Pietro Francesco Galleffi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Francesco Galleffi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Pier Francesco Galleffi.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Camerlengo del Collegio Cardinalizio
Arciprete della Basilica di San Pietro
Camerlengo di Santa Romana Chiesa
Nato 27 ottobre 1770, Cesena
Nominato arcivescovo 31 agosto 1819 da papa Pio VII
Consacrato arcivescovo 12 settembre 1819 dal cardinale Alessandro Mattei
Creato cardinale 11 luglio 1803 da papa Pio VII
Deceduto 18 giugno 1837, Roma

Pietro Francesco Galleffi (Cesena, 27 ottobre 1770Roma, 18 giugno 1837) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Pietro Francesco Galleffi (talvolta Pierfrancesco Galeffi o Caleffi) nacque a Cesena il 27 ottobre 1770, membro di una nobile famiglia patrizia della città in quanto figlio del conte Vincenzo Galleffi e della contessa Violante Fantaguzzi. Compatriota e amico della famiglia Braschi da cui proveniva papa Pio VI.

Egli compì i propri studi al convento francescano di Cesena sotto la guida di frate Bonaventura Gazola, O.F.M. Rif. futuro vescovo e cardinale, e nel 1791 entrò nella Pontificia Accademia dei Nobili Ecclesiastici di Roma ove rimase sino al 1793.

L'ordinazione sacerdotale e la carriera a Roma[modifica | modifica wikitesto]

Ordinato sacerdote il 22 febbraio 1794 e nominato Prelato d'onore di Sua Santità nello stesso giorno, il 21 settembre di quello stesso anno divenne anche canonico della basilica di San Pietro in Vaticano. Forzato a lasciare Roma dalle autorità della Prima Repubblica Romana il 17 maggio 1798, con la restaurazione pontificia divenne Economo e segretario della Sacra Congregazione per la Fabbrica di San Pietro il 30 ottobre 1800. Entrato nella prelatura romana come prelato domestico di Sua Santità l'8 novembre 1800, il giorno successivo venne nominato anche referendario ed il 20 dicembre ottenne il titolo di protonotario apostolico non partecipante. Nel 1801 fu co-visitatore, assieme al cardinale Carafa di Traetto, dell'Ospedale di Santo Spirito in Sassia a Roma.

L'esilio da "cardinale nero"[modifica | modifica wikitesto]

Creato cardinale presbitero nel concistoro dell'11 luglio 1803, il 14 luglio di quello stesso anno ricevette la berretta cardinalizia ed il titolo di San Bartolomeo all'Isola il 26 settembre. Abate commendatario del monastero dei Santi Benedetto e Scolastica di Subiaco dal 26 settembre 1803, divenne protettore dell'Ordine dei Chierici Regolari Caracciolini dal 22 giugno 1805.

Egli fu uno dei quattordici cardinali espulsi da Roma il 23 marzo 1808 su pressione delle autorità francesi che occupavano la città. Catturato dai napoleonici e portato in Francia nel 1809 dopo la deposizione di papa Pio VII, fu uno dei tredici "cardinali neri" (ai quali l'imperatore Napoleone Bonaparte proibì di indossare l'abito cardinalizio per essersi rifiutati di partecipare al matrimonio tra Napoleone e l'arciduchessa Maria Luisa d'Austria il 2 aprile 1810); per ordine dell'imperatore, inoltre, egli venne relegato in esilio a Sedan nel 1810 per poi essere spostato successivamente a Charleville assieme al cardinale Ferdinando Maria Saluzzo, sino alla firma del concordato di Fontainebleau da parte di Pio VII il 25 gennaio 1813.

Il ritorno a Roma e l'attività nella Curia romana[modifica | modifica wikitesto]

Riunitosi quindi al papa, venne nuovamente esiliato il 27 gennaio 1814 a Lodève ma venne liberato il 2 aprile successivo per ordine del governo provisionale. Dopo la restaurazione del potere pontificio a Roma, venne nominato segretario del memoriale il 20 maggio 1814. Camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali, rimase in tale carica dal 26 settembre 1814 al 10 marzo 1818. Protettore dell'Ordine degli Eremiti di Sant'Agostino dal 27 settembre 1815, fu esecutore testamentario delle ultime volontà del cardinale Romoaldo Braschi-Onesti (30 aprile 1817) e tutore del nipote di questi, il duca Pio Braschi. Protettore dell'Ordine dei Frati Minori Osservanti e dell'Ordine dei Camaldolesi dal 10 maggio 1817, divenne dal 14 maggio successivo Prefetto della Sacra Congregazione della Disciplina Religiosa. Il 27 maggio 1817 divenne Protettore della Confraternita della Santissima Trinità de' Pellegrini di Roma.

Eletto arcivescovo titolare di Damasco il 31 agosto 1819, venne consacrato il 12 settembre 1819 nella chiesa romana dei Santi Domenico e Sisto per mano del cardinale Alessandro Mattei, vescovo di Ostia e Velletri e decano del Sacro Collegio dei Cardinali, assistito da Meraldo Macioti, vescovo titolare di Elusa, e da Francesco Albertini, vescovo di Terracina-Sezze-Priverno. Il 6 maggio 1820 Galeffi venne nominato Arciprete della Basilica di San Pietro in Vaticano ed il 29 maggio di quello stesso anno optò per l'ordine dei vescovi ottenendo il titolo della sede suburbicaria di Albano. Prese parte quindi al conclave del 1823 che elesse papa Leone XII. Camerlengo di Santa Romana Chiesa e Arcicancelliere dell'Università di Roma dal 20 dicembre 1824, nel 1829 prese parte al conclave che elesse Pio VIII a pontefice. Optò quindi per la sede suburbicaria di Porto, Santa Rufina e Civitavecchia dal 29 maggio 1830 e divenne Sub-decano del Sacro Collegio dei Cardinali. Prese parte infine al conclave del 1830-1831 che elesse papa Gregorio XVI.

Morì a Roma il 18 giugno 1837 e la sua salma venne esposta alla pubblica venerazione e poi sepolta nella Chiesa della Santissima Trinità de' Pellegrini e Convalescenti a Roma ove si trovava la tomba della sua famiglia.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Cardinale presbitero di San Bartolomeo all'Isola Successore CardinalCoA PioM.svg
József Batthyány 11 luglio 1803 - 29 maggio 1820 Bonaventura Gazola
Predecessore Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore CardinalCoA PioM.svg
Antonio Despuig y Dameto 26 settembre 1814 - 10 marzo 1818 Antonio Maria Doria Pamphilj
Predecessore Arcivescovo titolare di Damasco Successore Archbishop CoA PioM.svg
Emidio Ziucci 31 agosto 1819 - 29 maggio 1820 Giuseppe della Porta Rodiani
Predecessore Arciprete della Basilica di San Pietro Successore Petersdom von Engelsburg gesehen.jpg
Alessandro Mattei 6 maggio 1820 - 18 giugno 1837 Giacomo Giustiniani
Predecessore Cardinale vescovo di Albano Successore CardinalCoA PioM.svg
Michele Di Pietro 29 maggio 1820 - 29 maggio 1830 Gianfrancesco Falzacappa
Predecessore Camerlengo di Santa Romana Chiesa Successore COA Cardinal Camerlingue template.svg
Bartolomeo Pacca
1814-1824
20 dicembre 1824 - 18 giugno 1837 Giacomo Giustiniani
1837-1843
Predecessore Cardinale vescovo di Porto, Santa Rufina e Civitavecchia Successore CardinalCoA PioM.svg
Bartolomeo Pacca 29 maggio 1830 - 18 giugno 1837 Emmanuele De Gregorio