Frankenweenie (film 2012)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frankenweenie
Frankenweenie 2012.png
Una scena del film
Titolo originale Frankenweenie
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 2012
Durata 84 minuti
Colore B/N
Audio sonoro
Genere animazione, horror, commedia nera
Regia Tim Burton
Soggetto Tim Burton (da Mary Shelley)
Sceneggiatura John August
Produttore Tim Burton, Allison Abbate
Produttore esecutivo Don Hahn
Casa di produzione Tim Burton Productions
Art director Tim Browning
Fotografia Peter Sorg
Montaggio Chris Lebenzon, Mark Solomon
Musiche Danny Elfman
Scenografia Rick Heinrichs
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Frankenweenie è un film d'animazione del 2012 diretto da Tim Burton.

Realizzato in stop motion e 3D, il film è l'adattamento del cortometraggio omonimo realizzato dallo stesso Burton nel 1984, tratto dal romanzo Frankenstein di Mary Shelley. Il film fu candidato agli Oscar 2013 come miglior film d'animazione.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane appassionato di cinematografia e scienza Victor Frankenstein vive con i genitori nella monotona New Holland e ha come miglior amico il suo inseparabile cagnolino Sparky. Le doti di Victor sono osservate a scuola dai suoi compagni: la vicina di casa Elsa Van Helsing (nipote dell'acido Sindaco Bergermeister), il ragazzino gobbo Edgar, l'obeso Bob, il pretenzioso ragazzino asiatico Toshiaki, il sinistro Nassor e un'eccentrica ragazzina bionda chiamata Stranella, che possiede un gatto chiamato "Signor Baffino". Victor però ha pochi contatti con loro, siccome è troppo preso da Sparky. Il padre di Victor allora lo incoraggia a iscriversi alla squadra di baseball per farsi notare. Alla partita, Victor riesce a battere uno splendido fuoricampo ma Sparky, inseguendo la palla per la strada, viene investito da un'auto e muore sotto gli occhi di Victor.

La morte di Sparky è una grave perdita per Victor, che cade in una profonda tristezza. Poi però, ispirato dagli esperimenti galvanici dell'insegnante di scienze Signor Rzykruski, Victor decide di rivangare il cadavere di Sparky dal cimitero degli animali e lo porta nel suo laboratorio improvvisato in soffitta; riesce a rianimare il cane sfruttando l'elettricità di un fulmine. Nonostante sia euforico dal ritorno dell'amato cagnolino, Victor pensa che non sia ancora il momento di rivelare il ritorno di Sparky ai genitori e decide di tenerlo nascosto in soffitta. Il giorno seguente però, Sparky esce dall'attico per inseguire Signor Baffino, causando qualche danno nel quartiere finché non viene notato da Edgar, il quale supplica Victor di insegnargli come resuscitare i morti. Pur di non avere l'esistenza di Sparky rivelata, Victor acconsente e i due rianimano un pesce rosso, che inspiegabilmente diventa invisibile.

Venendo a conoscenza del pesciolino invisibile di Edgar, Toshiaki e Bob temono di non riuscire a vincere la gara di scienze della fiera annuale, e così Toshiaki prova a far volare Bob con un rudimentale jetpack improvvisato con delle bottiglie di bibita frizzante, ma fallisce e Bob cade giù dal tetto, fratturandosi un braccio. Questo episodio scaturisce astio fra gli adulti della cittadina e il Signor Rzykruski viene criticato con l'accusa che i suoi insegnamenti influenzano malamente i bambini. Il discorso che Rzykruski recita in propria difesa è scambiato per una minaccia, quindi viene licenziato e rimpiazzato dall'insegnante di ginnastica. Intanto il pesciolino invisibile di Edgar scompare quando questi cerca di convincere i compagni di classe, e il ragazzino rivela accidentalmente le azioni di Victor, ispirando gli altri a sperimentare la rianimazione per conto proprio. Nel frattempo i genitori di Victor scoprono con gran stupore che Sparky è vivo, ma, in mezzo alla confusione e allo spavento, il cagnolino fugge di casa.

Mentre Victor e i suoi genitori partono alla ricerca del cane, Edgar, Nassor, Bob, Toshiaki e Stranella si intrufolano nel laboratorio di Victor e apprendono i suoi studi per la rianimazione. Il gruppo decide allora di svolgere delle rianimazioni separatamente: Edgar si prepara a rianimare un ratto morto trovato nella spazzatura, Nassor il suo criceto mummificato "Colossus", Toshiaki la sua tartarughina morta Shelley, Bob un pacco di Scimmie di mare scaduto e Stranella un pipistrello morto. Dopo aver fulminato i corpi, i ragazzini tramutano senza volerlo gli animali morti in mostri: il ratto di Edgar diventa un Ratto Mannaro, Shelley diventa un enorme mostro simile a Gamera, le Scimmie di mare di Bob diventano dei mostriciattoli anfibi simili a Gremlins e il Signor Baffino, tenendo in bocca il pipistrello di Stranella mentre veniva elettrificato, si tramuta in un mostruoso gatto-vampiro. I mostri terrorizzano il gruppo (tranne Stranella) e si dirigono verso la fiera annuale dove finiscono per seminare caos e distruzione.

