Monica Vitti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monica Vitti alla presentazione del suo romanzo Il letto è una rosa nel 1995

Monica Vitti, pseudonimo di Maria Luisa Ceciarelli (Roma, 3 novembre 1931Roma, 2 febbraio 2022[1]), è stata un'attrice italiana.

La sua caratteristica voce roca e l'innata verve l'hanno accompagnata per quasi quarant'anni di carriera cinematografica, dalle sue interpretazioni drammatiche nella "tetralogia dell'incomunicabilità" di Michelangelo Antonioni (L'avventura, La notte, L'eclisse e Deserto rosso)[2] che le diedero fama internazionale, a quelle in ruoli brillanti (da La ragazza con la pistola a Io so che tu sai che io so) che la fecero considerare l'unica "mattatrice" della commedia all'italiana, tenendo ottimamente testa ai colleghi uomini Alberto Sordi, Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman, Nino Manfredi e Marcello Mastroianni.[3]

Ha ottenuto numerosi premi, tra cui cinque David di Donatello come migliore attrice protagonista (più altri quattro riconoscimenti speciali), tre Nastri d'argento, dodici Globi d'oro (di cui due alla carriera), un Ciak d'oro alla carriera, un Leone d'oro alla carriera a Venezia, un Orso d'argento alla Berlinale, una Concha de Plata a San Sebastián e una candidatura al premio BAFTA.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Roma da padre romano, Angelo Ceciarelli, e da madre bolognese, Adele Vittiglia[4], da bambina ha vissuto a Messina per circa otto anni a causa del lavoro del padre, un Ispettore del Commercio Estero.[4] In quel periodo fu soprannominata scherzosamente dai familiari "setti vistìni", per via della sua freddolosità che la portava a indossare i vestiti l'uno sull'altro. Sette sottane, traduzione del nomignolo infantile, diventò poi il titolo del suo primo libro autobiografico, edito nel 1993, seguito da Il letto è una rosa (1995).

Trasferitasi a Napoli, nel quartiere Vomero, a 12 anni scoprì la passione per il teatro durante i bombardamenti della guerra, mentre - racconta lei stessa - giocava nei ricoveri antiaerei sotterranei inscenando i burattini con il fratello Giorgio per dilettare i rifugiati, distraendoli così da un periodo molto buio.[5] Perciò, tornata a Roma dopo la distruzione del suo palazzo a Napoli, a 14 anni entrò in teatro.

L'Accademia e il cambio del nome[modifica | modifica wikitesto]

Esordi di Marisa Ceciarelli
Esordi di Monica Vitti (1953) nel coro di una rappresentazione classica come Marisa Ceciarelli in Ifigenia in Aulide, regia di Accursio Di Leo

Nel 1953 si diplomò all'Accademia nazionale d'arte drammatica, allora diretta dal suo maestro Silvio D'Amico e intraprese quella che sarà una breve ma formativa attività teatrale, in cui diede prova della sua versatilità recitando in Shakespeare e Molière. Particolarmente significativa fu la sua esperienza accanto a Sergio Tofano - suo insegnante in Accademia - negli allestimenti delle commedie sul personaggio di Bonaventura, firmate dallo stesso Tofano con lo pseudonimo "Sto"; qui offrirà le sue prime prove di versatilità nella comicità, che contraddistinguerà gran parte della sua carriera.

Su consiglio di Tofano, in quegli anni fu invitata ad adottare un nuovo nome e cognome, più artistico. Allora si mise a tavolino, e scelse metà del cognome di sua madre, Vittiglia, alla quale fu molto legata e che perse in giovane età.[6] Al cognome associò il nome "Monica", che aveva appena letto in un libro e le suonava meglio[7]. Nel 1955 esordì come Mariana ne L'avaro di Molière con la regia di Alessandro Fersen al Teatro Olimpico di Vicenza[8], e l'anno seguente, sempre sulla scena palladiana, sostenne il ruolo di Ofelia in Amleto di Riccardo Bacchelli. Nel 1956 fu anche protagonista di Bella di Cesare Meano al Teatro del Convegno di Milano con la regia di Enzo Ferrieri. A Roma si esibì in una serie di atti unici comici al Teatro Arlecchino (ora Teatro Flaiano).

Il cinema, Antonioni e l'alienazione[modifica | modifica wikitesto]

Monica Vitti nel film Deserto rosso (1964), di Michelangelo Antonioni

Dopo qualche ruolo di secondo piano in alcune pellicole comiche, venne notata dal regista Michelangelo Antonioni, con il quale intrecciò una relazione artistica e sentimentale. Il regista ne fece la sua musa e la Vitti divenne così protagonista della cosiddetta "tetralogia dell'incomunicabilità". Interpretò la tormentata Claudia in L'avventura (1960), la tentatrice Valentina di La notte (1961), la misteriosa e scontenta Vittoria di L'eclisse (1962) e la nevrotica Giuliana in Deserto rosso (1964).

Il doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Lavorò, anche se saltuariamente, come doppiatrice: diede la voce al personaggio Ascenza nel film Accattone di Pasolini; a Rossana Rory in I soliti ignoti di Monicelli e a Dorian Gray nel film Il grido di Antonioni; è la voce inoltre di Dalila (Daphne) nel film Senti chi parla adesso! (1993), sostituendo la voce di Diane Keaton nella versione originale, insieme a Renato Pozzetto, voce del cane Scag (in originale Rocks), originalmente doppiato da Danny DeVito. È stata doppiata a sua volta da Vittoria Febbi in La pacifista (1970) di Miklós Jancsó, anche se dello stesso film esiste una versione in cui Vitti doppia sé stessa (sono disponibili entrambe nel DVD Cinekult, mentre solo il doppiaggio con la Febbi è presente nell'edizione Alan Young).

Attrice brillante[modifica | modifica wikitesto]

Monica Vitti in La ragazza con la pistola (1968), di Mario Monicelli

Fu Mario Monicelli, su proposta del produttore Fausto Saraceni, a metterne in risalto la sorprendente verve di attrice comica, dirigendola nella commedia La ragazza con la pistola (1968), dove Vitti interpretò il ruolo di Assunta Patanè, una ragazza siciliana che insegue fino in Scozia l'uomo che l'ha "disonorata" (Carlo Giuffré) con l'intento di vendicarsi. Il film ebbe un grande successo e contribuì notevolmente a ridefinire la carriera dell'attrice romana, soprattutto agli occhi del pubblico.

Questo significativo e di fatto definitivo mutamento dell'immagine cinematografica di Vitti fu in qualche modo anticipato, nel 1964, dal film Il disco volante di Tinto Brass e nel 1966, dal film di produzione britannica Modesty Blaise - La bellissima che uccide di Joseph Losey, al quale partecipò anche Rossella Falk, e da altre commedie italiane del 1967, tra cui Ti ho sposato per allegria di Luciano Salce e La cintura di castità di Pasquale Festa Campanile, ove ebbe come partner rispettivamente Giorgio Albertazzi e Tony Curtis. Nel 1966 rifiutò un ruolo in Grand Prix di John Frankenheimer, ove sarebbe stata inserita in un cast internazionale guidato da James Garner, Toshirō Mifune e Yves Montand.

Nel maggio del 1968 venne nominata presidente della giuria al XXI festival del cinema di Cannes, ma le contestazioni del maggio francese raggiunsero la kermesse. Vitti si dimise dal suo incarico e verrà imitata da Louis Malle, Roman Polański e Terence Young. Come conseguenza, nessun premio cinematografico verrà ufficialmente attribuito.[9]

Monica Vitti in L'anatra all'arancia (1975)

Lasciate alle spalle le esperienze internazionali, sia pure episodiche, e una volta confermato il suo talento brillante, tra gli altri, in Dramma della gelosia (tutti i particolari in cronaca) (1970) di Ettore Scola, Gli ordini sono ordini (1972) di Franco Giraldi e La Tosca (1973) di Luigi Magni, Vitti, durante gli anni settanta, sarà protagonista di numerose pellicole del filone della commedia all'italiana. L'esperienza accanto ad Alberto Sordi nei film con lui interpretati per la regia di quest'ultimo sarà quella che l'avvicinerà maggiormente al grande pubblico, nel senso più nazional-popolare del termine.

Nel frattempo, anche all'estero molti registi di prestigio la vogliono sul set. Oltre al già citato Miklós Jancsó, recitò per Jean Valère in La donna scarlatta (1969), Luis Buñuel in Il fantasma della libertà (1974) e André Cayatte in Ragione di stato (1978). Nel 1974 inoltre si esibisce con Raffaella Carrà e Mina nel varietà televisivo Milleluci, cantando con loro Bellezze al bagno e inscenando una simpatica coreografia balneare, con citazioni anche dal suo film di successo Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa (1970) di Marcello Fondato. Nel 1978 recitò sempre per la televisione nella commedia Il cilindro di Eduardo De Filippo. Nel 1979, con la commedia Un amore perfetto o quasi di Michael Ritchie, recitò nel suo ultimo film di produzione straniera.

Monica Vitti al Festival di Cannes 1990 per presentare il film Scandalo segreto, da lei scritto, diretto e interpretato

Negli anni ottanta tornò a lavorare con Michelangelo Antonioni in Il mistero di Oberwald (1980) e Alberto Sordi in Io so che tu sai che io so (1982). Nel 1981 affiancò Vittorio Gassman in Camera d'albergo di Mario Monicelli. Nel 1983, con la pellicola Flirt dell'esordiente Roberto Russo, ricevette il premio dell'attrice al Festival di Berlino del 1984; la collaborazione con Russo, suo futuro marito, continuò con Francesca è mia (1986): entrambi i film furono sceneggiati anche dalla stessa Vitti. In quel periodo recitò a teatro in La strana coppia (1987) e Prima pagina (1988). Nel giugno del 1984 prese parte al picchetto d'onore ai funerali del segretario del Partito Comunista Italiano Enrico Berlinguer, insieme ad altri esponenti del cinema italiano come Federico Fellini e Marcello Mastroianni.[10] Nel 1988, il prestigioso quotidiano francese Le Monde commise una clamorosa gaffe nei suoi confronti, pubblicando in prima pagina la notizia della sua morte, "avvenuta per suicidio con barbiturici". L'attrice, con grande eleganza e senso dell'umorismo, si limitò a smentire la notizia, ringraziando i responsabili della gaffe per averle allungato la vita.[11] Nello stesso anno fu protagonista con Orazio Orlando del videoclip Ma chi è quello lì, brano eseguito da Mina, tratto dall'album Rane supreme, e composto da Pino D'Angiò.

In alcuni suoi film degli anni sessanta e settanta operò quale sua controfigura un'ancora sconosciuta Fiorella Mannoia, cantante che proviene da una famiglia di stuntman.[12]

Dopo aver esordito anche nella regia col film Scandalo segreto (1990), da lei anche scritto e interpretato, nel 1992 recitò nella miniserie TV Ma tu mi vuoi bene? accanto a Johnny Dorelli: le sue ultime due interpretazioni. Alla Mostra del cinema di Venezia del 1995 ricevette infine il Leone d'oro alla carriera.

Le ultime apparizioni e il ritiro dalle scene[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 giugno 2000 prese parte ai festeggiamenti per gli ottant'anni di Alberto Sordi, mentre il 24 giugno, assieme ad altri colleghi, festeggiò la sceneggiatrice Suso Cecchi D'Amico per la consegna dei Globi d'oro a Cinecittà. A dicembre del 2000 nella basilica di San Pietro in Vaticano, celebrò il Giubileo, assieme a molti personaggi del mondo dello spettacolo. Nell'aprile 2001 venne ricevuta al Quirinale assieme ai premiati del David di Donatello. Sempre nello stesso mese, partecipò alla convention dell'Ulivo insieme al marito Roberto Russo.

Già allontanatasi dalle scene da diverso tempo e prima di ritirarsi definitivamente a vita privata, a causa delle sue condizioni di salute,[12][13][14] si mostrò al pubblico per l'ultima volta nel marzo del 2002, alla prima teatrale italiana di Notre-Dame de Paris al GranTeatro di Roma. Nello stesso periodo concesse anche l'ultima intervista. Verrà immortalata dai fotografi per le ultime volte, dapprima in giro per le vie di Roma e poi a Sabaudia, in compagnia del marito.

Il 6 novembre 2003 viene ricoverata all'Ospedale Fatebenefratelli per una frattura del femore.[15]

Alla sesta edizione del Festival del Cinema di Roma, nell'ottobre del 2011, le venne dedicata una mostra in occasione della quale fu presentato il volume La dolce Vitti, ideato e realizzato da Cinecittà Luce a cura di Stefano Stefanutto Rosa.

Nel 2016, il marito Roberto Russo ha rotto il silenzio, dichiarando false le voci che circolavano sulla presunta degenza dell'attrice presso una clinica svizzera, e confermando che viveva nella casa romana in cui ha sempre vissuto, accudita proprio da lui stesso e da una badante,[16] dichiarazione da lui ribadita nel 2020, per l'89º compleanno dell'attrice.[17]

Nel 2021, in occasione dei suoi novant'anni, le è stato dedicato il docufilm Vitti d’arte, Vitti d’amore, diretto da Fabrizio Corallo e promosso dalla Rai, che è stato presentato in anteprima alla Festa del cinema di Roma 2021 e poi trasmesso su Rai 3 il 5 novembre 2021.[18]

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Muore nella sua abitazione a Roma il 2 febbraio 2022, all'età di 90 anni, a causa della demenza da corpi di Lewy che la affliggeva dal 2002[19]; il 4 febbraio viene allestita la camera ardente al Campidoglio, il giorno successivo vengono celebrati i funerali religiosi, trasmessi in diretta tv su Rai 1, ai quali presenziano volti della politica e del cinema, nella basilica di Santa Maria in Montesanto a Piazza del Popolo; dopo la cerimonia funebre, il feretro viene tumulato nel Cimitero del Verano di Roma.[20][21][22][23][24][25]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha avuto tre lunghe e importanti storie d'amore. La prima, con il regista Michelangelo Antonioni; poi, con il direttore della fotografia Carlo Di Palma ed infine con il fotografo di scena e regista Roberto Russo, che ha sposato civilmente in Campidoglio il 28 settembre 2000 dopo diciassette anni di fidanzamento e che le è rimasto accanto fino alla morte.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Impronta e autografo di Monica Vitti sul marciapiede del Palais des Festivals a Cannes
Terence Stamp e Monica Vitti nel 1965
Monica Vitti insieme a Carlo Delle Piane in un fotogramma del film Teresa la ladra (1973)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Prosa radiofonica Rai[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 9 ottobre 1984[27]
Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 2 giugno 1986[28]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Legion d'Onore (Francia)
— [29]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chiara Ugolini, È morta Monica Vitti, talento smisurato del cinema italiano, in la Repubblica, 2 febbraio 2022.
  2. ^ Un talento immenso, una bellezza assoluta e una tecnica attoriale fatta di versatilità e precisione, su Il Fatto Quotidiano, 2 febbraio 2022. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  3. ^ COMMEDIA ALL’ITALIANA, su retididedalus.it. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  4. ^ a b Monica Vitti, su intervisteromane.net. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  5. ^ Monica Vitti, un talento germogliato nelle viscere di Napoli, su Angelo Forgione. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  6. ^ Il silenzio di Monica Vitti, cristallizzato nei ricordi che svaniscono, su Tiscali Spettacoli. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  7. ^ intervista al mito, di Oriana Fallaci
  8. ^ Gino Nogara, Cronache degli spettacoli nel Teatro Olimpico di Vicenza dal 1585 al 1970, Accademia Olimpica di Vicenza, 1972.
  9. ^ Almanacco di Storia illustrata, 1968, p. 65.
  10. ^ Un inedito Marcello, commosso per Berlinguer
  11. ^ Moda24 - l'indirizzo per le aziende del mondo della moda, accessori, cosmesi, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  12. ^ a b Sara Faillaci, Quanto ci manca Monica Vitti, intervista a Fiorella Mannoia su vanityfair.it del 25 ottobre 2011.
  13. ^ Andrea Scanzi, Polvere di una stella malata - Il tributo a Monica Vitti, articolo per Il fatto quotidiano del 4 novembre 2011, su dagospia.com.
  14. ^ “Monica Vitti non è ricoverata”: lo sfogo del marito Roberto Russo, in ilfattoquotidiano.it, 17 gennaio 2018. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  15. ^ Monica Vitti ricoverata per una frattura del femore
  16. ^ Monica Vitti compie 87 anni, ma lei non può festeggiare: ultime notizie, su DiLei, 15 aprile 2016. URL consultato il 24 dicembre 2018.
  17. ^ Maurizio Porro, Monica Vitti compie 89 anni: la verità sulla malattia, il marito: «Ci capiamo con gli occhi», su corriere.it, 4 novembre 2020. URL consultato il 4 novembre 2020.
  18. ^ 90 anni Vitti, nel silenzio l'amore degli italiani - Tv, su Agenzia ANSA, 2 novembre 2021. URL consultato il 4 novembre 2021.
  19. ^ Cos'è la Demenza a corpi di Lewy: sintomi e cura della malattia di Monica Vitti, su Today, 19 giugno 2022. URL consultato il 19 giugno 2022.
  20. ^ È morta Monica Vitti, su Ansa, 2 febbraio 2022. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  21. ^ È morta Monica Vitti, talento smisurato del cinema italiano, in la Repubblica, 2 febbraio 2022.
  22. ^ La camera ardente di Monica Vitti, il feretro in Campidoglio: mimose e una scritta "Grazie Monica", su la Repubblica, 4 febbraio 2022. URL consultato il 15 febbraio 2022.
  23. ^ Redazione Roma, A Roma i funerali di Monica Vitti: accolta dai colleghi in Paradiso, su Corriere della Sera, 5 febbraio 2022. URL consultato il 15 febbraio 2022.
  24. ^ Sky TG24, Monica Vitti, celebrati i funerali nella Chiesa degli artisti a Roma, su tg24.sky.it. URL consultato il 15 febbraio 2022.
  25. ^ L’ultimo saluto di amici e fan all’antidiva Vitti: “Volevamo tutte essere Monica”, su La Stampa, 5 febbraio 2022. URL consultato il 15 febbraio 2022.
  26. ^ a b Enrico Lancia, Ciak d'oro, su books.google.it. URL consultato il 12 aprile 2020.
  27. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  28. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  29. ^ (EN) I 90 anni di Monica Vitti, attrice icona del cinema italiano, su rainews.it, 3 novembre 2021. URL consultato il 2 febbraio 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le attrici, Roma, Gremese, 1997.
  • Rai Teche, la prosa televisiva, 1954/2008
  • Il Radiocorriere, annate varie
  • Chiara Ricci, Monica Vitti. Recitare è un gioco, AG Book Publishing, 2016
  • Nevio De Pascalis, Marco Dionisi, Stefano Stefanutto Rosa, La dolce Vitti, Roma, Luce-Cinecittà/Edizioni Sabinae, 2018, ISBN 978-88-9862-372-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore David di Donatello per la migliore attrice protagonista Successore
Claudia Cardinale
per Il giorno della civetta
1969
per La ragazza con la pistola ex aequo con
Gina Lollobrigida per Buonasera, signora Campbell
Sophia Loren
per I girasoli
I
Sophia Loren
per I girasoli
1971
per Ninì Tirabusciò - La donna che inventò la mossa
ex aequo con Florinda Bolkan per Anonimo veneziano
Claudia Cardinale
per Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata
II
Florinda Bolkan per Cari genitori ex aequo con
Silvana Mangano per Lo scopone scientifico
1974
per Polvere di stelle ex aequo con
Sophia Loren per Il viaggio
Mariangela Melato
per La poliziotta
III
Mariangela Melato
per La poliziotta
1976
per L'anatra all'arancia
Mariangela Melato
per Caro Michele
IV
Sophia Loren per Una giornata particolare
ex aequo con Mariangela Melato per Il gatto
1979
per Amori miei
Virna Lisi
per La cicala
V
Controllo di autoritàVIAF (EN46340238 · ISNI (EN0000 0001 2130 831X · SBN RAVV084188 · LCCN (ENno94039915 · GND (DE130571601 · BNE (ESXX1202276 (data) · BNF (FRcb13900895v (data) · J9U (ENHE987007452554605171 · CONOR.SI (SL139129955 · WorldCat Identities (ENlccn-no94039915