Valeria Bilello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Valeria Bilello (Sciacca, 2 maggio 1982) è un'attrice, conduttrice televisiva e modella italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Valeria Bilello nasce a Sciacca, in provincia di Agrigento, il 2 maggio del 1982, ma trascorre la sua adolescenza a Milano. Durante gli anni in cui frequenta il liceo linguistico, debutta nel mondo dello spettacolo iniziando a posare come modella e girando alcuni spot pubblicitari, tra cui la campagna per l'MTV Day del 1999, a cui segue il provino per diventare vj del network. Nel 2000 inizia a lavorare in televisione per MTV che le affida programmi come Web Chart, Hitlist Italia, Dancefloor Chart, Romalive, MTV Select, MTV On the beach e Dance Show. Nella stagione 2003-2004, insieme ad altri conduttori di MTV, è inoltre testimonial della campagna pubblicitaria TIM. Nel 2005 lascia MTV e si trasferisce su All Music, dove conduce Call Center, One Shot Revolution, Playlist, Community e On Live. Dal 2010 al 2011 presenta il rotocalco di Canale 5 Nonsolomoda, uno dei programmi più longevi della rete.

Dopo aver studiato regia a Milano, nel 2006 esordisce con la regia del cortometraggio Attesa, premiato al Festival Sguardi Altrove.[1]. Nel 2008 è nel cast del film Il papà di Giovanna di Pupi Avati, in concorso al Festival del Cinema di Venezia. Nel 2010 recita nel film Happy Family del Premio Oscar Gabriele Salvatores[2], per il quale riceve il premio come migliore attrice al Festival International du film de Boulogne-Billancourt. Tra il 2011 e 2012 le vengono affidati diversi ruoli nei film Il giorno in più di Massimo Venier, Ti amo troppo per dirtelo di Marco Ponti e infine Come non detto di Ivan Silvestrini. Il 2013 segna una serie di tappe: Valeria è nel film Miele per la regia di Valeria Golino, è una delle protagoniste del film Pazze di me di Fausto Brizzi ed è l'unica attrice italiana del film One Chance di David Frankel, regista de Il diavolo veste Prada[3][4][5].

Nel 2012 Giorgio Armani la sceglie come testimonial mondiale per la campagna pubblicitaria del profumo Armani Code Luna, per la cui promozione recita in una trilogia di cortometraggi (Olga, Alice e Valeria) diretta dai registi Olivier Zahm, Can Evgin e Julien Carlier, in collaborazione con il magazine Purple. Nel 2013 è tra i cosiddetti "proclamatori" del Festival di Sanremo, condotto da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, per proclamare Daniele Silvestri[6].

Nel 2014 è presente nel film Io, Arlecchino di Matteo Bini e Giorgio Pasotti, nelle serie tv Squadra Mobile al fianco di Giorgio Tirabassi e nella Strada dritta di Carmine Elia. Nel 2015 è protagonista di Monitor, esordio alla regia di Alessio Lauria insieme a Michele Alhaique presentato al Festa del Cinema di Roma, e vince il Premio L'Oréal Paris per il cinema alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Nel 2016 è nel cast della serie tv Il sistema per Raiuno, nel 2017 nel film Beata ignoranza di Massimiliano Bruno e nella serie tv di Netflix Sense8 diretta da Lana e Lilly Wachowski.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi TV[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN167979319 · LCCN: (ENno2011018286 · ISNI: (EN0000 0001 1520 8259