Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Siculiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Siculiana
comune
Siculiana – Stemma Siculiana – Bandiera
Siculiana – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Agrigento-Stemma.png Agrigento
Amministrazione
Sindaco Leonardo Lauricella (lista civica) dal 01/06/2015
Territorio
Coordinate 37°20′08″N 13°25′21″E / 37.335556°N 13.4225°E37.335556; 13.4225 (Siculiana)Coordinate: 37°20′08″N 13°25′21″E / 37.335556°N 13.4225°E37.335556; 13.4225 (Siculiana)
Altitudine 120 m s.l.m.
Superficie 40,99 km²
Abitanti 4 587[1] (31-12-2010)
Densità 111,91 ab./km²
Frazioni Siculiana Marina
Comuni confinanti Agrigento, Montallegro, Realmonte
Altre informazioni
Cod. postale 92010
Prefisso 0922
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 084042
Cod. catastale I723
Targa AG
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti siculianesi
Patrono SS. Crocifisso e san Leonardo
Giorno festivo 3 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Siculiana
Siculiana
Posizione del comune di Siculiana nella provincia di Agrigento
Posizione del comune di Siculiana nella provincia di Agrigento
Sito istituzionale

Siculiana è un comune italiano di 4.676 abitanti[2] della provincia di Agrigento in Sicilia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Cluverio Siculiana fu costruita nel sito in cui sorgeva una volta la città di Cena, della quale fa cenno Padre Massa nell'opera Delle città della Sicilia non più esistenti. Ma altrove lo stesso Cluverio afferma che Siculiana sorse sulle rovine dell'antica Camico, residenza di Cocalo re dei sicani presso il quale riparò Dedalo fuggendo da Creta. Questi per gratitudine verso il re ospitale costruì la città di Camico sopra il vertice di una rupe. Dopo Cluverio molti altri studiosi hanno identificato Camico con Siculiana , dove si riteneva che la montagna Dele sia come una mutilazione del nome Dedaloe dove essi mettono in relazione Camico con un casale di nome Camisia sito sul pendio del monte Fagoma e sulle cui rovine l' esistenza di una necropoli preistorica sembra attestare l' antichità dell' abitato.

Il castello di Chiaromonte, invece, che già preesisteva alla fondazione del borgo, fu costruito da Federico Chiaromonte intorno al 1300 sulle rovine del castello arabo di Kalat Sugul, citato tra gli undici castelli che resistettero agli assalti del re Ruggero il Normanno e che fu raso al suolo dopo la resa di Girgenti. La signoria del castello rimase a lungo ai discendenti dei Chiaromonte. Il centro abitato di Siculiana, invece, fu fondato nel 1425 circa e fu feudo con titolo di baronia della famiglia Bonanno dei principi di Cattolica.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Nazionalità Residenti
Romania 15
Marocco 11
Cina 2

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Il Santo Patrono è San Leonardo. Di notevole importanza è la festa di "lu tri di maiu" dove per tre giorni si festeggia il S.S. Crocifisso. Molto sentite sono anche le processioni del Triduo Pasquale, dove sfilano i simulacri di Gesù "Ecce Homo" e della BMV Addolorata, insieme a Santa Maria Maddalena, San Giovanni Apostolo, San Pietro e nel giorno di Pasqua San Michele Arcangelo, che compie la tradizionale corsa dell'annuncio della resurrezione.

Persone legate a Siculiana[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Arancia di Ribera.

L'agricoltura è il settore principale dell'economia, si producono vino, ortaggi, cereali, agrumi e mandorle. Il territorio di Siculiana è compreso nella zona di produzione dell'Arancia di Ribera D.O.P.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è attraversato dalla strada statale 115. Fino al 1978 era attiva una stazione della ferrovia Castelvetrano-Porto Empedocle, oggi dismessa.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 giugno 1988 30 maggio 1990 Antonino Marsala - Sindaco [4]
4 gennaio 1991 24 marzo 1993 Paolo Maria Iacino Democrazia Cristiana Sindaco [4]
28 maggio 1993 7 dicembre 1993 Francesco Bertorotta Comm. regionale [4]
7 dicembre 1993 1º dicembre 1997 Gerlando Tuttolomondo - Sindaco [4]
1º dicembre 1997 4 agosto 2000 Domenico Mira lista civica Sindaco [4]
27 novembre 2000 13 giugno 2006 Giuseppe Sinaguglia lista civica Sindaco [4]
13 giugno 2006 7 novembre 2007 Giuseppe Sinaguglia lista civica Sindaco [4]
16 giugno 2008 10 luglio 2009 Chiara Armenia Comm. straordinario [4]
16 giugno 2008 1º giugno 2010 Enrico Gullotti Comm. straordinario [4]
16 giugno 2008 1º giugno 2010 Agata Polizzi Comm. straordinario [4]
10 luglio 2009 1º giugno 2010 Concetta Caruso Comm. straordinario [4]
1º giugno 2010 4 giugno 2015 Maria Giuseppa Bruno lista civica Sindaco [4]
4 giugno 2015 in carica Leonardo Lauricella lista civica Sindaco [4]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Siculiana fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.5 (Colline litoranee di Agrigento)[5].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

A.S.D. Siculiana calcio (Promozione)

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Dato Istat al 31/12/2008.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m http://amministratori.interno.it/
  5. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 24-07-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia