Giacomo Ciarrapico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giacomo Ciarrapico (Roma, 1971) è un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 si diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia. Dal 1994 al 2000 scrive dirige le prime commedie teatrali “Io non c’entro” – “Tutto a posto” – “Piccole anime” e “L’ufficio” a cui collaborano Mattia Torre e Luca Vendruscolo. Nel 2001 scrive e dirige il corto “Dentro e Fuori” che vince il Sacher d’oro di Nanni Moretti.[1]

I suoi lungometraggi “Piccole anime” (1998) tratto dalla sua commedia teatrale e “Eccomi qua” (2002) partecipano al Torino Film Festival. Dal 1996 comincia a lavorare anche per la tv come sceneggiatore e regista.

Nel 2006 ha firmato una puntata de I Cesaroni.[2] Nello stesso anno, dalla collaborazione con Luca Vendruscolo e Mattia Torre, nasce la serie tv Buttafuori con Valerio Mastandrea e Marco Giallini.

Dal 2007 al 2010 partecipa alla creazione delle tre stagioni della serie tv “Boris” prodotta da FoxItalia e nel 2010 il lungometraggio “Boris - Il film” di cui è regista oltre che autore, nella quale recitano Francesco Pannofino, Caterina Guzzanti, Paolo Calabresi, Pietro Sermonti, Alessandro Tiberi, Ninni Bruschetta, Antonio Catania e Carolina Crescentini.

Nel 2014 con Vendruscolo e Torre scrive e dirige il film cinematografico “Ogni maledetto Natale”. Nel 2014 e 2015 scrive le commedie teatrali È andata così con Francesco Pannofino (tournée italiana) e Stare meglio oggi con Carlo de Ruggeri.

Nel 2016 scrive il lungometraggio “Troppa Grazia”, girato a novembre dello stesso anno, e il lungometraggio “È il tuo momento” di Alessandro Lunardelli. Nello stesso anno è stato docente del centro sperimentale di cinematografia, e ha iniziato ad insegnare presso la Rome University of Fine Arts.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN187176794 · ISNI (EN0000 0003 5754 0457 · LCCN (ENno2011144223 · GND (DE1026952336