Montedinove

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montedinove
comune
Montedinove – Stemma Montedinove – Bandiera
Montedinove – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Ascoli Piceno-Stemma.png Ascoli Piceno
Sindaco Antonio Del Duca (lista civica Per Montedinove) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate 42°58′14.41″N 13°35′13.2″E / 42.970669°N 13.587°E42.970669; 13.587 (Montedinove)Coordinate: 42°58′14.41″N 13°35′13.2″E / 42.970669°N 13.587°E42.970669; 13.587 (Montedinove)
Altitudine 561 m s.l.m.
Superficie 11,89 km²
Abitanti 516[1] (30-6-2011)
Densità 43,4 ab./km²
Frazioni Croce Rossa, Lago, San Tommaso, Trippanera
Comuni confinanti Castignano, Montalto delle Marche, Montelparo (FM), Rotella
Altre informazioni
Cod. postale 63069
Prefisso 0736
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 044034
Cod. catastale F487
Targa AP
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 296 GG[2]
Nome abitanti montedinovesi
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Montedinove
Posizione del comune di Montedinove nella provincia di Ascoli Piceno
Posizione del comune di Montedinove nella provincia di Ascoli Piceno
Sito istituzionale

Montedinove (Mundëdënòvë in dialetto ascolano[3]) è un comune italiano di 516[1] abitanti della provincia di Ascoli Piceno nelle Marche

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il paese sorge su un colle a 561 m s.l.m. tra le valli dell'Aso e del Tesino, alle pendici del Monte Ascensione. Fa parte della Comunità montana dei Sibillini.

Dall'Autostrada A14 si raggiunge con 34 km e con 6 km dalla Strada statale 433; dista 30 km dalla città di Ascoli Piceno.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il territorio cittadino, abitato in epoca picena, accolse nel 578 gli ascolani che cercavano riparo dai longobardi. In seguito, il territorio fu donato nel 1039 da Longino all'abbazia di Farfa, e furono proprio i farfensi a costruire le fortificazioni a difesa del paese. Nel 1239 il paese subi l'assedio di Re Enzo e riuscì ad uscirne vittorioso dopo due anni. Nel 1279 il paese si elevò a libero comune, mentre nel 1586, sotto papa Sisto V, entrò nel Presidiato di Montalto. Nei secoli successivi Montedinove segue le sorti dello Stato della Chiesa e dell'Italia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Palazzo comunale, con porticato e campanile
  • Chiesa di San Lorenzo
  • Chiesa di Santa Maria de Cellis con il suo particolare portale di tre materiali
  • Porta della vittoria, già porta marina, cambiò il nome dopo che resistette all'assedio del 1239

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La squadra del paese, il Montedinove calcio, milita in Terza Categoria e disputa le partite casalinghe al campo sportivo Cino e Lillo Del Duca.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Persone legate a Montedinove[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Pietro Mazzoni lista civica Sindaco
8 giugno 2009 in carica Antonio Del Duca lista civica "Per Montedinove" Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile al 30-6-2011.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 414.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche