Pontificia accademia ecclesiastica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Entrata del palazzo dell'Accademia Ecclesiastica (Piazza della Minerva, Roma)

La Pontificia accademia ecclesiastica è un'istituzione della Chiesa cattolica, che cura la preparazione dei sacerdoti destinati al servizio diplomatico della Santa Sede presso le varie nunziature o presso la segreteria di Stato della Santa Sede.

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Direzione[modifica | modifica sorgente]

La Pontificia accademia ecclesiastica è un'istituzione dipendente direttamente dalla segreteria di Stato vaticana e pertanto l'alta direzione della medesima spetta al Cardinale Segretario di Stato pro tempore.

La conduzione fattiva della casa di formazione spetta invece al presidente, scelto e nominato dal pontefice con l'ausilio del Segretario di Stato: è sempre un nunzio apostolico, ovvero un ecclesiastico con grado di arcivescovo e con maturata esperienza diplomatica "sul campo".

Il presidente ha il compito di reclutare annualmente una dozzina di sacerdoti da immettere, previo superamento dei relativi esami, alla missione diplomatica della Santa Sede; ha il compito di accogliere e seguire tutti gli alunni e di organizzarne il corso formativo interno. Non da ultimo, il presidente gestisce il personale religioso presente nella casa (vi opera un gruppo di suore) e quello laico.

Attualmente l'istituzione è presieduta dal nunzio apostolico Giampiero Gloder, arcivescovo titolare di Telde.

Alunni[modifica | modifica sorgente]

I candidati invitati ogni anno a diventare alunni della Pontificia accademia ecclesiastica sono circa una dozzina. Essi sono sacerdoti, provengono dalle diverse diocesi del mondo e devono avere al massimo circa 35 anni di età.

Percorso formativo[modifica | modifica sorgente]

Gli alunni seguono un doppio itinerario formativo. Innanzitutto sono avviati allo studio accademico presso le varie pontificie università ecclesiastiche presenti a Roma, fino al conseguimento del dottorato, solitamente nella facoltà di diritto canonico.

In secondo luogo è previsto un corso formativo "interno", a cui sono ammessi come studenti i soli alunni dell'accademia. Il corso interno ha durata biennale e termina con un esame presso la segreteria di Stato, la quale rilascia il relativo diploma. Il corso è incentrato sull'acquisizione da parte dei candidati ecclesiastici del contenuto di materie del settore diplomatico, tra cui: storia della diplomazia, stile diplomatico, lingue straniere (inglese e spagnolo).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondata dall'abate Pietro Garagni nel 1701 (da un'idea del beato Sebastiano Valfrè di Torino) con il nome di "Accademia dei nobili ecclesiastici", era inizialmente dedicata alla formazione diplomatica del rampolli ecclesiastici delle famiglie nobiliari. A partire dal 1706 si insediò presso palazzo Severoli, in piazza della Minerva, sua sede fino ad oggi. Nel 1850 avvenne la definitiva trasformazione, che ne fece il luogo particolarmente dedicato alla preparazione dei chierici per il servizio diplomatico pontificio.

Eminenti ex-alunni dell'Accademia[modifica | modifica sorgente]

Pontefici[modifica | modifica sorgente]

Presidenti della Pontificia accademia ecclesiastica[modifica | modifica sorgente]

Altre personalità[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo