Folignano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Folignano
comune
Folignano – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Ascoli Piceno-Stemma.png Ascoli Piceno
Amministrazione
Sindaco Angelo Flaiani (PD) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate 42°49′15.6″N 13°37′58.62″E / 42.821°N 13.63295°E42.821; 13.63295 (Folignano)Coordinate: 42°49′15.6″N 13°37′58.62″E / 42.821°N 13.63295°E42.821; 13.63295 (Folignano)
Altitudine 319 m s.l.m.
Superficie 14,77 km²
Abitanti 9 490[1] (30-6-2011)
Densità 642,52 ab./km²
Frazioni Case di Coccia, Castel Folignano, Piane di Morro, Sant'Antonio, San Benedetto, San Cipriano, Villa Pigna
Comuni confinanti Ascoli Piceno, Civitella del Tronto (TE), Maltignano, Sant'Egidio alla Vibrata (TE)
Altre informazioni
Cod. postale 63084
Prefisso 0736
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 044020
Cod. catastale D652
Targa AP
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 2 013 GG[2]
Nome abitanti folignanesi
Patrono San Gennaro
Giorno festivo 19 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Folignano
Posizione del comune di Folignano nella provincia di Ascoli Piceno
Posizione del comune di Folignano nella provincia di Ascoli Piceno
Sito istituzionale

Folignano (Fijagnà in dialetto ascolano[3]) è un comune italiano di 9 490[1] abitanti della provincia di Ascoli Piceno nelle Marche.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Folignano sorge su una collina a sud di Ascoli Piceno, tra il Colle San Marco a ovest e il comune di Maltignano a est. Territorio di confine con l'Abruzzo, dista pochi chilometri dal capoluogo di provincia e circa 35 km dal mare Adriatico. Folignano è l'unico comune piceno, insieme al confinante Maltignano, ad estendersi interamente a sud del fiume Tronto. Il territorio comunale, prevalentemente collinare, è attraversato dal torrente Marino, che, una volta entrato nel territorio comunale da sud-ovest, scorre in direzione nord fino a confluire nel Tronto. L'altidudine del territorio diminuisce gradualmente scendendo verso la vallata del Tronto. Ad est del Marino, continuando verso la Val Vibrata, il paesaggio è piano e meno scosceso. La zona sud-occidentale è invece più impervia, sviluppandosi nel settore pedemontano alle falde della Montagna dei Fiori e del Colle Giammatura.  Nella porzione nord-orientale si erge la collina di Rocca di Morro, dalla quale si dirama il lungo crinale che si estende fino al Mare Adriatico e che separa la Valle del Tronto da quella del Vibrata.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La storia di Folignano è sempre stata legata alla vicina Ascoli Piceno, di cui fu un fedele castello. A testimoniare un passato preromano sono le necropoli picene che sono state rinvenute nei pressi di Folignano e della frazione di Piane di Morro, in quest'ultima è stata ritrovata una spada di bronzo con una particolare elsa ad antenne. Dal Medioevo in poi le fortificazioni di Castel Folignano e Rocca di Morro (conosciuta fin dall'epoca romana con il nome di Castrum Muricae) furono importanti avamposti per controllare il confine con il Regno di Napoli. Nel XVI secolo Castel Folignano decade e il centro sociale e amministrativo si sposta a Sancti Jennari de Folignano, l'attuale Folignano. Durante il Risorgimento il territorio è stato coinvolto ad eventi legati al brigantaggio, soprattutto dovuti alla posizione frontaliera del comune e alla sua vicinanza con la roccaforte borbonica di Civitella.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica sorgente]

  • Ogni anno nel terzo fine settimana di settembre, si svolge la fiera agricola, zootecnica e artigianale dedicata a San Gennaro (santo patrono del comune).
  • Il territorio di Folignano in passato fu un luogo ricco di tradizioni legate ai culti di San Cipriano e alla cura di certe malattie nervose (come convulsioni ed epilessia), morsi o punture di animali (vipere, ragni, scorpioni ed anche cani) e disfunzioni varie legate alla maternità.Si pensa che tali culti siano nati in epoca pagana alle pendici della Montagna dei Fiori e poi spostatisi più a valle. Con la cristianizzazione i culti pagani furono assimilati a quelli di San Cipriano, santo ritenuto magico dal popolino. Tale culto è anche testimoniato dalla chiesa di San Cipriano, nei pressi di Castel Folignano, e dall'omonima località che si estende fino al confine abruzzese.Gli abitanti dell'ascolano si recavano a San Cipriano per curarsi tramite un "tocco", contatto che avrebbe dovuto infondere in loro lo spirito taumaturgico del santo. Principali metodi contro queste malattie o disagi erano spesso ferri arroventati (chiodi, chiavi, ferri di cavallo), ramoscelli di vite e immancabili formule magiche, atte ad esorcizzare il demonio, presunto artefice del male. Abituali "pazienti" che si recavano nel territorio di Folignano erano le donne affette da lu mali matrò, ovvero l'insieme dei mali legati al parto, alla gestazione e al ciclo mestruale.
Le origini del nome

L'origine del nome non è mai stata accertata. Si pensa che esso derivi dal latino fu lignum che stava ad indicare la massiccia presenza di boschi intorno al paese. Secondo altre tesi il paese deve il suo nome al castrum faundanianum (oggi Castel Folignano), un avamposto difensivo medievale di cui ancora oggi si conservano i ruderi.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Il comune di Folignano ha 7 frazioni (Case di Coccia, Castel Folignano, Piane di Morro, Sant'Antonio, San Benedetto, San Cipriano, Villa Pigna). 

  • Castel Folignano: è situato appena a sud-est dalla sede comunale, su di una posizione che domina il corso del torrente Marino e il panorama circostante. La frazione in passato era un importante punto strategico fortificato, a testimoniare ciò sono i resti del castello medievale (l'antico Castrum Faundanianum). 
  • San Cipriano: è situata a sud di Castel Folignano, in una zona collinare prossima al confine con Civitella del Tronto
  • San Benedetto: piccola frazione posta appena ad ovest della sede comunale, ai piedi del Colle Giammatura, nella strada per il Colle San Marco.
  • Villa Pigna: è la frazione più popolosa, è divisa in Villa Pigna Bassa e Alta. È posizionata a nord di Folignano, verso Ascoli Piceno, è stata costruita e popolata in pochi anni a causa del trasferimento di molte famiglie dal capoluogo piceno.
  • Piane di Morro: frazione posta ed est del torrente Marino, prossima al confine con Maltignano e l'Abruzzo (comune di Sant'Egidio alla Vibrata), anch'essa di recente sviluppo. Non lontana dalla frazione c'è Rocca di Morro, collina che domina sulla valle del Tronto.
  • Sant'Antonio: frazione vicina a Piane di Morro e al confine abruzzese (comune di Civitella del Tronto), vi è ubicato il campo sportivo comunale.
  • Case di Coccia: sita nei pressi del torrente Marino, tra Piane di Morro e Villa Pigna.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Pasquale Allevi centro-destra Sindaco
8 giugno 2009 in carica Angelo Flaiani centro-sinistra Sindaco

Sport[modifica | modifica sorgente]

Le squadre di calcio dalla Terza Categoria in su sono l'A.S.D. Ciabbino e il Piane di Morro militanti attualmente nel campionato di Prima categoria, le altre due sono A.S.D. Villa Pigna (Seconda Categoria) e Sporting Folignano (Terza Categoria) Sono società calcistiche molto giovani, la società "storica" è l'A.S.D. Villa Pigna, fondata il 22 maggio 2002.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Sfilata del corteo della Quintana di Ascoli Piceno: delegazione del Castello di Folignano
  • Una delegazione in costume storico di Folignano partecipa, ogni anno, alla sfilata del corteo della Quintana di Ascoli Piceno.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile al 30-6-2011.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 277.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Folklore Piceno di Secondo Balena

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche