Stadio olimpico Spyros Louīs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stadio Olimpico di Atene)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Stadio olimpico di Atene" rimanda qui. Se stai cercando lo stadio atenese che ospitò i Giochi della I Olimpiade, vedi Stadio Panathinaiko.
Stadio olimpico Spyros Louīs
Olympic stadium,Athens 18.JPG
Informazioni
StatoGrecia Grecia
UbicazioneAmarousio
Inizio lavori1980
Inaugurazione1982, 2004 (post restauro)
StrutturaPianta ellittica
CoperturaTettoia su tutti i settori
Pista d'atleticaSi
Costo260.000.000 Euro
Ristrutturazione2004
Costi di ricostr.260.000.000 Euro
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno105 x 70 m
ProprietarioGoverno greco
ProgettoSantiago Calatrava
Uso e beneficiari
CalcioAEK Atene
Kallonī (2013-2014)
Atletica leggeraAthens Grand Prix
Capienza
Posti a sedere71 030
Mappa di localizzazione

Coordinate: 38°02′10″N 23°47′15″E / 38.036111°N 23.7875°E38.036111; 23.7875

Lo stadio olimpico Spyros Louīs (in greco: Ολυμπιακό Στάδιο Σπύρος Λούης, Olympiako Stadio Spyros Louīs) è un impianto sportivo greco di Amarousio (Atene), e fa parte del complesso sportivo olimpico. Ha ospitato le gare di atletica leggera e la finale del torneo olimpico di calcio durante i Giochi della XXVIII Olimpiade. Ha inoltre ospitato le cerimonie di apertura e di chiusura, rispettivamente il 13 ed il 29 agosto 2004.

Deve il suo nome a Spyridōn "Spyros" Louīs, l'atleta che vinse la prima maratona di un'olimpiade moderna nel 1896.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio fu progettato in origine nel 1979 e costruito tra il 1980 e il 1982, in tempo per i campionati europei di atletica leggera 1982. Venne inaugurato dal presidente greco dell'epoca Konstantinos Karamanlis l'8 settembre 1982. Ha ospitato numerosi eventi dei Giochi del Mediterraneo del 1991 e i campionati del mondo di atletica leggera 1997 che furono visti come il banco di prova per sua la capacità di ospitare gare importanti dopo il fallimento della candidatura di Atene per i Giochi olimpici del 1996.

Lo stadio subì una controversa ristrutturazione, in particolare riguardo alla copertura progettata dall'architetto Santiago Calatrava che fu aggiunta alle tribune laterali per riparare gli spettatori dal forte sole ateniese e dalla pioggia. Il tetto fu completato appena in tempo per l'apertura dei giochi e lo stadio fu ufficialmente riaperto il 30 luglio 2004.

Nel 2005 e nel 2006 l'impianto ha accolto tre prove speciali dell'Acropolis Rally of Greece, ottava prova del Campionato del mondo rally, andate in onda in diretta tv con due successi per il Campione del mondo in carica della Citroën Sébastien Loeb (vincitore di due manches) e il rimanente per il pilota della Ford Marcus Grönholm.

Incontri internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Finali Coppa dei Campioni/UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Finale Coppa delle Coppe UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]