Frankenweenie (film 1984)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frankenweenie
Frankenweenie.jpg
Titolo originale Frankenweenie
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 1984
Durata 26 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia horror
Regia Tim Burton
Soggetto Tim Burton (dal Frankenstein di Mary Shelley)
Sceneggiatura Leonard Ripps
Produttore Rick Heinrichs, Julie Hickson
Casa di produzione Walt Disney Pictures
Fotografia Thomas E. Ackerman
Montaggio Ernest Milano
Effetti speciali Haris Metz, Roland Tantin
Musiche Michael Convertino, David Newman
Scenografia John B. Mansbridge
Costumi Sandy Berke Jordan, Milton G. Magnum, Jack Sandeen
Trucco Marvin J. McIntyre, Connie Nichols, Robert J. Schiffer
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Frankenweenie è uno dei primi cortometraggi di Tim Burton, realizzato nel 1984. È una parodia dei film tratti dal romanzo di Mary Shelley. Il titolo è un gioco di parole costruito da Franken, in onore a Frankenstein, e weenie, aggettivo americano che significa "miserabile".

Lo stesso Tim Burton ha prodotto e diretto un remake sotto forma di lungometraggio in stop-motion.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Victor Frankenstein (Barret Oliver) è un ragazzino che si diletta nel realizzare film col suo cane, Sparky (un bull terrier). Dopo che Sparky viene ucciso da una macchina, Victor impara a scuola l'effetto degli impulsi elettrici sui muscoli e gli viene l'idea di riportare in vita il suo animale. Crea così elaborati macchinari che, investendo il corpo del cane con lampi e tuoni, lo fanno rivivere. Mentre Victor è felice del risultato, i suoi vicini sono terrorizzati dall'animale tornato in vita e, quando i Frankenstein decidono di reintrodurre in famiglia il rivitalizzato Sparky, i vicini si arrabbiano e si intimoriscono. Così, quasi consapevole di ciò che accade, Sparky scappa inseguito da Victor e i due si ritrovano in un campo di minigolf dove si nascondono nel suo miglior mulino a vento. Qui si innesca un incendio e, mentre Victor riesce a salvarsi grazie all'aiuto del cane, Sparky muore. Il vicinato, accorso sul luogo, riconosce i propri errori. La gente usa le proprie macchine, insieme a cavi elettrici, per "ricaricare" il cane. Rivive e tutti lo lodano. Il film si conclude con Sparky che si innamora di una barboncina con un'acconciatura che ricorda, stranamente, quella de La moglie di Frankenstein.

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Tim Burton fu licenziato dalla Disney quando il film fu completato; lo studio lo accusò di aver sprecato le risorse della compagnia. Nonostante una nomination agli Oscar, il corto ottenne la censura per i ragazzi al di sotto dei quattordici anni e poco successo di pubblico. Tuttavia dopo gli enormi successi di Beetlejuice - Spiritello porcello, Pee-wee's Big Adventure e Batman al film fu dato un rilascio in home video. Nel 1993 fu abbinato al lancio nei cinema di Nightmare Before Christmas.

Remake[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Frankenweenie (film 2012).

Nel novembre 2007 Burton firmò un accordo con la Disney per un remake del film nella forma di lungometraggio, nonché in stop-motion 3D. Il film sarà distribuito dalla Walt Disney Pictures nel 2012, per la prima volta da James e la pesca gigante, che comunque vedeva Burton solo nel ruolo di produttore.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema