Curia romana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Curia Romana)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il luogo di riunione del Senato romano, vedi Curia (storia di Roma).
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Santa Sede, Papa e Diocesi di Roma.

La Curia romana è il complesso di organi ed autorità che costituiscono l'apparato amministrativo della Santa Sede, che coordina e fornisce l'organizzazione necessaria per il corretto funzionamento della Chiesa cattolica e il raggiungimento dei suoi obiettivi. Viene generalmente considerata "il governo della Chiesa".

Ogni diocesi cattolica ha una curia nella sua amministrazione. Per la Diocesi di Roma, queste funzioni non sono gestite dalla Curia romana, ma dal "Vicariato generale di sua santità per la città di Roma", come previsto dalla costituzione apostolica Ecclesia in Urbe. Il vicario generale, tradizionalmente un cardinale, e il vicegerente, che detiene il titolo personale di arcivescovo, supervisionano il governo della diocesi facendo occasionale riferimento al papa stesso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

« Nell'esercizio della sua suprema, piena ed immediata potestà sopra tutta la Chiesa, il romano Pontefice si avvale dei dicasteri della Curia romana, che perciò compiono il loro lavoro nel suo nome e nella sua autorità, a vantaggio delle Chiese e al servizio dei sacri pastori. »
(Christus Dominus, 9)

Curia nel latino medioevale e dell'epoca successiva, significava "corte", nel senso di "corte reale" piuttosto che in quello di "corte legislativa" (anche se i due significati sono storicamente correlati). La Curia romana, quindi, è la corte papale, e assiste il papa nello svolgimento delle sue funzioni.

In questo senso la Curia romana è cresciuta poco per volta nella storia della Chiesa cattolica, raggiungendo l'apogeo della sua importanza durante l'ultimo periodo del potere temporale del papato, cessato de facto nel XIX secolo con l'annessione all'Italia dello Stato Pontificio e formalmente con i Patti Lateranensi del 1929.

La Costituzione apostolica Pastor Bonus del 1988, promulgata dal papa Giovanni Paolo II, ha regolamentato l'ultima riforma della Curia romana e delle sue congregazioni.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

I seguenti organi o cariche, secondo il servizio d'informazione del Vaticano,[1] compongono la Curia:

Altre istituzioni collegate con la Santa Sede:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ vedi sito web ufficiale
  2. ^ LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI «MOTU PROPRIO» FIDELIS DISPENSATOR ET PRUDENS DEL SOMMO PONTEFICE FRANCESCO PER LA COSTITUZIONE DI UNA NUOVA STRUTTURA DI COORDINAMENTO DEGLI AFFARI ECONOMICI E AMMINISTRATIVI DELLA SANTA SEDE E DELLO STATO DELLA CITTA’ DEL VATICANO, 24 febbraio 2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]