Nunzia De Girolamo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nunzia De Girolamo
Nunzia De Girolamo daticamera.jpg

Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali
Durata mandato 28 aprile 2013 –
27 gennaio 2014
Capo del governo Enrico Letta
Predecessore Mario Catania
Successore Maurizio Martina

Deputata della Repubblica Italiana
Durata mandato 29 aprile 2008 –
22 marzo 2018
Legislature XVI, XVII
Gruppo
parlamentare
XVI: Il Popolo della Libertà
XVII:
- Il Popolo della Libertà (Fino al 18/11/2013)
- Area Popolare (Dal 18/11/2013 al 22/09/2015)
- Forza Italia (Dal 22/09/2015 a fine legislatura)
Coalizione XVI: PdL-LN
XVII: Centro-destra
Circoscrizione Campania 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico FI (2007-2009)
PdL (2009-2013)
NCD (2013-2015)
FI (2015-2018)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Roma "La Sapienza"
Professione Avvocato

Nunzia De Girolamo (Benevento, 10 ottobre 1975) è una conduttrice televisiva ed ex politica italiana.

È stata deputata per due legislature, la XVI e la XVII; inoltre, dal 28 aprile 2013 al 27 gennaio 2014 è stata Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali nel governo Letta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Benevento, figlia di Nicola De Girolamo, direttore del Consorzio agrario locale. Dopo essersi diplomata presso il liceo classico Pietro Giannone di Benevento, si è iscritta alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università La Sapienza di Roma. Conseguita la laurea, ha intrapreso la carriera forense, occupandosi di diritto civile, diritto del lavoro, diritto commerciale e bancario. Contemporaneamente alla pratica forense, ha collaborato con l'Università degli Studi del Sannio e con l'Università degli Studi del Molise.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nunzia De Girolamo nel 2009

Si impegna in politica, diventando coordinatrice cittadina di Forza Italia a Benevento nell'ottobre 2007. Alle elezioni politiche del 2008 viene candidata ed eletta deputato alla Camera dei deputati, nella lista de Il Popolo della Libertà. Successivamente diventa membro del Consiglio Direttivo PdL alla Camera.

È salita per la prima volta agli onori della cronaca per aver intrattenuto insieme con la collega Gabriella Giammanco, durante una delle prime sedute parlamentari della legislatura, uno scambio di bigliettini "galanti" col premier Silvio Berlusconi[1]. Alle elezioni politiche del 2013 viene rieletta deputato alla Camera, nella medesima circoscrizione Campania 2 tra le liste PdL.

Il 28 aprile 2013 giura nelle mani del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano come Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali nel governo di larghe intese tra PdL, Partito Democratico, Scelta Civica e Unione di Centro, guidato da Enrico Letta. È la seconda donna, dopo Adriana Poli Bortone, a ricoprire questo ruolo.

Il 30 settembre dello stesso anno, assieme agli altri ministri del PdL, presenta dimissioni "irrevocabili"[2], che successivamente vengono respinte dal Presidente del Consiglio Letta[3].

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività de Il Popolo della Libertà[4], aderisce al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano[5][6].

Il 26 gennaio 2014, prima che la Camera voti una mozione di sfiducia presentata nei suoi confronti dal Movimento 5 Stelle in seguito al suo presunto coinvolgimento nello scandalo che ha interessato l'ASL di Benevento, si dimette dalla carica di ministro[7], dimissioni che vengono accolte il giorno dopo dal premier Enrico Letta[8]. Il 5 marzo è eletta capogruppo alla Camera dei deputati del Nuovo Centrodestra al posto di Enrico Costa, che lascia l'incarico perché nominato sottosegretario di Stato alla Giustizia del nuovo governo Renzi[9]. Ad ottobre viene eletta vicepresidente della Giunta per le autorizzazioni a Montecitorio.

Nunzia De Girolamo a veDrò 2012.

In contrasto con il leader Angelino Alfano per il fatto di voler uscire dal governo, l'8 aprile 2015 viene sostituita, dopo aver rifiutato di dimettersi, da Maurizio Lupi come capogruppo alla Camera di Area Popolare, decidendo però di rimanere come minoranza nel partito, pur non condividendone da tempo la linea[10]. Il 2 giugno al Teatro Nuovo di Milano insieme a Marco Reguzzoni della Lega lancia I Repubblicani, nuovo movimento nato con l’intento, non riuscito, di raggruppare le varie anime del centrodestra dopo l’introduzione della nuova legge elettorale e quindi l’idea di una federazione tra Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e il partito di Alfano[11]. Il 22 settembre dello stesso anno, in polemica col suo partito per quello che lei interpreta come un appiattimento sulle posizioni del Partito Democratico, annuncia la sua fuoriuscita dal Nuovo Centrodestra per approdare in Forza Italia[12], seguita da 120 amministratori campani[13]; sarà poi commissario del partito in Molise fino all'agosto 2017.

L'anno seguente si ricandida alla Camera come capolista per il proporzionale nel collegio Bologna-Imola, poiché nel suo collegio Avellino-Benevento a sorpresa sarebbe seconda dietro a Cosimo Sibilia (e per questo accusa il coordinatore regionale Domenico De Siano), ma non viene eletta.

Dopo la politica[modifica | modifica wikitesto]

Da luglio 2018 ha una rubrica sul quotidiano Il Tempo dal titolo Nunzia Vobis[14] e una rubrica settimanale sul quotidiano Libero dal titolo Piazza del Popolo. Dal 2020 è giornalista pubblicista, iscritta all'Ordine dei Giornalisti del Lazio.[15]

Dal settembre dello stesso anno e fino al 2021 collabora come opinionista e inviata a Non è l'Arena, programma di LA7 condotto da Massimo Giletti[16]. In questo contesto ha seguito in prima linea la storia delle sorelle Napoli, le tre sorelle siciliane minacciate dalla mafia. Dal 30 marzo 2019 partecipa come concorrente alla quattordicesima edizione del talent show Ballando con le stelle, gareggiando in coppia con il ballerino professionista Raimondo Todaro[17]. Protagonista di scontri spesso accesi con la giurata Selvaggia Lucarelli. Si classifica quinta, con ampio consenso del televoto social. Il 30 settembre prende parte a Stasera tutto è possibile su Rai 2.

Il 13 febbraio 2021 debutta come conduttrice su Rai 1 con il programma di attualità Ciao Maschio. Attualmente è opinionista in vari talk show, come La vita in diretta, Stasera Italia e Piazzapulita.

Il 12 febbraio 2022 riparte la seconda stagione del programma di attualità Ciao Maschio.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 la procura di Benevento ha chiesto il rinvio a giudizio per Nunzia De Girolamo nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte irregolarità per falsi mandati di pagamento all’Asl locale per fatti risalenti al 2012; tra i vari punti focali, gli appalti per il servizio del 118. I reati ipotizzati dai magistrati sono concorso in concussione, abuso d'ufficio e offerta di utilità per ottenere voti elettorali. Proprio per questa vicenda nel gennaio 2014 la De Girolamo rassegna le dimissioni da Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Ad ottobre 2020 l'accusa chiede una pena di 8 anni[18]. Il 10 dicembre dello stesso anno, assieme agli altri imputati, viene assolta perché il fatto non sussiste, in quanto condotte censurabile sul piano politico ma non penalmente rilevanti.[19]. Il processo d'appello per il reato di concussione è iniziato nel 2022.

Per un'altra vicenda risalente al marzo 2018, la De Girolamo, accusata di tentata violenza privata nei confronti di una giornalista, viene assolta nel settembre 2021 con la motivazione che «il fatto non sussiste[20]».

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 dicembre 2011 si è sposata in municipio con il deputato del Partito Democratico, ex ministro per gli affari regionali e le autonomie nel governo Conte II, Francesco Boccia. Il 9 giugno 2012 la coppia ha avuto una bambina, Gea[21]. Si professa cattolica[22].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nino Luca, «Baci!!!», Silvio e il bigliettino alle neodeputate Nunzia e Gabri, in Corriere della Sera, 13 maggio 2008. URL consultato il 2 ottobre 2013.
  2. ^ Irrevocabili dimissioni ministri Pdl, su ansa.it, ANSA, 30 settembre 2013. URL consultato il 2 ottobre 2013.
  3. ^ Respinte dimissioni ministri, su governo.it, Governo italiano, 1º ottobre 2013. URL consultato il 2 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2015).
  4. ^ L'addio al Pdl (in frantumi), rinasce Forza Italia, in Corriere della Sera, 16 novembre 2013.
  5. ^ Camera.it - XVII Legislatura - Deputati e Organi Parlamentari - Composizione gruppi Parlamentari, su camera.it (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2014).
  6. ^ Gianni Santamaria, Berlusconi lancia Forza Italia E Alfano il Nuovo Centrodestra, in Avvenire, 16 novembre 2013.
  7. ^ De Girolamo lascia: "Mi dimetto da ministro, il governo non ha difeso la mia onorabilità", in La Repubblica, 24 gennaio 2014.
  8. ^ De Girolamo, Letta accetta dimissioni. Alfano: "Ho tentato di farla restare. Ora governo più debole", in La Repubblica, 27 gennaio 2014.
  9. ^ Nuovo Centrodestra: l’ex ministro De Girolamo capogruppo alla Camera, su Campania Notizie, 5 marzo 2014. URL consultato il 13 marzo 2022.
  10. ^ Perché Nunzia De Girolamo è stata sostituita, in Il Post, 9 aprile 2015.
  11. ^ Nunzia De Girolamo lancia "I Repubblicani". Ncd al capolinea?, su Blogo, 4 giugno 2015. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  12. ^ Nunzia De Girolamo lascia Ncd ed entra in Forza Italia, su ANSA, 23 settembre 2015.
  13. ^ Berlusconi “ci sono e non mollo Fi la voglio al 25%” De Girolamo “vuole vincere lo farà con nuovo programma”, su Tribunapoliticaweb.it, 7 ottobre 2015. URL consultato l'8 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2015).
  14. ^ Nunzia De Girolamo sbarca sul Tempo con la rubrica "Nunzia Vobis", su ilQuaderno.it, 22 luglio 2018.
  15. ^ Albo Nazionale dei Giornalisti - consultato il 17 aprile 2022
  16. ^ Nunzia De Girolamo ospite fissa a Non è l'Arena: "Massimo Giletti mi è stato molto vicino, così...", in LiberoQuotidiano.it, 7 settembre 2018. URL consultato il 15 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2018).
  17. ^ Vittoria Principe, Nunzia De Girolamo nel cast di Ballando con le stelle, in La Repubblica, 16 marzo 2019.
  18. ^ Chiesti 8 anni di carcere per Nunzia De Girolamo: "Sono devastata, per gli omicidi chiedono di meno", in HuffPost, 3 ottobre 2020.
  19. ^ Processo per le consulenze all'Asl di Benevento, assolta l'ex ministra De Girolamo: "Ho perso sette anni di serenità", in La Repubblica, 10 dicembre 2020. URL consultato il 10 dicembre 2020.
  20. ^ Ha cercato di costringere giornalista a non scrivere, assolta Nunzia De Girolamo, su Ottopagine.it, 14 settembre 2021.
  21. ^ Nata Gea, la figlia di Nunzia De Girolamo e Francesco Boccia. I messaggi di auguri su Twitter, su NTR24, 9 giugno 2012. URL consultato il 2 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2013).
  22. ^ Lucio Giordano, Credo in Dio perché mi ha sempre aiutato, anche se, a volte, qualche dubbio mi assale, in Dipiù, n. 11, 18 marzo 2022, pp. 86-89.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali della Repubblica Italiana Successore Logo MIPAAF.png
Mario Catania 28 aprile 2013 – 26 gennaio 2014 Maurizio Martina