Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pontificia commissione per lo Stato del Vaticano
Pontificia Commissio pro Civitate Vaticana
Emblem of the Holy See usual.svg
Spetta a questo ufficio sovrintendere alla legislazione della Città del Vaticano in vece del pontefice
Vatikan-Regierungspalast.jpg
Eretto 26 novembre 2000
Presidente cardinale Giuseppe Bertello
Emeriti cardinale Giovanni Lajolo
Sede Palazzo del Gorvernatorato
SCV - 00120 Città del Vaticano
Sito ufficiale www.vaticanstate.va
dati catholic-hierarchy.org
Santa Sede · Chiesa cattolica
I Dicasteri della Curia Romana
Città del Vaticano

Questa voce è parte della serie:
Politica della Città del Vaticano



Organi giudiziari della Città del Vaticano


Altri stati · Atlante

La Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano è l'organismo che esercita il potere legislativo nello Stato della Città del Vaticano.

È il dicastero che detiene l'amministrazione de facto dello Stato della Città del Vaticano, sovrintendendo alla maggior parte delle funzioni pubbliche e rappresentando lo Stato in vece del papa. Il presidente è anche il governatore dello Stato e dunque detiene anche il potere esecutivo.

Funzioni[modifica | modifica sorgente]

È stata istituita con la legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano, firmata da papa Giovanni Paolo II il 26 novembre 2000[1]. Tale legge sostituisce quella originaria, che nacque il 7 giugno 1929, assieme al nuovo Stato.

È composta da un cardinale presidente (che è anche presidente del governatorato ed esercita anche il potere esecutivo[2]) e da altri cardinali, tutti nominati dal papa per un quinquennio; alle riunioni della commissione prendono parte, con voto consultivo, il segretario generale ed il vice segretario generale del governatorato[3].

La commissione è assistita dai consiglieri dello Stato (in prevalenza laici), anch'essi nominati dal pontefice per un quinquennio, che collaborano all'elaborazione dei progetti di legge: le riunioni dei consiglieri sono presiedute dal consigliere generale che, secondo le disposizioni del presidente della commissione, può esercitare anche funzioni di coordinamento e di rappresentanza dello Stato[4].

I progetti di legge elaborati dal governatorato vengono previamente sottoposti, per il tramite della segreteria di Stato, all'esame del pontefice[5]. I provvedimenti legislativi possono essere emanati tanto dal papa, quanto, a suo nome, dalla Pontificia commissione, che promulga anche i regolamenti generali.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Gli attuali componenti della commissione e i consiglieri sono stati nominati da papa Benedetto XVI il 15 settembre 2006[6].

Presidente[modifica | modifica sorgente]

Componenti[modifica | modifica sorgente]

Consiglieri dello Stato[modifica | modifica sorgente]

Cronotassi dei presidenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Annuario pontificio per l'anno 2007, p. 1935
  2. ^ Legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano, art. 5.
  3. ^ Legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano, art. 3.
  4. ^ Legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano, art. 13.
  5. ^ Legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano, art. 4.
  6. ^ Annuario pontificio per l'anno 2007, pp. 1403-1404.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]