Neapolis (Siracusa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Neapolis
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
ProvinciaSiracusa Siracusa
CittàSiracusa-Stemma.png Siracusa
CircoscrizioneI municipalità Siracusa Sud
PresidenteCulotti Giuseppe
Altri quartieriGelone, Pantanelli, Zona umbertina
Sito web

Neapolis è un quartiere della città di Siracusa. Storicamente definito il "quartiere nuovo" dell'antica polis greca, il quartiere moderno è sorto sull'onda dell'espansione edilizia della città negli anni cinquanta-sessanta dello scorso secolo. Esso si è sviluppato seguendo un criterio piuttosto disordinato. Ad oggi è identificabile come uno dei più importanti quartieri economici e commerciali della città, sede di molti uffici e negozi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti ed Edifici[modifica | modifica wikitesto]

Il Parco archeologico della Neapolis[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Parco archeologico della Neapolis.

Il quartiere presenta anche una vasta area archeologica, che conserva monumenti greci e romani. Ha una folta vegetazione ed è meta di tantissimi turisti. All'interno vi sono numerosi monumenti come il Teatro Greco di Siracusa, l'Anfiteatro romano di Siracusa, le Latomie, l'Orecchio di Dionisio, l'Ara di Ierone.

Nel 2008 è stata visitata da 537.018 persone.[1]

Tecnoparco Archimede[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi di questo quartiere è presente anche un parco artistico-tecnologico chiamato Tecnoparco Archimede, che rappresenta tutte le invenzioni di Archimede.

Santuario della Madonna delle Lacrime[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Santuario della Madonna delle Lacrime (Siracusa).

È un edificio, visibile da lontano, oramai simbolo di Siracusa. La forma è slanciata, di quasi 100 metri di altezza e dovrebbe rappresentare una lacrima. È una chiesa moderna costruita a partire dagli anni '60 per conservare un quadretto in gesso che ha miracolosamente lacrimato per 4 giorni nel 1953.

Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Museo archeologico regionale Paolo Orsi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]