Antonio Caggiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Caggiano
cardinale di Santa Romana Chiesa
Antonio Caggiano.jpg
CardinalPallium PioM.svg
Impendam et super impendar
Incarichi ricoperti Vescovo di Rosario
Cardinale presbitero di San Lorenzo in Panisperna
Presidente della Conferenza Episcopale dell'Argentina
Arcivescovo di Buenos Aires
Primate di Argentina
Vicario castrense per l'Argentina
Ordinario per i fedeli di rito orientale in Argentina
Nato 30 gennaio 1889, Coronda
Ordinato presbitero 23 marzo 1912
Nominato vescovo 13 settembre 1934 da papa Pio XI
Consacrato vescovo 17 marzo 1935 dall'arcivescovo Filippo Cortesi
Elevato arcivescovo 15 agosto 1959 da papa Giovanni XXIII
Creato cardinale 18 febbraio 1946 da papa Pio XII
Deceduto 23 ottobre 1979, Buenos Aires

Antonio Caggiano (Coronda, 30 gennaio 1889Buenos Aires, 23 ottobre 1979) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico argentino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Coronda, provincia di Santa Fe, studiò nel seminario di Santa Fe venendo ordinato sacerdote nel 1912 all'età di 23 anni. Dal 1913 al 1931 insegnò in seminario. Negli anni venti l'episcopato argentino lo inviò a Roma insieme a tre altri sacerdoti per studiare il movimento dell'Azione Cattolica. L'Azione Cattolica argentina fu fondata nel 1931 sullo stesso modello.

Il 13 settembre 1934 fu nominato primo vescovo della diocesi di Rosario. Al termine della seconda guerra mondiale fu, con monsignor Montini e il cardinale Eugène Tisserant, uno dei vertici del Vaticano organizzatori della celebre ratline, la via di fuga organizzata per permettere la protezione e la salvezza di molti criminali nazisti [1]. Sempre in merito a questa protezione dei criminali nazisti, nel 1960 espresse pubblicamente il suo rammarico per la cattura di Eichmann, uno degli organizzatori della "soluzione finale" da parte degli israeliani affermando: «bisogna perdonarlo» [2]. Papa Pio XII lo elevò a cardinale il 18 febbraio 1946, partecipando poi ai conclave del 1958 e del 1963, ma l'Ingravescentem Aetatem non gli permise di partecipare ai seguenti avendo raggiunto l'età di 80 anni.

Il 15 agosto 1959 fu nominato arcivescovo di Buenos Aires, entrando in carica il 25 ottobre. Il 14 dicembre di quell'anno fu anche nominato vicario dell'ordinariato militare d'Argentina.

Si ritirò dall'incarico di arcivescovo il 22 aprile 1975 e il 7 luglio successivo anche da quello di ordinario militare. Mantenne il titolo di arcivescovo emerito di Buenos Aires fino all'anno della morte, sopraggiunta nel 1979 all'età di 90 anni. Le sue spoglie mortali riposano nella cattedrale metropolitana di Buenos Aires.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.
Trattamenti di
Antonio Caggiano
Stemma
Arcivescovo di Buenos Aires
Cardinale presbitero di San Lorenzo in Panisperna
Trattamento di cortesia Sua Eminenza
Trattamento colloquiale Vostra Eminenza
Trattamento religioso Cardinale
I trattamenti d'onore

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 6 aprile 1961[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

[1]: Uki Goñi: Operazione Odessa. La fuga dei gerarchi nazisti verso l'Argentina di Perón, Garzanti.

[2]: LA STAMPA, 3/11/2003,"Operazione Odessa. Mi manda il Cupolone" di Giovanni De Luna.

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Rosario Successore BishopCoA PioM.svg
- 13 settembre 1934 - 15 agosto 1959 Silvino Martínez
Predecessore Cardinale presbitero di San Lorenzo in Panisperna Successore CardinalCoA PioM.svg
Ermenegildo Pellegrinetti 18 febbraio 1946- 23 ottobre 1979 Michael Michai Kitbunchu
Predecessore Presidente della Conferenza Episcopale dell'Argentina Successore Mitra heráldica.svg
- 1958 - 1970 Adolfo Servando Tortolo
Predecessore Arcivescovo di Buenos Aires Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Fermín Emilio Lafitte 15 agosto 1959 - 22 aprile 1975 Juan Carlos Aramburu
Predecessore Primate di Argentina Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Fermín Emilio Lafitte 15 agosto 1959 - 22 aprile 1975 Juan Carlos Aramburu
Predecessore Vicario castrense per l'Argentina Successore BishopCoA PioM.svg
Fermín Emilio Lafitte 14 dicembre 1959 - 7 luglio 1975 Adolfo Servando Tortolo
Predecessore Ordinario per i fedeli di rito orientale in Argentina Successore BishopCoA PioM.svg
- 15 agosto 1959 - 22 aprile 1975 Juan Carlos Aramburu

Controllo di autorità VIAF: 91719012 LCCN: no2009161202