Amleto Giovanni Cicognani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sul fratello, vedi Gaetano Cicognani.
Amleto Giovanni Cicognani
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coat of arms of Amleto Giovanni Cicognani.svg
Vigilat nec fatiscit
Nato 24 febbraio 1883, Brisighella
Creato cardinale 15 dicembre 1958 da papa Giovanni XXIII
Deceduto 17 dicembre 1973, Città del Vaticano

Amleto Giovanni Cicognani (Brisighella, 24 febbraio 1883Città del Vaticano, 17 dicembre 1973) è stato un cardinale italiano, Segretario di Stato e Decano del Collegio Cardinalizio.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'ordinazione presbiterale, il 23 settembre 1905 Cicognani studiò fino al 1910 a Roma teologia, filosofia e diritto canonico. In seguito iniziò subito una carriera in Curia quale collaboratore della Congregazione dei riti e in quelle per le chiese orientali e per i vescovi.

Il 17 marzo 1933 papa Pio XI lo nomina Delegato apostolico negli Stati Uniti, dopo averlo elevato al rango di arcivescovo con il titolo di Laodicea di Frigia, ossia una diocesi in partibus infidelium. L'ordinazione episcopale è impartita a Cicognani il 23 aprile 1933 dal Segretario della Congregazione per i vescovi cardinale Raffaele Carlo Rossi, concelebranti furono Giuseppe Pizzardo e il Segretario della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli cardinale in pectore Carlo Salotti.

Cicognani rimase Delegato apostolico per ben 25 anni, dunque per un periodo più lungo di qualunque suo predecessore. Papa Giovanni XXIII lo crea cardinale nel suo primo concistoro del 15 dicembre 1958 con il titolo di San Clemente. Cinque anni prima pure suo fratello Gaetano Cicognani (1881-1962) aveva ottenuto la porpora da papa Pio XII, ciò rappresento un'eccezione alla norma canonica che proibiva la presenza nel Collegio cardinalizio di due fratelli. Sarà poi nominato Cardinale Vescovo di del titolo suburbicario di Frascati il 23 maggio 1962 succedendo proprio al fratello Gaetano, morto il 5 febbraio dello stesso anno.

Il 14 novembre 1959 Cicognani è nominato Segretario della sacra Congregazione per la Chiesa orientale e, alla morte del cardinale Tardini il 12 agosto 1961 Cardinal Segretario di Stato, in tale veste egli partecipa dunque al Concilio vaticano II. Quale Cardinal Segretario di Stato. In questo ruolo Cicognani sarà molto apprezzato, fra l'altro, per l'ottima conoscenza della lingua inglese e - anche a livello di contatti personali - della realtà degli Stati Uniti: fattore di non trascurabile importanza negli anni della guerra fredda e della crisi di Cuba dell'ottobre 1962.

Riconfermato nel proprio incarico dopo la morte di papa Giovanni XXIII dal successore Paolo VI, fu da questi nominato Presidente della Administratio Patrimonii Sedis Apostolicae il 7 maggio 1968.

Il 30 aprile 1969 Cicognani lascia tutti gli uffici fino ad allora ricoperti. Il 22 giugno dello stesso anno consacra, nella cattedrale di Faenza, il forlivese Pio Laghi arcivescovo titolare di Mauriana.

Il 24 marzo 1972 diventa Cardinal decano del Collegio Cardinalizio, così unisce al proprio titolo di Frascati anche quello di Ostia, proprio del decano.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze italiane[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 2 novembre 1961[1]

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 1965
Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 3 aprile 1963
Gran Croce dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo)
— 21 ottobre 1966
Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 1964

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Arcivescovo titolare di Laodicea di Frigia Successore Archbishop CoA PioM.svg
Sébastien Herscher 17 marzo 1933 - 15 dicembre 1958 Émile André Jean-Marie Maury
Predecessore Delegato apostolico negli Stati Uniti d'America Successore Emblem Holy See.svg
Pietro Fumasoni Biondi 17 marzo 1933 - 14 novembre 1959 Egidio Vagnozzi
Predecessore Cardinale presbitero di San Clemente Successore CardinalCoA PioM.svg
Johannes de Jong 18 dicembre 1958 - 23 maggio 1962 Lawrence Joseph Shehan
Predecessore Segretario della Congregazione per le Chiese Orientali Successore Emblem Holy See.svg
Eugène Tisserant 14 novembre 1959 - 12 agosto 1961 Gabriel Acacius Coussa
Predecessore Cardinale Segretario di Stato Successore Emblem Holy See.svg
Domenico Tardini 12 agosto 1961 - 30 aprile 1969 Jean-Marie Villot
Predecessore Cardinale vescovo del titolo suburbicario di Frascati Successore CardinalCoA PioM.svg
Gaetano Cicognani 23 maggio 1962 - 17 dicembre 1973 Jean-Marie Villot
Predecessore Presidente dell'A.P.S.A. Successore Emblem Holy See.svg
Nuova istituzione 7 maggio 1968 - 28 aprile 1969 Jean-Marie Villot
Predecessore Cardinale vescovo del titolo suburbicario di Ostia Successore CardinalCoA PioM.svg
Eugène Tisserant 24 marzo 1972 - 17 dicembre 1973 Luigi Traglia
Predecessore Decano del Collegio Cardinalizio Successore Pavillon pontifical.png
Eugène Tisserant 24 marzo 1972 - 17 dicembre 1973 Luigi Traglia

Controllo di autorità VIAF: 27058718 LCCN: n/88/29478