Tommaso Labate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tommaso Labate

Tommaso Labate (Cosenza, 26 novembre 1979) è un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di due architetti e primo di tre fratelli, cresce a Marina di Gioiosa Ionica dove vive fino al 1997, anno in cui si diploma al Liceo Classico Ivo Oliveti di Locri. Quindi si trasferisce a Roma, dove si iscrive alla facoltà di Scienze Politiche dell'Università LUISS Guido Carli. Si laurea con lode nel 2002, con una tesi sul Caso Moro. Nel 2004 inizia la carriera giornalistica con uno stage a Il Riformista, diretto da Antonio Polito. Qualche mese dopo viene assunto. Rimarrà al quotidiano arancione fino al 2012, raccontando i principali eventi della politica nazionale e non solo. Tra questi, c'è anche il terremoto dell'Aquila del 2009[1].

Più avanti collaborerà con numerose testate, da Vanity Fair a l'Unità. Dal 2012, salvo una breve parentesi al quotidiano Pubblico Giornale, lavora per il Corriere della Sera. È a lui che, nell'estate del 2012, Matteo Renzi svela la sua scelta di candidarsi alla guida del centrosinistra alle primarie di fine anno. Un mese dopo anticipa il progetto politico che ha come obiettivo la rielezione di Giorgio Napolitano alla presidenza della Repubblica[2]. Il capo dello Stato smentisce con un comunicato ufficiale[3]. Ma qualche mese dopo la rielezione, la prima e storica riconferma di un presidente della Repubblica italiano nel suo incarico, avviene. E Beppe Grillo, in una conferenza stampa e sul suo blog, attaccherà Napolitano usando proprio la lettera di smentita all'articolo di Labate di qualche mese prima[4]. Labate è spesso ospite di talk show televisivi come opinionista, soprattutto alla Rai e a LA7. Ha partecipato, in qualità di commentatore e tifoso dell'Inter, a numerose puntate del programma di Mediaset Tiki Taka - Il calcio è il nostro gioco.

Dal 3 agosto al 5 settembre 2015 è alla conduzione del programma di approfondimento quotidiano In onda, insieme a David Parenzo[5]. Dal 4 novembre 2015 conduce #CorriereLive, nuovo appuntamento di informazione settimanale in diretta streaming sul sito del Corriere della Sera. Da gennaio 2016 torna in tv su LA7 con il programma Fuori Onda, in onda tutte le domeniche alle 20.30, sempre insieme a David Parenzo[6].

Il 2 ottobre 2018 è uscito il suo primo libro, I Rassegnati. L'irresistibile inerzia dei quarantenni, pubblicato dalla casa editrice Rizzoli. Il libro arriva alla seconda edizione in meno di un mese[7].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

I Rassegnati. L'irresistibile inerzia dei quarantenni, Milano, Rizzoli, 2018.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 ha interpretato la parte di se stesso in un cameo nella serie televisiva Dov'è Mario?, con Corrado Guzzanti[8].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sentimentalmente legato all'attrice Valeria Bilello. [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]