Chiesa cattolica in Guyana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Guyana
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno 2009
Cattolici 61.200
Popolazione 752.000
Presbiteri 30
Religiosi 35
Religiose 52
Nunzio apostolico Nicola Girasoli

La Chiesa cattolica in Guyana è parte della Chiesa cattolica in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stato della Guyana ha una superficie di 214.970 km² e una popolazione di 752.000 abitanti (2009). Il cristianesimo è la religione più diffusa nella repubblica. In base al censimento del 2002 il cattolicesimo costituiva la terza confessione religiosa del Paese con l'8,1% della popolazione totale, preceduta dall'induismo con il 28,4% e dai pentecostali con il 16,9%.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi missionari a toccare queste terre furono i missionari portoghesi, che evangelizzarono la regione subito dopo la scoperta, attorno al 1548. Ben presto però i missionari cattolici devono lasciare il passo a quelli protestanti. Nel 1796 il Paese passa sotto il controllo del governo Britannico, che introduce il principio della tolleranza religiosa. Nel 1825 arrivarono i primi sacerdoti cattolici e nel 1826 fu costruita la prima chiesa cattolica a Brickdam, oggi quartiere di Georgetown. Nel 1837 fu eretto il vicariato apostolico della Guyana britannica, che fu affidato ai Gesuiti inglesi nel 1856, con l'aiuto di missionari italiani. Nel 1956 il vicariato apostolico fu elevato al rango di diocesi.

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Oggi, nello Paese esiste una sola circoscrizione ecclesiastica cattolica, la diocesi di Georgetown, suffraganea dell'arcidiocesi di Porto di Spagna in Trinidad e Tobago.

L'episcopato locale è membro di diritto della Conferenza Episcopale delle Antille.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La nunziatura apostolica della Guyana è stata istituita il 9 giugno 1997.

Nunzi apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CIA - The World Factbook

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]