Montallegro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il santuario mariano di Rapallo (GE), vedi Santuario di Nostra Signora di Montallegro.
Montallegro
comune
Montallegro – Stemma Montallegro – Bandiera
Montallegro – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
ProvinciaProvincia di Agrigento-Stemma.png Agrigento
Amministrazione
SindacoScalia Caterina (lista civica "Per Monteallegro Rina Scalia sindaco") dall'11-06-2017
Territorio
Coordinate37°23′38″N 13°21′06″E / 37.393889°N 13.351667°E37.393889; 13.351667 (Montallegro)Coordinate: 37°23′38″N 13°21′06″E / 37.393889°N 13.351667°E37.393889; 13.351667 (Montallegro)
Altitudine100 m s.l.m.
Superficie27,41 km²
Abitanti2 498[1] (30-11-2017)
Densità91,13 ab./km²
Comuni confinantiAgrigento, Cattolica Eraclea, Siculiana
Altre informazioni
Cod. postale92010
Prefisso0922
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT084024
Cod. catastaleF414
TargaAG
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona B, 735 GG[2]
Nome abitantimontallegresi
Patronosan Leonardo
Giorno festivo6 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montallegro
Montallegro
Montallegro – Mappa
Posizione del comune di Montallegro nella provincia di Agrigento
Sito istituzionale

Montallegro (Muntallegru o Muntallè in siciliano[3]) è un comune italiano di 2 498 abitanti[1] della provincia di Agrigento in Sicilia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

MONTALLEGRO Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 10,111,313,616,422,427,831,431,826,920,915,711,410,917,530,321,220,0
T. min. mediaC) 3,53,65,26,810,814,717,317,615,011,58,25,34,17,616,511,610,0

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente il borgo sorgeva su un monte, il monte Suso, sul quale si ergono tutt'oggi i resti del borgo, in strategica posizione difensiva dalle incursioni provenienti dal mare, in tal difesa furono costruite delle torri di segnalazione, così che qualora venissero avvistate le nave si accendevano dei fuochi ed il fumo segnalava l'avvistamento, in tal modo i contadini rientravano in paese e iniziavano la difesa. Il vecchio sito fu abbandonato nel XVII secolo ed oggi non è più raggiungibile mediante la strada che zigzagando portava in vetta sul lato Est ma dal lato Ovest con accesso meno ripido. Esse appaiono interessanti al visitatore per il suggestivo spettacolo e per la solitudine che vi regna, atta a stimolare emozioni e pensieri. Nel 1610 Montallegro era feudo di Nicolò Montaperto, il quale, per debiti contratti nel 1619, dovette vendere la baronia al principe di Castiglione. Quindi divenuto il feudo possesso della famiglia Gioeni dei principi della Petrulla, il borgo fu fondato prima del 1630 da un discendente di questa famiglia, il quale per privilegio accordato da Filippo III, ottenne di fregiarsi del titolo di duca D'Angiò.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Montallegro
  • Chiesa madre di San Leonardo
  • Chiesa di Santa Maria dell`Immacolata
  • Chiesa cristiana evangelica pentecostale via Gramsci Assemblee di Dio in Italia

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Il santo patrono è San Leonardo e si festeggia il 6 novembre.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

L'agricoltura è il settore principale dell'economia, si producono olio di oliva, agrumi e mandorle. Il territorio montallegrese è compreso nella zona di produzione dell'Arancia di Ribera D.O.P.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Arancia di Ribera.

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

L'artigianato è presente con botteghe d'infissi ed arredamenti.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

A fianco della strada statale n.115, Montallegro è collegato con i paesi vicini da regolare e frequente servizio di autobus. Fino al 1978 era attiva una stazione della ferrovia Castelvetrano-Porto Empedocle oggi chiusa all'esercizio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
21 gennaio 1989 22 gennaio 1990 Carmelo Beni Gangarossa Democrazia Cristiana Sindaco [5]
22 gennaio 1990 7 giugno 1993 Roberto Giuseppe Caruana Democrazia Cristiana Sindaco [5]
7 giugno 1993 1º dicembre 1997 Lorenzo Marrella Democrazia Cristiana Sindaco [5]
1º dicembre 1997 28 maggio 2002 Andrea Iatì - Sindaco [5]
28 maggio 2002 15 maggio 2007 Roberto Giuseppe Caruana centro-destra Sindaco [5]
15 maggio 2007 8 maggio 2012 Giuseppe Manzone Sindaco [5]
8 maggio 2012 12/06/2018 Pietro Baglio Sindaco [5]

|- | data-sort-value="12 giugno 2018" | 12 giugno 2018 | 12/06/2018 | data-sort-value="Scalia" | Caterina Scalia | | Sindaco | [5] |-

|}

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Montallegro fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.5 (Colline litoranee di Agrigento)[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 409.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  6. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 24 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia