Girolamo Prigione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Girolamo Prigione
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
In vinculis caritatis
Titolo Lauriaco
Nato 12 ottobre 1921 a Castellazzo Bormida
Ordinato presbitero 18 maggio 1944
Consacrato arcivescovo 24 novembre 1968 dal cardinale Amleto Giovanni Cicognani

Girolamo Prigione (Castellazzo Bormida, 12 ottobre 1921) è un arcivescovo cattolico italiano. Il 21 giugno 1970 ordinò il vescovo Oscar Romero, assassinato il 24 marzo 1980 a El Salvador mentre celebrava la messa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver conseguito il dottorato in diritto canonico e filosofia presso la Pontificia Università Lateranense di Roma fu ordinato sacerdote il 18 maggio 1944. Frequentò poi la Pontificia Accademia Ecclesiastica di Roma ed entrò nel servizio diplomatico della Curia romana. Nel frattempo conseguì anche la laurea in lettere presso l'Università degli Studi "La Sapienza" di Roma. Fu primo segretario del nunzio in Italia (1951-1957), Gran Bretagna (1957-1960) e USA (1960-1963). Nel 1963 prestò la sua opera presso la Nunziatura apostolica in Austria a Vienna e al tempo stesso fu rappresentante presso l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), con sede a Vienna, e delegato della Santa Sede in varie sedi internazionali.

Nel 1968 fu nominato, da papa Paolo VI, arcivescovo titolare di Lauriaco (Lorch, Alta Austria) e nunzio apostolico in El Salvador e Guatemala. Ricevette la consacrazione episcopale il 24 novembre 1968, consacrante il cardinale Amleto Cicognani, presidente della gestione del patrimonio della Sede apostolica, e co-consacranti l'arcivescovo e poi cardinale Giovanni Benelli e il vescovo di Alessandria Giuseppe Almici. Nel 1973 fu delegato apostolico in Ghana e Nigeria, nel periodo 1975-1976 primo nunzio apostolico in Gambia, nel 1976 pro-nunzio apostolico in Nigeria. Nel 1978 venne nominato delegato apostolico in Messico. Nella sua sede di Città del Messico, e venne coinvolto nelle riforme costituzionali del paese, in particolare dell'articolo 130 (principio della libertà religiosa), approvata dal parlamento nel 1992, anno in cui vennero anche riallacciate le relazioni diplomatiche tra Stati Uniti Messicani e Santa Sede, interrotte nel 1864. Contestualmente venne nominato nunzio apostolico in Messico.

Fu rappresentante del papa in varie missioni ed è stato consultore della Pontificia Commissione per l'America Latina, membro della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli e membro del Pontificio consiglio della giustizia e della pace.

Nel 1997, al compimento dei 75 anni, rassegnò le dimissioni che gli vennero accordate da papa Giovanni Paolo II.

È membro onorario della Fraternità cattolica KAV Wien-Danubia Korneuburg.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo titolare di Lauriaco Successore Archbishop CoA PioM.svg
- dal 27 agosto 1968 in carica