma. Frontino era stato curatore delle acque, cioè il responsabile degli acquedotti e dei servizi connessi, e il trattato riflette la serietà e lo scrupolo del suo impegno. L'opera contiene notizie storiche, tecniche, amministrativo-legislative e topografiche sui nove acquedotti esistenti all'epoca, visti come elemento di grandezza dell'Impero Romano e paragonati, per la loro magnificenza, alle piramidi o alle opere architettoniche greche.

L'opera ci è giunta attraverso il codice Cassinensis 361 di mano di Pietro Diacono (XII secolo), ritrovato nell'Abbazia di Montecassino da Poggio Bracciolini nel 1429.

Restano solo estratti di un suo trattato di agrimensura (la disciplina che ha per oggetto la rilevazione, la rappresentazione cartografica e la determinazione della superficie agraria di un terreno, chiamata a Roma gromatica, da groma, lo strumento usato per le misurazioni del terreno), scritto durante il principato di Domiziano (81-96), in un periodo in cui Frontino abbandonò momentaneamente la carriera politica per dedicarsi principalmente all'attività letteraria.

Frontino è pochissimo studiato nelle scuole e nelle Università sia italiane che straniere a causa del suo linguaggio semplice, della compilazione non sempre precisa e per lo stile fin troppo generico. Tuttavia, la sua opera (scritta per fini pratici e, forse, personali) è importante perché ha dato agli storici ottime indicazioni per quanto concerne i lavori legati alle opere idriche che si realizzavano nell'Impero Romano.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ M.-P. Arnaud-Lindet, Histoire et politique à Rome, p. 259.
  2. ^ E. Fantham, Julia Augusti. The Emperor's Daughter, p. 18.
  3. ^ Tacito, Historiae, IV, 39
  4. ^ S. S. Frere, Britannia: A History of Roman Britain, p. 87.
  5. ^ Epistularum libri, IV, 8, Ad Arriano.
  6. ^ Epistularum libri, X, 13, A Traiano.
  7. ^ C. Marchesi, Storia della letteratura latina, II, p. 330.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • Astutie militari di Sesto Iulio Frontino huomo consolare, di tutti li famosi et eccellenti capitani romani, greci, barbari, et hesterni, traduzione di Francesco Luci, Venezia, per Giovan' Antonio di Nicolini da Sabio, 1536
  • Gli Acquedotti di Roma, da Commentario di Sesto Giulio Frontino - Degli Acquedotti della Città di Roma - con note e figure, illustrato da Baldassarre Orsini, Perugia, Stamperia camerale di Carlo Baduel, 1805
  • Gli Stratagemmi, traduzione di Roberto Ponzio Vaglia, Milano, Casa Editrice Sonzogno, 1919

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Concetto Marchesi, Storia della letteratura latina, II, Milano-Messina, Giuseppe Principato, 1957
  • Sheppard S. Frere, Britannia: A History of Roman Britain, London, Routledge & Kegan Paul, 1987 ISBN 9780710212153
  • Marie-Pierre Arnaud-Lindet, Histoire et politique à Rome, Paris, Éditions Bréal, 2001 ISBN 9782842917722
  • Elaine Fantham, Julia Augusti. The Emperor's Daughter, London, Routledge, 2006 ISBN 0-415-33146-3

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore
Quinto Petillio Ceriale
Governatori della Britannia
74-78
Successore
Gneo Giulio Agricola

Controllo di autorità VIAF: 12349897 LCCN: n83236155