Gaio Antistio Vetere (console 6 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaio Antistio Vetere
Roman SPQR banner.svg Console dell'Impero romano
Augustus denarius 16 BC 2280302.jpg
Denario del 16 a.C. coniato da Gaio Antistio Vetere quando era magistrato monetario[1]
Nome originale Gaius Antistius Vetus
Nascita 40 a.C. circa
Morte dopo l'1 d.C.
Figli Gaio e Lucio.
Padre Gaio Antistio Vetere

Gaio Antistio Vetere (in latino: Gaius Antistius Vetus; 40 a.C. circa – dopo l'1 d.C.) fu un senatore e generale dell'Impero.

Figlio del console suffecto del 30 a.C. Gaio e nipote dell'omonimo governatore della Hispania ulterior (propraetor Hispaniae ulterioris).

Nel 16/15 a.C. iniziò la sua carriera politica come magistrato monetario. Nell'anno 6 a.C. fu console ordinario assieme ad Decimo Lelio Balbo.

Dopo fu proconsole della provincia dell'Asia. In seguito fu pontefice. I suoi figli furono Gaio e Lucio.

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Roman Imperial Coinage, I, Augustus, RIC 367.
  2. ^ RE:Antistius 48.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Fasti consulares Successore LupaCapitolina.png
Tiberio Claudio Nerone II
e
Gneo Calpurnio Pisone
(6 a.C.)
con Decimo Lelio Belbo
Imperatore Caio Giulio Cesare Ottaviano figlio del Divino Cesare XII
e
Lucio Cornelio Sulla