Lucio Manlio Torquato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Manlio Torquato
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Lucius Manlius Torquatus
Gens Manlia
Consolato 65 a.C.

Lucio Manlio Torquato [1] (latino: Lucius Manlius Torquatus) (... – ...) è stato un politico romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu console nel 65 a.C. con Lucio Aurelio Cotta, dopo che, nel 66 a.C., Publio Cornelio Silla e Publio Autronio Peto, eletti alla carica per l'anno successivo, furono esclusi sotto l'accusa di corruzione di ufficiali (ambitus)[2], anche se, alcuni passi di Cicerone[3] sembrano indicare che l'accusa fosse stata mossa dal figlio di Torquato. Se ne arguirebbe quindi che lo storiografo Cassio Dione possa essere caduto in errore.

Note[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Manio Emilio Lepido
e
Lucio Volcacio Tullo
(65 a.C.)
con Lucio Aurelio Cotta
Lucio Giulio Cesare
e
Gaio Marcio Figulo