Pop corn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Popcorn" rimanda qui. Se stai cercando altri significati del termine, vedi Popcorn (disambigua).
Pop corn
Chicchi di mais da popcorn
Pop corn serviti con l'aperitivo
Macchina per i popcorn


Per la preparazione si versano i chicchi di mais in uno strato d'olio e si copre la padella con un coperchio. A cottura ultimata i pop corn "saltano". Per la preparazione casalinga del pop corn - senza l'aiuto di macchine specifiche - è indispensabile una padella con fondo spesso e coperchio, unta leggermente d'olio con un tampone di carta da cucina. La si pone su fuoco vivo con una quantità di chicchi che non coprano completamente il fondo. Quando, dopo un minuto circa, i primi chicchi cominciano a scoppiare, la si scuote in modo da far rotolare i chicchi sul fondo per evitare bruciature. Terminata la cottura, togliere il coperchio per lasciare evaporare l'umidità residua e salare con sale da cucina polverizzato su un tagliere di legno usando la pancia di un cucchiaio come macina. In alternativa all'olio vengono spesso utilizzati per la cottura la margarina vegetale o il burro[1].

In alternativa, esistono macchine per preparare i pop corn che utilizzano l'aria calda anziché l'olio, oppure è possibile utilizzare allo scopo il forno a microonde, con i pop corn da cucinare contenuti in un sacchetto.

Il pop corn viene generalmente cosparso di sale oppure zucchero, ma esistono numerose varianti, per esempio al caramello o al cioccolato. Viene consumato sia caldo che freddo. Viene molto spesso servito nei cinema. E in altri Paesi non solo!

In America esistono famose catene di negozi dedicati ai pop corn con molte varianti di gusti. Si è quindi creato un vero e proprio business: dai matrimoni agli eventi aziendali, dalle decorazioni alle feste.

Anche in Italia ha preso piede questa "moda" e a Bologna si può trovare il primo store di pop corn artigianali.

Perché il popcorn scoppia?[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti i chicchi dei cereali ogni seme di mais contiene una certa quantità di umidità rinchiusa nel suo endosperma amidaceo. A differenza dei chicchi degli altri cereali, l'involucro esterno o pericarpo del seme di mais è spesso impregnato di umidità.

Nel momento in cui il seme viene riscaldato e l'acqua ivi contenuta portata ad ebollizione, si genera una pressione interna di circa 9 atmosfere[senza fonte]. Nel seme degli altri cereali (e in quelli danneggiati del mais), il vapore evapora velocemente, ma in quelli saldamente sigillati, il vapore viene trattenuto dal pericarpo, mentre la pressione inizia a crescere fino a creare un'improvvisa e piccola esplosione, la cui forza è tale da rivoltare l'interno del seme. Questo è molto importante in quanto l'umidità distribuita regolarmente per tutto l'endosperma amidaceo a seguito dell'esplosione rivolta l'endosperma verso l'esterno in una leggera schiuma bianca che dà al popcorn il suo classico aspetto.

I chicchi di mais non scoppiati possono dipendere da:

  1. insufficiente umidità per creare sufficiente vapore per generare l'esplosione.
  2. secondo le ricerche di Bruce Hamaker della Purdue University, una falla, presente nel pericarpo, in grado di far fuoriuscire l'umidità. In questo modo non si raggiungerà mai la pressione sufficiente a generare l'esplosione[senza fonte].
  3. distribuzione del calore non uniforme, per cui il chicco non è stato riscaldato a sufficienza, oppure al contrario l'esposizione è tanto violenta per cui il pericarpo si carbonizza su un lato, facendo uscire l'umidità. La presenza di un grasso (olio o burro) è necessaria per la distribuzione uniforme del calore e per evitare la carbonizzazione del pericarpo[senza fonte].

Risulta essere solo una leggenda metropolitana quella secondo cui il campo elettromagnetico creato da uno o più telefoni cellulari possa far scoppiare i chicchi di mais: le semplici onde elettromagnetiche non provocano l'aumento di temperatura necessario ad innescare la reazione all'interno del pericarpo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tandjung, A. S., Janaswamy, S., Chandrasekaran, R., Aboubacar, A., Hamaker, B.R. (2005) Role of the pericarp cellulose matrix as a moisture barrier in microwaveable popcorn. Biomacromolecules 6:1654-1660.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Ricetta dei pop corn al burro
cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina