Chiesa cattolica in Argentina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Argentina
Emblem of the Holy See usual.svg
Basílica de Luján 15.JPG
La basilica di Nostra Signora di Luján, patrona dell'Argentina
Anno 2005
Cattolici oltre 34 milioni
Popolazione 38 milioni
Primate Mario Aurelio Poli
Presidente della
Conferenza Episcopale
José María Arancedo
Nunzio apostolico Emil Paul Tscherrig
Codice AR

La Chiesa cattolica in Argentina è parte della Chiesa Cattolica universale, sotto la guida spirituale del Papa e della Santa Sede. Conta circa 34 milioni di battezzati pari all'85% della popolazione del paese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'evangelizzazione dell'Argentina ha inizio con le spedizioni coloniali spagnole ed attualmente è la maggior confessione religiosa del paese.

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente la chiesa cattolica in Argentina è formata da 14 arcidiocesi e da 55 diocesi. Il presidente della Conferenza episcopale è, dal 2011, l'arcivescovo di Santa Fe de la Vera Cruz José María Arancedo.[1]

Rito latino[modifica | modifica wikitesto]

Riti orientali[modifica | modifica wikitesto]

per gli altri cattolici di rito orientale

Ordinariati militari[modifica | modifica wikitesto]

Nunziatura apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La delegazione apostolica d'Argentina è stata istituita nel 1849. Il 14 ottobre 1884 il delegato apostolico Luigi Matera fu espulso e il Paese ruppe le relazioni diplomatiche con la Santa Sede. Queste furono riprese il 15 gennaio 1900 con l'arrivo in Argentina dell'internunzio Antonio Sabatucci. La nunziatura apostolica in Argentina è stata istituita nel 1916. La sede è a Buenos Aires.

Delegati apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Internunzi apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Nunzi apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) [1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]