Cifosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Radiografia di soggetto con cifosi (di tipo Scheuermann, con grado di curvatura di 70º).

La cifosi (dal greco κυφὸς - cyphos) è una curvatura fisiologica dorsale della colonna vertebrale, con concavità anteriore intesa in senso antero-posteriore ed è pertanto visibile di profilo. Quando l'angolo della cifosi supera i 35° si parla di ipercifosi, dorso curvo o, nel linguaggio popolare, di gobba o "sindrome del Conti"; in questo caso rientra nella classificazione dei dismorfismi (o paramorfismi) o deformità sagittali del rachide.

Fisiologia[modifica | modifica wikitesto]

Funzionalmente la curva cifotica si caratterizza:

  • per garantire spazio e protezione ai polmoni durante l'attività respiratoria;
  • per la rigidità, data dall'interposizione delle prime dieci coste.

Patologia[modifica | modifica wikitesto]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

L'ipercifosi è solitamente presente in individui di sesso femminile.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

In età adolescenziale può essere causata da una postura errata, mentre in età avanzata è spesso conseguenza dell'osteoporosi. Le ipercifosi o cifoscoliosi sono spesso associate a malattie quali l'atassia spastica (patologia legata a lesioni del cervelletto o delle vie celebrali). In tali casi la compressione progressiva cui è sottoposta la gabbia toracica va a comprometterne gli organi interni come il cuore e i polmoni. Questo disturbo è favorito da alcuni sport, in particolare dal canottaggio e dal ciclismo.[senza fonte]

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Può essere curata grazie a una correzione della postura, all'uso di busti e ad attività ginnica opportuna. In età avanzata è difficilmente curabile.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina