Arcidiocesi di Santa Fe de la Vera Cruz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Santa Fe de la Vera Cruz
Archidioecesis Sanctae Fidei Verae Crucis
Chiesa latina
Catedral metropolitana santaf.JPG
Diocesi suffraganee
Rafaela, Reconquista
Arcivescovo metropolita José María Arancedo
Sacerdoti 131 di cui 101 secolari e 30 regolari
6.412 battezzati per sacerdote
Religiosi 31 uomini, 123 donne
Diaconi 18 permanenti
Abitanti 960.000
Battezzati 840.000 (87,5% del totale)
Superficie 30.701 km² in Argentina
Parrocchie 91
Erezione 15 febbraio 1897
Rito romano
Indirizzo Avenida General López 2720, 3000 Santa Fe, Argentina
Sito web www.arquisantafe.org.ar
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Argentina

L'arcidiocesi di Santa Fe de la Vera Cruz (in latino: Archidioecesis Sanctae Fidei Verae Crucis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2010 contava 840.000 battezzati su 960.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo José María Arancedo.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende sei dipartimenti della provincia di Santa Fe: Garay, La Capital, Las Colonias, San Jerónimo, San Justo e San Martín, nonché la parte meridionale del dipartimento di San Javier.

Sede arcivescovile è la città di Santa Fe, dove si trova la cattedrale di Ognissanti.

Il territorio è suddiviso in 91 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Santa Fe fu eretta il 15 febbraio 1897 con la bolla In Petri Cathedra di papa Leone XIII, ricavandone il territorio dalla diocesi di Paraná (oggi arcidiocesi). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Buenos Aires.

Il 20 aprile 1934 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Rosario (oggi arcidiocesi) e contestualmente fu elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Nobilis Argentinae nationis di papa Pio XI.

Il 3 giugno 1939, l'11 febbraio 1957 e il 10 aprile 1961 cedette altre porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle diocesi di Resistencia (oggi arcidiocesi), di Reconquista e di Rafaela.

Il 19 settembre 1992 ha assunto il nome attuale.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Juan Agustín Boneo † (7 febbraio 1898 - 17 giugno 1932 deceduto)
  • Nicolás Fasolino † (20 ottobre 1932 - 13 agosto 1969 deceduto)
  • Vicente Faustino Zazpe † (13 agosto 1969 succeduto - 24 gennaio 1984 deceduto)
  • Edgardo Gabriel Storni † (28 agosto 1984 - 1º ottobre 2002 dimesso)
  • José María Arancedo, dal 13 febbraio 2003

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 960.000 persone contava 840.000 battezzati, corrispondenti all'87,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 700.000 736.600 95,0 211 134 77 3.317 141 523 107
1966 615.000 665.000 92,5 178 105 73 3.455 73 480 75
1970  ? 497.431  ? 138 80 58  ? 82 409 79
1976 643.000 693.400 92,7 130 75 55 4.946 75 300 70
1980 506.000 560.000 90,4 133 68 65 3.804 6 72 175 81
1990 670.000 720.000 93,1 128 81 47 5.234 9 67 200 98
1999 770.000 850.000 90,6 138 92 46 5.579 16 55 236 90
2000 790.000 875.000 90,3 139 96 43 5.683 18 52 241 88
2001 795.000 880.000 90,3 139 94 45 5.719 18 48 203 88
2002 790.000 890.000 88,8 129 96 33 6.124 18 43 219 89
2003 800.000 890.000 89,9 134 102 32 5.970 18 40 243 89
2004 810.000 895.000 90,5 138 98 40 5.869 16 51 214 89
2010 840.000 960.000 87,5 131 101 30 6.412 18 31 123 91

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi