Pontificio consiglio per i laici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pontificio consiglio per i laici
Pontificium consilium pro laicis
Emblem of the Holy See usual.svg
è competente in quelle materie, che sono di pertinenza della Sede apostolica per la promozione ed il coordinamento dell'apostolato dei laici e, in generale, in quelle che concernono la vita cristiana dei laici in quanto tali (Pastor Bonus, 131)
Eretto 6 gennaio 1967
Presidente cardinale Stanisław Ryłko
Segretario vescovo Josef Clemens
Sottosegretario presbitero Miguel Delgado Galindo
Sede Piazza di San Calisto, 16 - 00120 Città del Vaticano
Sito ufficiale www.laici.va
dati catholic-hierarchy.org
Santa Sede · Chiesa cattolica
I Dicasteri della Curia Romana

Il Pontificio consiglio per i laici (in latino Pontificium consilium pro laicis) è un dicastero della Curia romana. Assiste il papa in tutte le questioni che riguardano i fedeli laici e le diverse forme di aggregazione della Chiesa cattolica come le associazioni ed i movimenti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Venne fondato da Paolo VI nel 1967 per dare continuità all'applicazione del decreto Apostolicam actuositatem del concilio Vaticano II sull'apostolato dei laici. Le sue competenze sono state poi definite dalla costituzione apostolica Pastor bonus del 28 giugno 1988 da Giovanni Paolo II.

Il dicastero è attualmente guidato dal cardinale polacco Stanisław Ryłko nominato nell'incarico il 4 ottobre 2003 da papa Giovanni Paolo II e creato cardinale nel 2007 da Benedetto XVI.

Cronotassi dei presidenti[modifica | modifica sorgente]

Cronotassi dei vicepresidenti[modifica | modifica sorgente]

Cronotassi dei segretari[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo