Domenico Tardini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Domenico Tardini
cardinale di Santa Romana Chiesa
COA cardinal IT Tardini Domenico.png
Festina Domine in auxilium meum
Nato 29 febbraio 1888 a Roma
Consacrato vescovo 27 dicembre 1958 da papa Giovanni XXIII
Creato cardinale 15 dicembre 1958 da papa Giovanni XXIII
Deceduto 30 luglio 1961 a Roma

Domenico Tardini (Roma, 29 febbraio 1888Roma, 30 luglio 1961) è stato un cardinale italiano, Segretario di Stato dal 14 dicembre 1958 alla morte.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Domenico Tardini studiò teologia e filosofia nel seminario pontificio di Roma. Ordinato prete il 20 settembre 1912, si occupò negli anni seguenti della formazione dei nuovi sacerdoti sia presso il seminario sia nel Collegio Urbano di Propaganda Fide, ma fu altresì impegnato nella cura pastorale nel centro e alla periferia di Roma. Entrò nella Curia Romana nel 1921 nella Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari. Dal 1923 al 1929 fu assistente dell’Azione Cattolica, per poi ritornare nel 1929 alla Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari quale Sotto-Segretario, dal 1937 come Segretario. Insieme con mons. Montini (il futuro Paolo VI) fu Sostituto Segretario di Stato e dal 1944 Pro-Segretario.

Già dal 1935 collaborava pure con la Segreteria di Stato, della quale fu nominato nel 1952 Pro-Segretario per gli affari straordinari. Nel 1946 ideò l'istituzione culturale "Villa Nazareth", costituita in Fondazione da Papa Giovanni XXIII nel 1963. Nel 1958 Papa Giovanni XXIII nominò Tardini Segretario di Stato. Il 14 dicembre 1958 venne nominato Arcivescovo titolare di Laodicea di Siria in vista della sua nomina a cardinale,avvenuta nel concistoro del 15 dicembre 1958[1], il primo di papa Giovanni. Sembra che Tardini avesse rinunciato precedentemente alla porpora offertagli da Pio XII nel 1953.

La consacrazione episcopale avvenne il 27 dicembre dello stesso anno, la celebrazione venne officiata dal papa stesso. Nel 1959 Papa Giovanni XXIII lo nominò arciprete della patriarcale Basilica di San Pietro. Continuò a ricoprire la carica di Segretario di Stato fino alla sua morte avvenuta, a causa di un attacco cardiaco, il 30 luglio 1961. Malgrado l’importante ruolo ricoperto, egli aveva continuato a definirsi semplicemente un prete romano. Domenico Tardini è sepolto nel Monastero carmelitano di Vetralla.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze italiane[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 12 gennaio 1953[2]

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Gran croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 25 luglio 1940
Gran croce al merito dell'Ordine al merito della Repubblica Federale Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce al merito dell'Ordine al merito della Repubblica Federale Tedesca
— 1953
Gran croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 1954

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www2.fiu.edu/~mirandas/bios-t.htm#Tardini Paragrafo cardinalato ed episcopato
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Domenico Tardini, La guerra, gli orfani, la carità. "Non mi sono dato pace". Scritti spirituali, a cura di Fausto Gianfreda S.J., Studium, Roma 2007.
  • Giulio Nicolini, Il cardinale Domenico Tardini, Padova 1980.
  • Carlo Felice Casula, Domenico Tardini. L'azione della Santa Sede nella crisi fra le due guerre, Studium, Roma 1988.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Arcivescovo titolare di Laodicea di Siria Successore Archbishop CoA PioM.svg
Paul Bernier 14 dicembre 1958 - 27 dicembre 1958 Martin John O'Connor
Predecessore Cardinale Segretario di Stato Successore Emblem Holy See.svg
Luigi Maglione 14 dicembre 1958 - 30 luglio 1961 Amleto Giovanni Cicognani
Predecessore Cardinale presbitero di sant'Apollinare alle Terme Neroniane-Alessandrine (diaconia elevata "pro illa vice" a titolo presbiterale) Successore CardinalCoA PioM.svg
Domenico Jorio 15 dicembre 1958 - 30 luglio 1961 Joaquín Anselmo María Albareda y Ramoneda

Controllo di autorità VIAF: 105921 LCCN: n91031487 SBN: IT\ICCU\CFIV\095999