Sant'Angelo Muxaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Angelo Muxaro
comune
Sant'Angelo Muxaro – Stemma
Sant'Angelo Muxaro – Veduta
Panorama di Sant'Angelo Muxaro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Libero consorzio comunaleProvincia di Agrigento-Stemma.png Agrigento
Amministrazione
SindacoAngelo Tirrito (lista civica "Svoltiamo Insieme") dall'11-6-2018
Territorio
Coordinate37°28′51″N 13°32′47″E / 37.480833°N 13.546389°E37.480833; 13.546389
Altitudine335 m s.l.m.
Superficie64,52 km²
Abitanti1 159[1] (30-11-2021)
Densità17,96 ab./km²
Comuni confinantiAgrigento, Alessandria della Rocca, Aragona, Casteltermini, Cattolica Eraclea, Cianciana, Raffadali, San Biagio Platani, Santa Elisabetta
Altre informazioni
Cod. postale92020
Prefisso0922
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT084039
Cod. catastaleI290
TargaAG
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Nome abitantisantangelesi
Patronosant'Angelo
Giorno festivo5 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Angelo Muxaro
Sant'Angelo Muxaro
Sant'Angelo Muxaro – Mappa
Posizione del comune di Sant'Angelo Muxaro nel libero consorzio comunale di Agrigento
Sito istituzionale

Sant'Angelo Muxaro (Sant'Àncilu Musciaru in siciliano) è un comune italiano di 1 159 abitanti[1] del libero consorzio comunale di Agrigento in Sicilia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

È un piccolo centro abitato del comprensorio provinciale agrigentino, e si erge su una collina a 335 metri sul livello del mare, lungo la riva sinistra del Fiume Platani.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il primo elemento dell'odierno toponimo sembra derivare direttamente dal culto riferito ad Angelo da Gerusalemme, detto anche "Angelo di Sicilia".

Quanto invece a Muxaro, si tratta di un adattamento italiano preso dal siciliano Muxaru, parola che ritiene ancora oggi l'antica grafia siciliana. La lettera x in siciliano antico (al pari di altre lingue neolatine, come quelle iberiche) veniva infatti utilizzata per rappresentare il suono di una fricativa postalveolare sorda [ʃ] (cfr. Buscemi, Calascibetta, Sciacca), che viene resa oggi graficamente con il nesso consonantico ⟨sc⟩, tanto che alcune grafie più recenti riportano anche sia in italiano che in siciliano Musciaro che Musciaru. Questo secondo elemento sembra essere connesso al maltese munxar (pronunciato /munˈʃaːr/), derivato dall'arabo مِنْشَار minšār, termine che significa 'sega', 'posto in cui vengono sparsi frutti come uvetta o fichi per essiccare', 'piatto per la vagliatura'.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di questo paese rimangono indefinite. Un importante villaggio di età del ferro sorse intorno al XIII secolo a.C. da popolazioni indigene, identificate con i Sicani. Tale villaggio costituisce in archeologia un valido fossile guida cronologico per la produzione locale dalla crisi della prima società autoctona (XIII secolo a.C.) al rapporto con i primi coloni greci durante la grande stagione delle apoikiai nel corso dell'VIII-VII secolo a.C., tale da costituire per determinati autori una facies a sé stante[3]. Nel 1511 venne costruito il centro abitato. Attorno al 1506 fu favorita la colonizzazione di profughi albanesi, che caratterizzò per diversi anni la vita del paese, emigrati in queste terre a seguito dell'invasione turca dei Balcani sul finire del XV secolo. Nel 1600, la baronia venne acquisita dai Principi di Castelvetrano, D'Aragona e Tagliavia e infine passò sotto la giurisdizione del Pignatelli, Duchi di Monteleone, che la conservarono sino al 1812, quando in Sicilia la feudalità venne soppressa.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Dalla metà del XX secolo il comune utilizza uno stemma non ufficiale di verde, alla testa di un arabo di carnagione con turbante sormontato da una mezza luna[4] non autorizzato dall'Ufficio Araldica della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Questo ha portato alla credenza dell'esistenza di un principe Mushar che avrebbe governato le terre di Sant'Angelo Muxaro. Nel 2020 è cominciato un iter per la creazione di uno stemma comunale più legato alla veridicità e alla tradizione della comunità locale, con una ricerca storica presso gli Archivi di Stato di Roma, Palermo ed Agrigento.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa madre di Sant'Angelo Martire

Il Museo[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 2015, viene inaugurato il museo archeologico "MuSAM", per l'occasione, il British Museum ha messo temporaneamente a disposizione un pezzo unico di quasi tremila anni fa [1]: una ciotola d'oro rinvenuta in una delle tombe della città antica e donata al British Museum nel 1772.[8]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del comune è compreso nella zona di produzione del Pistacchio di Raffadali D.O.P.[10].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 luglio 1985 28 maggio 1990 Ignazio Alessi Democrazia Cristiana Sindaco [11]
28 maggio 1990 15 aprile 1992 Marcantonio Spoto Democrazia Cristiana Sindaco [11]
15 aprile 1992 10 febbraio 1994 Giuseppe Alfano Democrazia Cristiana Sindaco [11]
28 giugno 1994 25 maggio 1998 Giuseppe Tirrito Partito Democratico della Sinistra Sindaco [11]
25 maggio 1998 27 maggio 2003 Giuseppe Tirrito sinistra Sindaco [11]
27 maggio 2003 17 giugno 2008 Giuseppe Aurelio Leto centro-destra Sindaco [11]
17 giugno 2008 11 giugno 2013 Giuseppe Aurelio Leto lista civica Sindaco [11]
11 giugno 2013 11 giugno 2018 Lorenzo Alfano lista civica "Rinascita per Sant'Angelo" Sindaco [11]
11 giugno 2018 in carica Angelo Tirrito lista civica "Svoltiamo Insieme" Sindaco [11]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Sant'Angelo Muxaro fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n. 3 (Colline del Platani)[12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT, 28 gennaio 2022. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Cfr. per esempio Vincenzo La Rosa, Le popolazioni della Sicilia: Sicani, Siculi, Elimi, in AA. VV., Italia, Libri Scheiwiller, Milano, 1989, p. 40 e ss.
  4. ^ Comune di Sant’Angelo Muxaro, Statuto comunale (PDF), su lnx.comune.santangelomuxaro.ag.it, Art. 6, Stemma, Gonfalone, Patrono.
  5. ^ Angelo Tirrito, Sant'Angelo Muxaro, al via l'iter modificare lo stemma del Comune, su comunicalo.it, 8 Settembre 2020.
  6. ^ (EN) Sant'Angelo Muxaro "Tomb of the Prince" by diegobarucco - 3D model. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  7. ^ Copia archiviata, su archeo.wikia.com. URL consultato il 1º febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2014).
  8. ^ Apre il MuSAM. Uno smart museum a Sant'Angelo Muxaro: l'antica Camico, capitale dei Sicani, su archive.wikiwix.com, 16 dicembre 2015.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 20 novembre 2020
  11. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/
  12. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato l'08-07-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN136140656 · LCCN (ENn87899067 · GND (DE4479433-2
  Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sicilia