Grotte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando le cavità sotterranee, vedi Grotta.
Grotte
comune
Grotte – Stemma Grotte – Bandiera
Grotte – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
ProvinciaProvincia di Agrigento-Stemma.png Agrigento
Amministrazione
SindacoPaolino Fantauzzo (lista civica Grotte Domani - Fantauzzo Sindaco) dal 10/06/2013
Territorio
Coordinate37°24′21″N 13°42′04″E / 37.405833°N 13.701111°E37.405833; 13.701111 (Grotte)Coordinate: 37°24′21″N 13°42′04″E / 37.405833°N 13.701111°E37.405833; 13.701111 (Grotte)
Altitudine516 m s.l.m.
Superficie23,98 km²
Abitanti5 679[1] (30-11-2016)
Densità236,82 ab./km²
Comuni confinantiAragona, Campofranco (CL), Comitini, Favara, Milena (CL), Racalmuto
Altre informazioni
Cod. postale92020
Prefisso0922
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT084018
Cod. catastaleE209
TargaAG
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantigrottesi
Patronosanta Venera
Giorno festivo14 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Grotte
Grotte
Grotte – Mappa
Posizione del comune di Grotte nella provincia di Agrigento
Sito istituzionale
Balcone in ferro sulla torre campanaria

Grotte (Grutti in siciliano) è un comune italiano di 5.679 abitanti della provincia di Agrigento in Sicilia.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Si vuole che il presente nome di Grotte sia originario dal termine punico "Erbessus", nel quale idioma essa sta a significare "Mons Foveae" ovvero abbondante di grotte (dal latino volgare "gruptae", corruzione del classico "cryptae") cioè "Monte Incavato". Poiché il territorio di Grotte, per lo più natura calcarea, abbonda di spelonche e caverne, si pensa che Grotte sia sorto sulle rovine dell'antica Erbesso di cui parla Polibio, distinta però dall'altra Erbesso in provincia di Siracusa, pur essa ricca di grotte e di caverne.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Polibio Erbesso dovette essere un villaggio distrutto dai romani nella Prima guerra punica, durante l'assedio della città di Agrigento, e del quale essi si servirono come luogo di deposito di viveri e di materiale bellico. Grotte sotto gli Aragonesi fu terra feudale, cioè terra in cui l'amministrazione del re veniva delegata da un vassallo che la riceveva in beneficio. Appartenne pertanto ai Ventimiglia, ai Montaperto, poi, nella seconda metà del XVIII secolo a Don Vincenzo La Grua Talmanca Principe di Carini, discendente del protagonista del truce episodio in "La baronessa di Carini" che tanto eco suscitò nel cinquecento in tutta la Sicilia. La Grua, carico di debiti, nel 1800 vendette ed assegnò le proprie terre ai vari creditori. Tra il 1873 ed il 1876 nel paese di determinò uno scisma della religione cattolica per niniziativa del sacerdote Luigi Sciarratta che, accogliendo parecchi elementi della confessione evangelica diede origine ad una vera e propria chiesa separata. Quindi egli si rivolse alla diocesi agrigentina con una lettura a stampa nella quale invita i fedeli a seguire la vera religione. Scomunicato da Pio IX, la cui infallibilità papale era stata dichiarata appena un triennio prima nel Concilio Vaticano I, lo Sciarratta venne abbandonato dai sui seguaci, e la chiesa separata ben presto si estinse.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del casato di Don Vincenzo La Grua è costituito da una Gru rampante su campo ermellino, esso è rimasto come stemma del comune.

Campanile della chiesa madre

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Dell'originario borgo, Grotte conserva:

  • La Chiesa Madre con loggia campanaria balaustrata.
  • La Chiesa del Carmelo.
  • La Chiesa del Purgatorio del Settecento, quasi integra nella purezza delle sue linee.
  • La Torre Ottagonale situata nella parte alta dell'abitato, inglobata nelle nuove costruzioni edilizie.
  • Il Calvario che si apre sul corso principale con un erto e largo sentiero fiancheggiato da cipressi secolari e dominato dalla minuscola Chiesetta della Croce dove annualmente si svolgono le funzioni del Venerdì Santo.
  • La casa di Padre Vinti, in particolare la sua angusta stanzetta, dove il Servo di Dio si chiudeva per ore intere in Comunione con Dio, sostando lungamente in preghiera, inginocchiato dinanzi alla Sua Immagine, è ancora oggi un luogo in cui si avverte la Sua affascinante presenza.
  • Il centro polifunzionale San Nicola (ex chiesa S. Nicola)

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Grotte, dove a perdita d'occhio, si distendono vigneti e mandorleti, presenta delle caratteristiche naturali come il monumentale masso roccioso della "Pietra" ("Rocca Petra" in siciliano) con bucherellato di grotte preistoriche. Interessanti dal punto di vista archeologico e storico i loculi della "Scintilìa" a pochi chilometri dal centro abitato.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Il santo patrono di Grotte è Santa Venera la cui festività ricorre il 14 novembre, ma la fiera del bestiame si tiene per la festa della Madonna delle Grazie, la prima settimana di settembre. Molto importante è la festa di Pasqua che prende inizio il giorno Delle Palme e si conclude il giorno di Pasqua, dove viene rievocata tutta la Passione di Cristo descritta nei vangeli e coinvolgendo tutta la cittadinanza con processioni e recite tratte dal testo drammaturgico "Il Riscatto di Adamo nella morte di Gesù Cristo" di Filippo Orioles.

Persone legate a Grotte[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa del purgatorio
  • Antonio Pilato: docente di filosofia e scienze dell'educazione , e pittore. Vive a Milano dal 1976.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La miniera di zolfo di Stretto Cuvello offriva lavoro a molti operai. Parte del prodotto veniva usato in agricoltura e parte destinato alle industrie chimiche per la produzione dell'acido solforico. L'attività artigianale era dedita alla manifattura di articoli di lana. Oggi comunque l'economia si basa sulla vendita di corredi e tappeti orientali e nel circondario provinciale e regionale rappresenta una notevole realtà economica

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
28 marzo 1988 27 maggio 1989 Decio Terrana Democrazia Cristiana Sindaco [3]
4 luglio 1989 7 dicembre 1991 Antonio Carlisi Democrazia Cristiana Sindaco [3]
7 dicembre 1991 7 dicembre 1993 Filippo Giambra Partito Socialista Italiano Sindaco [3]
7 dicembre 1993 1º dicembre 1997 Antonio Cimino Centro - Sinistra Sindaco [3]
1º dicembre 1997 28 maggio 2002 Antonio Carlisi centro-destra Sindaco [3]
28 maggio 2002 27 maggio 2003 Antonino La Mattina Comm. pref. [3]
27 maggio 2003 17 giugno 2008 Giacomo Orlando centro-sinistra Sindaco [3]
18 giugno 2008 12 giugno 2013 Paolo Pilato lista civica Sindaco [3]
12 giugno 2013 in carica Paolino Fantauzzo Sindaco [3]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Grotte fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.3 (Colline del Platani)[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2016.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/
  4. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato l'8 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN154974668 · LCCN: (ENn2004037773 · GND: (DE4693470-4
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia