Gaio Cassio Longino (console 30)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gaio Cassio Longino (... – ...) è stato un giureconsulto romano, consul suffectus nel 30 d.C., morto sotto Vespasiano[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Apparteneva alla Gens Cassia che al tempo del nostro giurista era una delle più importanti gentes in Roma. Molti alti magistrati erano usciti da questa gens di antichissima nobiltà: tanto antica che circolava in Roma la leggenda, forse inventata dagli stessi appartenenti alla gens, che originariamente fosse stata patrizia e che solo in conseguenza degli avvenimenti che coinvolsero il console Spurius Cassius Vecellinus[2], i figli di lui furono espulsi, o lasciarono volontariamente l'ordine patrizio.[3] A questa importante gens apparteneva la familia Longina resa tristemente famosa dalle Idi di marzo, ma la cui importanza non era certo dovuta solo all'uccisione di Cesare. Sembra infatti legata alla familia Longina la Via Cassia che Festo[4] ci dice soltanto essere stata lastricata da un Cassio, ma che sembra potersi attribuire al censore L. Cassius Longinus Ravilla[5] che fu tribuno della plebe nel 137 a.C., console nel 127, censore nel 125 e il cui nome è legato alla proposta della Lex Cassia per il voto scritto anziché orale. Il padre di Gaio Cassio Longino fu Lucio Cassio Longino, consul suffectus nell'11 d.C. che sposò Aelia, figlia del famoso giureconsulto Q. Aelius Tubero, nipote del giureconsulto S. Sulpicius Rufus e sorella di Q. Aelis Tubero console nell'11 d.C. Il fratello maggiore Lucio Cassio Longino fu console nel 30 d.C. (lo stesso anno in cui Gaio fu consul suffectus) , partigiano di Seiano[6] e sposò nel 33 Drusilla sorella di Caligola. Gaio Cassio Longino si sposò con Iunia Lepida della famiglia dei Silani; il suocero era M. Silanus console nel 19 d.C.[7]; la moglie era pronipote di Augusto.[8] Fu pretore, probabilmente nel 27 d.C.[9], Console nel 30 d.C.[10], proconsole in Asia nel 40[11] e legato imperiale propretore in Siria dal 49 al 51[12] Nel 58 fu inviato a sedare la rivolta di Pozzuoli[13] Fu esiliato in Sardegna da Nerone[14], con l'accusa di conservare, fra le imagines degli antenati, anche quella del Gaio Cassio Longino cesaricida[15]. In modo inequivocabile Cassio fu partecipe dei torbidi periodi neroniani e d'altra parte non poteva essere diversamente da parte di un uomo che rappresentò per il periodo il più grande giureconsulto.[16]. Esiliando lui si esiliava la libera giurisprudenza e il ritorno dall'esilio sotto Vespasiano rappresentò il rinascere della giurisprudenza[17] Allievo di Masurio Sabino, insieme al quale diresse la scuola che da entrambi prese il nome: detta anche dei Cassiani o Sabiniani. Secondo Plinio[18] il fondatore della scuola fu Cassio[19] Nessuna opera di Cassio ci è giunta; le uniche notizie sulle sue opere le dobbiamo ricavare dai frammenti in cui il giureconsulto è nominato; le uniche notizie certe riguardano un'opera intitolata Iuris civilis libri, in almeno 10 libri[20]. È presumibile che questa fosse l'opera principale di Cassio. Sono discussi i rapporti fra l'opera di questo giurista e le Istituzioni di Gaio[21].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ O. Lenel, Palingenesia iuris civilis, vol. I, Lipsiae, 1889, coll. 109-126
  2. ^ console nel 502 a.C., nel 493 e nel 486 fu messo a morte perché sospettato di aspirare alla tirannide
  3. ^ M. Borgioli, Analisi per un profilo di Gaio Cassio Longino, Firenze 1973, pag. 5
  4. ^ Epit. 48
  5. ^ P.W. voce Cassius n° 63 ; soprannominato Ravilla dal colore grigio = ruvus dei suoi occhi
  6. ^ Dio. 58,3,8
  7. ^ PW. voce Silanus n° 175
  8. ^ Ronald Syme, Tacito, Brescia 1967 , pag. 737 n. 98; che avanza l'ipotesi di una figlia di Cassio andata in sposa a Domizio Corbulone)
  9. ^ M.Borgioli , ibidem , pag. 11
  10. ^ Dessau 6124 = Cil X, 1233; Fasti Consolari 30 p.Ch.n. ; Pomponio D. 1.2.2.51
  11. ^ Dio. LIX,29,3; Svet. Cal. LVII,1
  12. ^ Jos. Ant. XV, 406; Jos. Ant. XX,1; Tac. Ann. XII, 11-12
  13. ^ Tac. Ann. XIII, 48
  14. ^ V. Arangio-Ruiz, Storia del diritto romano, 7ª ed., Napoli, p. 284
  15. ^ L. Canfora, Studi di storia della storiografia romana, Bari, 1993, p. 228
  16. ^ M. Borgioli , ibidem, pag.31
  17. ^ Paolo Frezza, Corso di Storia del Diritto romano, Roma 1968, pag. 460
  18. ^ C.Cassi huius qui cassianae scholae princeps et parens fuit - Aepistulae, VII, 24
  19. ^ Carlo Arnò, Cassio, Servianae scholae princeps et parens, sta in Memorie della Reale Accademia di Scienze, Lettere ed Arti in Modena, Serie IV, vol 1°, pag. 81, Modena, 1926
  20. ^ Lenel, Palingenesia iuris civilis, cit., coll. 109-110
  21. ^ Arangio-Ruiz, Storia del diritto romano, cit., p. 287ss.

Controllo di autorità VIAF: 57870918

antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Roma