Dopo aver ritrovato Sparky vicino alla sua lapide nel cimitero degli animali, Victor vede i mostri assaltare la fiera e corre ad aiutare i suoi compagni: le Scimmie di mare esplodono mangiando dei pop corn molto salati, Colossus viene stritolato da Shelley mentre questa e il Ratto Mannaro tornano a essere dei cadaveri, una volta fulminati di nuovo. Nel caos generale, Elsa viene catturata insieme alla sua cagnetta dal Signor Baffino e trasportata nel mulino a vento cittadino. Il sindaco e i cittadini accusano ingiustamente Sparky e lo inseguono fino al mulino, al quale il sindaco appicca il fuoco inavvertitamente. Victor allora irrompe nello stabile per salvare Elsa e Sparky, il quale si scontra accanitamente contro Baffino. Nonostante Elsa e Victor riescano a salvarsi e Baffino venga trafitto da una trave di legno incandescente, l'edificio crolla addosso a Sparky, uccidendolo.

I cittadini, impietositi per la morte del cagnolino, decidono di premiare Sparky per il suo coraggio connettendo i suoi elettrodi alle batterie delle loro macchine. L'esperimento ha successo e alla fine Persefone, la barboncina di Elsa, raggiunge Sparky, e i due cani si innamorano.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Riguardo alla realizzazione del progetto, Burton ha affermato che si tratta di un "qualcosa di molto personale" nel quale ha cercato di mantenere inalterato il cuore della vecchia versione, arricchendolo con dinamiche sociali presenti nel mondo dell'infanzia. Il ritorno al passato è inoltre rappresentato dalla scelta dei doppiatori originali (Martin Landau, Martin Short, Winona Ryder, Catherine O'Hara e Michael Keaton), tutti attori con i quali Burton non lavorava da tempo.[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 - Golden Trailer Awards
    • Nomination Trailer più originale
    • Nomination Spot TV più originale
    • Nomination Miglior show
    • Nomination Film più innovativo
  • 2013 - Key Art Awards
    • Nomination Miglior trailer
    • Nomination Miglior campagna pubblicitaria

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, prodotto e distribuito dalla Walt Disney Pictures, è stato distribuito nelle sale statunitensi il 5 ottobre 2012,[2] ed in quelle italiane dal 17 gennaio 2013.[3]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il teaser trailer italiano è stato diffuso il 1º marzo 2012, poche ore dopo quello internazionale e a pochi giorni dall'uscita del poster del film.[4]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella scena in cui Victor cerca di resuscitare Sparky sfruttando l'energia elettrica dei fulmini con degli aquiloni, uno di questi ha forma molto simile all'emblema del personaggio di Batman della DC Comics, chiara citazione all'omonimo film del 1989 diretto dallo stesso Tim Burton.
  • In una scena del film Victor scava nella tomba del suo cane; in questo momento si può vedere un gatto molto simile a quello apparso in Vincent, uno dei primi cortometraggi di Burton, e in The Nigthmare Before Christmas, sempre prodotto da Burton.
  • Il personaggio di Mr. Rzykruski è chiaramente ispirato all'aspetto dell'attore Vincent Price, idolo d'infanzia e amico di Burton.
  • Il personaggio di Strenella è ispirato alla bambina che fissava (Staring Girl), personaggio di un libro di Tim Burton intitolato Morte malinconica del bambino ostrica e altre storie.[5]
  • Il personaggio di Edgar 'E' Gore è ispirato a Igor, l'assistente del Dr. Victor Frankenstein.
  • Il personaggio di Nassor è ispirato all'attore Boris Karloff famoso interprete del Mostro di Frankenstein del quale ha l'aspetto. In una scena, spinto all'indietro dalla tartaruga gigante, si ritrova avvolto da dei nastri, come una mummia egizia avvolta da bende, e cade dentro una Matrioska, che si richiude su di lui a mo di sarcofago. Questa sequenza è un riferimento alla Mummia, interpretata sempre da Karloff.
  • Durante l'esperimento Victor genera corrente attivando la bicicletta. Quella bicicletta è la stessa che usa Pee-Wee Herman nel primo film di Burton Pee-wee's Big Adventure.
  • La tartaruga di Toshiaki si chiama "Shelley", come il cognome dell'autrice di Frankenstein, cioè Mary Shelley.
  • Nel finale, la scena della cabina telefonica circondata dalle scimmie acquatiche è una citazione da Gli Uccelli di Hitchcock.
  • Su una delle lapidi presenti nel cimitero degli animali c'è inciso "goodbye Kitty" parodia di Hello Kitty, l'immagine sulla lapide ne ricorda anche il logo.
  • Tutti gli animali riportati in vita sono parodie dei mostri classici dei film horror: Sparky è il mostro di Frankenstein, il pesce rosso l'uomo invisibile, Colossus una mummia, il Signor Baffino un vampiro, le scimmie di mare ricordano sia i gremlins che i mostri marini, Shelley assomiglia a Gamera (in quanto il suo proprietario Toshiaki è giapponese), mentre il ratto di Edgar diventa simile al lupo mannaro di The Nightmare Before Christmas.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tim Burton parla dell’ampliamento della storia di Frankenweenie, ScreenWeek Blog.
  2. ^ Frankenweenie: i personaggi umani nel nuovo poster, 28 maggio 2012. URL consultato il 1º giugno 2012.
  3. ^ Il payoff poster italiano di Frankenweenie!, 31 maggio 2012. URL consultato il 1º giugno 2012.
  4. ^ Frankenweenie, il teaser trailer italiano del nuovo film di Tim Burton, ScreenWeek Blog.
  5. ^ La bambina che fissava

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]